LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dopo la legge della Regione...
F. Mancusi
Il Mattino, 28/11/2003


Una legge di svolta per difendersi dal rischio Vesuvio. Mai pi case nella zona rossa, lotta serrata agli abusi edilizi, difesa delle risorse territoriali. Nello stesso tempo, per, parte il piano di riconversione urbanistica e di sviluppo economico alternativo, incentivando le imprese impegnati nei settori della promozione turistica, ambientale, culturale. Una scelta storica, commenta lassessore regionale allUrbanistica, Marco Di Lello. Una delibera passata allunanimit nellultima seduta consiliare. E ieri mattina, per fare il punto sul piano Vesuvio, nel suo complesso, non a caso Di Lello si presentato insieme con il presidente della quarta commissione, Raffaele Petrone, esponente di Rifondazione Comunista, il capogruppo di Forza Italia, Francesco Bianco, il consigliere dei Ds, Antonio Amato.
Tutti daccordo sullimportanza delloperazione, che per la prima volta fissa criteri rigorosi nella difficile impresa di tutela del comprensorio vulcanico, diciotto Comuni (seicentomila persone) costretti a convivere con lincubo delleruzione. La legge appena approvata - dopo un iter particolarmente sofferto, fra equivoci e contraddizioni a catena - costituisce un nuovo tassello nel mosaico per la riduzione del rischio. Il punto di partenza del piano che in dieci anni dovrebbe comportare uno sfoltimento di almeno centomila abitanti e la trasformazione produttiva dellintero comprensorio. Siamo decisi ad andare avanti concretamente - ha spiegato l'assessore Di Lello - dopo sessantanni di colpevole abbandono da parte delle istituzioni, locali e centrali. Francesco Bianco, confermando il ruolo costruttivo espresso dalla Casa delle libert, ha parlato di una legge efficace e coraggiosa, che fa giustizia finalmente degli assurdi ritardi registrati, per le prevenzione del rischio Vesuvio, negli ultimi decenni. Petrone, presidente della quarta commissione consiliare (che ha licenziato il disegno di legge anti-cemento) ha riconosciuto i meriti di tutte le forze politiche regionali, per il varo di un provvedimento che va ben al di l degli interessi della comunit vesuviana. E Antonio Amato, protagonista del dibattito che ha preceduto lapprovazione consiliare, si dichiarato fiducioso anche sul varo della legge urbanistica, che dovrebbe restituire, con i suoi effetti pratici, credibilit alle istituzioni.
Nel corso dellincontro, stato abbozzato un primo bilancio delloperazione. A chiedere il bonus sono state, quest'anno, 2.700 famiglie. Gli incentivi resteranno in vigore, come le altre misure del piano, per i prossimi 15 anni. Fino al 2018 si dovrebbero investire nell'area vesuviana 700 milioni di euro. Le prossime scadenze saranno il bando (pubblicato a dicembre) da 10 milioni di euro per la riconversione degli immobili gi esistenti in attivit turistico-commerciali e lo studio di fattibilit realizzato dalla inedita societ di trasformazione territoriale. I Comuni della zona rossa dovranno adeguare i propri strumenti urbanistici entro due anni dalle disposizioni regionali: sono previsti contributi economici per far fronte a questi oneri.
Una nuova norma riguarda l'edilizia pubblica abitativa: non potendo costruire nuove costruzioni sul Vesuvio, la legge prevede una riserva fino al 20 per cento, a favore di coloro che lasceranno la zona rossa, per trasferirsi in case popolari costruite nellambito esterno della Campania. Con gli attuali livelli di affollamento, in caso dimprovvisa emergenza, l'allarme della Protezione Civile sarebbe lanciato con eccessivo anticipo, aumentando le possibilit di errore. Riducendo i residenti del venti per cento sarebbe invece possibile ridurre il margine di preavviso. Lobiettivo di fondo, come si sa, quello di evitare inutili allarmi, che avrebbero un costo economico e sociale elevatissimo.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news