LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecco il mistero del blu Maya il colore del sacrificio e dell'arte
La Repubblica on line 27 - 02 - 2008

Il pigmento caratteristico delle opere d'arte e delle vittime sacrificali una delle grandi conquiste tecnologiche dell'antica civilt: "indaco, copale e argilla fusi a caldo"

Una ricerca rivela che la sua creazione era legata al valore simbolico dell'atto e al potere di guarigione dell'acqua

Il tripode che ha aiutato gli scienziati a scoprire il mistero del colore. Foto di John Weinstein, Field Museum

ROMA - Resistente a climi estremi, si mantiene intatto nei secoli. E non c' solvente ultramoderno che riesca ad aggredirlo. Il segreto del blu Maya, il pigmento turchese che caratterizza opere d'arte, offerte votive e ricopriva il corpo delle vittime sacrificali dell'antica civilt, rimasto a lungo un mistero. Ora gli scienziati hanno scoperto come questo popolo realizzava il colore, che stato definito una delle grandi conquiste artistiche e tecnologiche della Mesoamerica. Il risultato si deve ai ricercatori americani del Wheaton College dell'Illinois e del Field Museum di Chicago, secondo i quali la preparazione era strettamente collegata ai riti dei sacrifici. Il pigmento, usato dai Maya nella Mesoamerica, l'area compresa fra la fine delle piane desertiche del Nordamerica e l'Honduras, in un periodo che va dal 300 e il 1.500 d.C., ha destato da sempre l'interesse di chimici e fisici dei materiali per la sua particolare stabilit chimica e per la resistenza agli acidi, alle intemperie e al clima durissimo della regione.
Il blu, spiegano i ricercatori, era il colore dei sacrifici per gli antichi Maya che dipingevano con questo pigmento il corpo delle vittime umane deposte sull'altare prima di strappare loro il cuore o prima di gettarle nel sacro Cenote, un pozzo naturale che si trova nel complesso di Chichen Itz in Messico.
Il blu, poi, era usato anche nei dipinti murari, negli artefatti in ceramica e legno, che sono stati ritrovati in fondo al pozzo. Un recipiente di terracotta simile a un braciere a tre piedi, rinvenuto proprio nei pressi di questa cavit nel 1904, stato cruciale per la scoperta che in via di pubblicazione sulla rivista britannica Antiquity.
L'oggetto, contenente molti frammenti di un'ambra chiamata copale, stato analizzato con il microscopio elettronico che ha individuato tracce di indaco, un colorante che si ottiene dalla pianta dell'indaco, e palygorskite, un minerale argilloso. Questi ingredienti, spiegano i ricercatori, venivano fusi a caldo e il processo fissava il colore in modo indelebile.
"La combinazione di questi tre materiali, ognuno dei quali fu usato anche nella medicina Maya, ha un grande valore simbolico e rituale" ha spiegato il primo autore dello studio, Dean Arnold, del Wheaton College. "Se si pensa che i sacrifici officiati - ha proseguito - erano rivolti al dio della pioggia Chaak il simbolo che ne risulta il potere di guarigione dell'acqua in una comunit agricola strettamente dipendente dalla frequenza e dall'intensit delle precipitazioni". 27 febbraio 2008

http://www.repubblica.it/2008/02/sezioni/scienza_e_tecnologia


news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news