LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LOMBARDIA : Stop al cemento selvaggio: Villa Saporiti bussa a Milano
LA PROVINCIA DI COMO, 28 FEBBRAIO 2008

Il consiglio ha approvato una proposta di legge da sottoporre alla Regione Concessioni edilizie rilasciate solo dopo l'ok di una commissione di esperti

L'amministrazione provinciale depositerà nei prossimi giorni al Pirellone la sua soluzione anti-scempi votata all'unanimità

(d.al.) Salvare il paesaggio dalla cementificazione selvaggia. Questa è la parola d'ordine a Villa Saporiti. Nell'ultima seduta il consiglio provinciale ha approvato all'unanimità una proposta di legge per modificare la Legge Regionale n. 12 del 2005. In sintesi il documento mira a porre limiti all'attività dei Comuni nel concedere autorizzazioni a edificare su zone ancora intatte, mentre incentiva il recupero di aree urbane già esistenti che risultano abbandonate o in stato di degrado.


Il presidente della Provincia, Leonardo Carioni, trasmetterà nei prossimi giorni la proposta di legge al Pirellone nella speranza che le modifiche diventino parte integrante della normativa regionale in materia di tutela del territorio. Ma vediamo esattamente quali sono i cambiamenti proposti. Al momento la legge n. 12 del 2005 prevede che i Comuni in attesa di approvare il proprio Piano di governo del territorio (obbligatorio a partire dal 2009) possano nel frattempo predisporre programmi integrati di intervento. Ogni amministrazione comunale potrebbe, dunque, autorizzare nuove costruzioni e progetti di urbanizzazione, anche in aree verdi. Per questa fase, cioè fino al 2009, il consiglio provinciale di Como propone di introdurre una norma transitoria per dare ai Comuni la possibilità di adottare esclusivamente piani integrati di intervento riguardanti il recupero di aree dimesse o di edifici esistenti degradati. La modifica inerente le autorizzazioni paesaggistiche prevede il parere obbligatorio di una commissione per il paesaggio istituita da più Comuni associati e composta da esperti qualificati individuati per titoli ed esperienze. Di fronte alla mancata istituzione di tale commissione da parte dei Comuni la Provincia interverrebbe d'ufficio entro 90 giorni. «Sono lieto ? ha commentato Carioni - che su un tema così delicato e di interesse generale il consiglio abbia promosso un'azione comune». Per l'assessore al Territorio, Stefano Valli, «secondo la legge del 2005 i Pgt dovrebbero entrare in azione entro il 2009 ma, al momento solo pochissimi Comuni lariani hanno ottemperato alla normativa. Di qui la necessità di una normativa che salvaguardi il territorio in questa fase di cambiamento».

Il dirigente del settore Territorio a Villa Saporti, Giuseppe Cosenza, ha evidenziato un altro aspetto importante: «Da un anno circa è in vigore il Piano territoriale provinciale che pone limiti quantitativi e qualitativi agli interventi di urbanizzazione anche per quanto riguarda zone ancora non edificate. A questo piano dovranno attenersi i singoli Pgt, ma finché non vengono approvati resta pressoché inutile. Da qui l'esigenza di una norma transitoria».





news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news