LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Satiro in bilico. Il presidente Voceri vola a Palermo
Igor Cipollina
Gazzetta di Mantova 29/2/2008

Basso profilo. Il sindaco di Mazara del Vallo minaccia di incatenarsi al Satiro e annuncia querele? Il Centro di Palazzo Te non si scompone e affida la risposta a una pagina scritta. Una ricostruzione densa di dettagli, con i verbi declinati al condizionale (passato). Quasi che la partita fosse data ormai per chiusa. Persa. Invece la parola fine deve essere ancora scritta: la data da segnare in agenda il 5 marzo. Mercoled prossimo il presidente del Centro di Palazzo Te, Enrico Voceri, voler a Palermo per incontrare Nicola Leanza, detto Lino, gi assessore regionale ai beni culturali e vice di Tot Cuffaro, del quale ha preso il posto dopo le dimissioni. Con lui ci saranno anche il sindaco di Mazara, Giorgio Macaddino, e l'associazione degli albergatori di Trapani. L'ultima parola spetta a Leanza, il Satiro appartiene alla Regione Sicilia. E l'autorizzazione al prestito per la mostra "La Forza del Bello" non stata ancora data. Almeno, non ufficialmente. La conferma arriva dal portavoce dell'assessore.
Basso profilo e professione di ottimismo. Come a dire, il Satiro non viene? Pazienza, la mostra sopravviver. Tanto pi che nel frattempo il numero delle opere cresciuto. Anche in prestigio: tra gli ultimi prestiti concessi, quello del Torso del Doriforo in basalto verde esposto agli Uffizi di Firenze.
Non sarebbe una tragedia, ma qualche fastidio lo creerebbe: F immagine del Satiro stata scelta come logo della mostra sul sito internet (www.laforzadelbello.it) e campeggia su tutte le brochure. Tanto che il sindaco di Mazara, dove la scultura di casa, ha annunciato querela per danni. Dando ormai per certo che da marzo a luglio l'opera sar a Mantova, molti turisti avrebbero gi disdetto vacanze e prenotazioni. Cos racconta Macaddino, spalleggiato dagli albergatori di Trapani gi sul piede di guerra.
Ecco allora la replica del Centro Te, che nelle prime righe riferisce di lavorare all'organizzazione della mostra da oltre un anno. Le richieste delle opere ai musei prestatori risalgono infatti al maggio 2007 recita la nota scritta . Da quel momento, considerata la rilevanza scientifica del Satiro Danzante per la completezza del progetto espositivo, abbiamo speso tempo, energie e passione per poter ospitare la splendida opera nella nostra Citt. Ci avvenuto in diverse fasi. Elencate con precisione: Inizialmente, come nostra consuetudine, abbiamo interpellato l'organo competente della sicurezza delle opere, la Soprintendenza. Ci sembrato doveroso avere un parere attendibile sulla fattibilit tecnica dell'operazione. Si poi instaurato un dialogo con il "proprietario" dell'opera, la Regione Siciliana e il relativo Assessorato ai beni culturali, ambientali e pubblica istruzione. La collaborazione con le istituzioni siciliane stata fattiva. Il desiderio degli amministratori mantovani e siciliani, accomunati dalla volont di promuovere i rispettivi territori, ha fatto germinare un'intesa sincera, trasformatasi in concrete proposte di promozione culturale e progettualit condivisa.
Come gi anticipato dalla Gazzetta, l'accordo prevede che la mostra mantovana sia il prodromo di una seconda esposizione da organizzarsi nel 2009/2010 in terra siciliana, con l'intento di valorizzare il meraviglioso e poco conosciuto patrimonio artistico dell'Isola. Il Centro di Palazzo Te si reso disponibile a curare tutti gli aspetti organizzativi della mostra, offrendo le competenze sviluppate in questi anni. Tornando al Satiro, il Centro Te, dopo aver effettuato un sopralluogo nella Chiesa di Sant'Egidio, dimora attuale della scultura, ha riscontrato una evidente inadeguatezza dell'allestimento museografico dell'opera. L'impianto microclimatico inesistente, l'opera supportata da una modesta struttura e l'impianto illuminotecnico insufficiente. A tal proposito, il Centro Te ha proposto di realizzare un progetto di riqualificazione allestitiva per garantire all'opera le migliori condizioni di conservazione e evidenziarne la bellezza. Per effettuare i lavori quindi indispensabile lo spostamento della scultura che dovrebbe coincidere con la presenza del Satiro all'esposizione di Palazzo Te. Al ritorno in Sicilia, l'opera sar ricollocata nella sede rinnovata e contestualmente saranno promossi eventi collaterali tendenti alla promozione dela Citt di Mazara e del capolavoro che la contraddistingue.
a questo punto che il ricorso al condizionale si fa pi insistito: Sembrava, insomma, che si fosse trovato un accordo pi che ragionevole, in grado di soddisfare tutti gli interlocutori interessati. Il Satiro e le opere della Regione Sicilia alla mostra di Mantova avrebbero goduto di una promozione sicura e la mostra del 2009 in Sicilia ne avrebbe protratto la celebrit. La Citt di Mazara, inoltre, avrebbe potuto disporre di una nuova sede finalmente adeguata per mostrare la scultura. Certo che non vi investimento senza sacrificio. I1 buon senso e l'interesse collettivo speravamo potessero superare i partico-larismi che spesso dominano le dinamiche turistiche. Siamo particolarmente dispiaciuti per l'accaduto e ci auguriamo che gli sforzi e le intese intercorse non vengano vanificati da parole rimbalzate con fragore sui quotidiani.
Riuscir il presidente Voceri a convincere anche gli albergatori di Trapani?




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news