LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stop alla Biennale supermarket
Paolo Conti
Corriere della Sera 29/2/2008

Paolo Baratta: no al catalogo del gi visto, voltiamo pagina

Basta con una Biennale accademica: tempo di un dibattito globale on line sulle ragioni dell'arte contemporanea e dell'architettura che preceda le rispettive esposizioni. Basta con le mostre che non scoprono novit ed emergenze culturali: Non compito della Biennale sottolineare successi gi acquisiti soprattutto in un momento in cui il mercato dell'arte contemporanea molto vivo e insieme suscettibile. Basta con i curatori troppo distanti dalla materia: Servono professionisti legati all'universo che dovranno raccontare.
Paolo Baratta, dal 19 dicembre 2007 alla sua seconda presidenza della Fondazione Biennale di Venezia, intende cambiare rotta all'istituzione veneziana: Occorre partire da una chiara definizione di s, certificare all'esterno la propria identit. Personalmente punto su tre temi che, a mio avviso, dovrebbero caratterizzare la ripresa generale dell'Italia. Un alto senso della cosa pubblica e la capacit di anteporre l'interesse collettivo a quello personale. La professionalit. La creativit.
Nessuna polemica diretta con la precedente presidenza di Davide Croff (ottimi risultati). Ma il marchio si annuncia diverso. Partiamo dalla contemporaneit: Sia per l'undicesima Biennale architettura, che aprir i battenti il 14 settembre sotto la guida di Aaron Betsky, sia per la Biennale arti visive del 2009, che coincider con l'anno europeo della creativit, abbiamo intenzione di lanciare il tema proposto on line e di aprire un dibattito globale aperto a architetti, artisti, critici, semplici utenti. Individueremo poi uno spazio fisico a Venezia per accogliere il lavoro dei gruppi che hanno dedicato momenti di riflessione.
E qui siamo al punto di partenza, cio all'annuncio dei temi proposti (per architettura sar Out there. Architecture beyond building). Passiamo ora all'itinerario. Prendiamo l'arte contemporanea, un settore al centro dell'interesse economico planetario tanto della massa dei piccoli risparmiatori come delle grandi ricchezze. Baratta non commenta le critiche piovute sull'ultima mostra curata da Robert Storr ma il suo giudizio chiaro dal programma pronto per il 2009: II rischio di una mostra come quella veneziana limitarsi al supermercato del gi noto. Invece non tocca alla Biennale celebrare i trionfatori del momento, sottolineare successi gi consolidati. Non dobbiamo, per parlarci chiaro, generare consenso ma intrigare con novit, problemi, interrogativi. Il nostro compito scovare e "mostrare" ci che ancora non si visto. Una cosa certa. Biennale Architettura non sar una rassegna di progettini e plastici ma un appuntamento di scoperta e conoscenza. E qui Baratta torna all'arte contemporanea: Parliamo di un settore dove si muovono immensi investimenti. Non si cerca pi il bene-rifugio a lunga scadenza ma l'utilit a medio termine. Siamo prossimi alla "bolla", insomma. Per questo un'istituzione come la Biennale non deve spiegare dove va il mercato, e quindi assecondarlo. Ma deve spiegare dove va il mondo, dove puntano le idee. Con un'unica discriminante, un solo setaccio: la qualit.
In quanto all'inevitabile confronto con palazzo Grassi, la collezione Pinault con i suoi Jeff Koons milionari e la futura struttura di Punta della Dogana? Un tempo ci si lamentava della solitudine della Biennale. Il molti-plicarsi delle proposte un segno di evoluzione. A maggior ragione, rispetto a chi valorizza una collezione, occorre un soggetto che setacci il mondo della ricerca e non quello del valore.
Modello ideale di curatore? Per architettura ricordo la Biennale di Massimiliano Fuksas come un'esperienza riuscitissima. Di Arti visive dir solo che il profilo di Harald Szeemann per me resta insuperato: se lo inseguivo per telefono, lo rintracciavo in un fuso orario puntualmente diverso da quello della telefonata precedente. Era sempre in giro per il mondo a cercare. Proprio in tema di curatori, Baratta indica un'altra diversificazione rispetto al passato: Sulla loro piena e totale autonomia non si discuter. Ma dovranno essere, rieccoci a Fuksas e a Szeemann, professionisti legati alla loro materia. Aaron Betsky un critico e architetto militante, per esempio. Io stesso accadr per Arti visive. Nomi di candidati? Nessuno. Comunque chiaro l'addio al modello Robert Storr, a lungo curator del MoMa a New York. In quanto al budget? Le liti dei direttori non si contano. Tutti protestano per la povert dei fondi. Che fare? Le risorse di cui si pu disporre sono ciliare dall'inizio e cos i limiti finanziari entro cui operare. Meglio una mostra pi piccola e sicura di una mostra grande e a rischio.
Infine il nodo della Biennale aperta tutto l'anno, uno dei temi aperti alla fine della presidenza di Davide Croff. Baratta promette un fitto calendario di laboratori di creativit
applicata destinati ai ragazzi tra i 3 e 18 anni, suddivisi in tre livelli (esperienza d creativit di base, prime applicazioni di strumenti operativi, vero laboratorio per chi ha scelto di operare in un campo artistico): Dovremo disporre di ambienti riscaldati all'Arsenale. Io penso che la creativit resti celibe se non viene accompagnata da un'esperienza concreta. E che la Biennale abbia una forte responsabilit, come istituzione, verso quei giovani che sperimentano sulla loro pelle il vuoto tra la formazione primaria e la possibilit di sperimentarsi. Per questo molti futuri cervelli fuggono all'estero. Offriremo spunti senza soffocare i ragazzi con la didattica tradizionale. Nasceranno laboratori di arte, architettura, danza. Maurizio Scaparro, per Teatro, ha gi pronte per ottobre otto sessioni con otto diversi registi. Musica sta mettendo a punto un laboratorio sul suono e il movimento col settore Danza che dovrebbe ripristinare l'Accademia Isola Danza a San Giorgio, un tempo guidata da Carolyn Carlson. Infine la Biennale Musica ripristiner il dialogo con la Fenice.
Una promessa: Individueremo un nostro modello Biennale di formazione. Non ci sar nessuna finta accademia. Prometto.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news