LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NEW YORK - Guggenheim, via il direttore dopo 20 anni
Stefano Miliani
L’Unità 29/2/2008

Thomas Krens non è più il direttore della Fondazione Guggenheim. Dopo 20 anni. E allora? Dov'è il dramma? Magari ve lo chiederete se l'arte non è il vostro pane quotidiano. Nessun dramma. Ciononostante questo signore ha semplicemente modificato la cultura globalizzata dei musei degli ultimi vent'anni. Perché è stato Krens - tipo dal carattere ingombrante - che ha imposto alla ricca fondazione newyorkese la politica di multinazionale dell'arte con musei satellite nel mondo per vasti pubblici. E istituti storici -come il Louvre, l'Ermitage, la Tate Modern di Londra - hanno preso a guardare se non perfino a imitarlo. Ha iniziato a incantare direttori e amministratori pubblici il Guggenheim di Bilbao con superficie al titanio progettato da Gehry: con un milione di turisti l'anno dal '97 ha rivitalizzato una città destinata al declino industriale. E però questo modello culturale mostra crepe e chi vi si oppone nella Fondazione, inclusi alcuni ricchi finanziatori, mercoledì è riuscito a far ripiegare Krens al ruolo di consigliere per gli affari internazionali e a sovrintendere il suo gigantesco progetto di impiantare un Guggenheim ad Abu Dhabi, sul Golfo Persico, affidato anch'esso all'architetto Gehry, che supererà Bilbao per dimensioni e che avrà arte da ogni continente Oceania (forse) e i due Poli esclusi. Queste dimissioni, ufficialmente concordate col sorriso sulle labbra, hanno peso internazionale. Per i contestatori Krens ha creato un modello di cultura in franchising, un po' alla McDonald's. A New York lui aveva pianificato un secondo museo, progetto costoso e sfumato, mentre gli rimproveravano di non prendersi cura a sufficienza del museo-simbolo, il magnifico e storico edificio a spirale di Wright sulla Quinta Avenue ricco di opere surrealiste, Pollock, Rauschenberg, Pop e su fin ai nostri giorni. Krens ha rigettato le accuse, con lui l'edificio di Wright è stato ristrutturato e arricchito di una torre, ha comprato - contribuendo a elevarli a star - artisti come Jeff Koons, in quel museo ha allestito mostre su Armani e motociclette che hanno attirato tanti visitatori come contestazioni da chi le riteneva una svendita al commercio e alla moda. Il Guggenheim anni 2000 ha allacciato legami con partner come l'Ermitage di San Pietroburgo e ne allaccerà con il Kunsthstoriches Museum di Vienna. Eppure non tutte le ciambelle gli sono riuscite. Lui ha voluto una succursale a Las Vegas fitta di capolavori, tipo da Picasso a Warhol, che costa tanto senza i riscontri economici e mediatici immaginati. Un progetto espansionistico in Brasile si è appannato. A Venezia - dove la raccolta Guggenheim è istituzione autonoma creata da Peggy decenni prima di Krens - Pinault l'ha battuto per creare e gestire uno spazio espositivo alla Punta della Dogana. L'espansionismo dell'arte procede. Ma forse è in crisi.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news