LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il "sistema" delle soprintendenze: un`invenzione che risale al 1909
Laura Gigliotti
La Voce Repubblicana 28/02/2008

La mostra "La cura del bello. Musei, storie, paesaggi per Corrado Ricci``, aperta a Ravenna in tre sedi diverse dal 9 marzo al 22 giugno, a cura di Andrea Emiliani e Claudio Spadoni, a 150 anni dalla nascita (Ravenna 1858 - Roma 1934), la terza tappa di un percorso incentrato su eminenti figure di intellettuali e storici dell`arte del recente passato (catalogo Electa). La prima su Roberto Longhi, di cui veniva messo in luce il rapporto col moderno, un capitolo poco sondato della sua biografia intellettuale e rimosso con qualche imbarazzo per il pregiudizio che lo voleva poco interessato al contemporaneo, La realt, in base agli artisti di cui si era occupato e che comparivano nei suoi scritti, era tutt`altra. La seconda ha avuto come protagonista Francesco Arcangeli, fra i primi allievi di Longhi che, pur fedelissimo al maestro, ha seguito una strada diversa che ha puntato sulla modernit del secondo dopoguerra. Dal preromanticismo inglese all`informale e a Pollock.
Senza nulla tralasciare. Con Corrado Ricci viene presa in esame una tipologia di studioso del tutto diversa, con una capacit di spaziare nei pi diversi versanti senza quasi nulla tralasciare e di tradurre in atto le sue proposte. La mostra aperta in tre diverse sedi (142 fra dipinti, disegni e incisioni pi la scultura della Fanciulla di Anzio, le tavole storiche dei mosaici ravennat e un ricco materiale documentario, sponsor la Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna) parte proprio dal Ricci fondatore del concetto di tutela e dal lavoro febbrile svolto in quasi tutti i musei che ha diretto ristrutturandoli e riordinandoli con criteri nuovi e rivoluzionari.
Le opere esposte al Museo d`Arte della Citt alla Loggetta Lombardesca vengono proprio dai "suoi" musei. Da Parma, dove sono documentati i suoi interessi per Correggio, per Parmigianino e i suoi studi-sulla raccolta Farnese. Non potendo spostare gli affreschi correggeschi, saranno presenti una copia di Correggio dei Carracci, opere di Parmigianino e prestiti da Capodmonte. Una sala ripropone, sulla base d una foto d`epoca, il riordino di Ricci dell`Accademia Carrara di Bergamo con le opere di Palma il Vecchio, Lotto, Carani, Moroni, cos come lui le aveva sistemate.
A Firenze Ricci lavor per incrementare la galleria degli
autoritratti con artisti stranieri da Tommey a Von Stuck. Sar
in mostra anche un quadro di Bellini, scoperto da un antiquario.
Impegnandosi personalmente riusc a non farlo partire per
gli Stati Uniti. Una sezione rievoca la grande mostra senese
del 1904 con artisti da Lorenzetti a Beccafumi. Conclude il
percorso il riordino della Galleria dell`Accademia di Ravenna
con opere di Longhi, Rondinelli, Zaganelli esposte nell`allestimento di Ricci. Gli interessi dello storico dell`arte emergono con le opere dell`amato Barocci (logo della mostra il
"Riposo durante la fuga in Egitto" dei Vaticani), di Reni, Cagnacci e di Rembrandt, rappresentato con un`intera sala di
acqueforti. Una mostra nella mostra la sezione dedicata al
bello del paesaggio con opere di contemporanei come Caffi,
De Nittis, Fontanes, Lojacono, Signorin, Palizzi. La prima
legge di tutela, poi estesa a tutte le bellezze paesaggistiche,
riguardava infatti la pineta ravennate che stava scomparendo,
deposito di memorie letterarie da Dante a Bayron.
Tavole storiche. Nel Museo Nazionale si documenta il contributo di Ricci alla conoscenza e alla conservazione delle decorazioni musive ravennati attraverso le Tavole storiche dei Mosaici di
Ravenna edite tra il `30 e il `37 come supporto grafico finalizzato alla tutela. Emblema dell`attenzione rivolta all`archeologia da Ricci e del ruolo ricoperto come Direttore Generale la Fanciulla d Anzio (Roma, alazzo Massimo), supremo esempio della scultura greca.
Nella Biblioteca Classense a cui Ricci destin la sua biblioteca
privata, il suo archivio e il suo imponente carteggio, stata ricostruita la sua biografia culturale. Di un intellettuale fra Ottocento e Novecento, fra positivismo e romanticismo, fra Carducci e Croce. Una formazione riconducibile all`ambiente bolognese di Carducci, ma anche di De-Meis e Spaventa che riscoprono il senso etico-civile del nascente stato unitario. Emerge una misconosciuta figura di novellista, biografo. musicologo, scrittore popolare, editore di monografie di gallerie e delle 100 citt d`arte italiane. A cominciare dalla guida Ravenna e i suoi dintorni (la citt di cui nel 1897 soprintendente, la prima soprintendenza d`Italia), scritta giovanissimo nel 1878. E` la "citt dormente" di Alexandr Blok, la "Pompei dell`epoca gotica e bizantina" di Gregorovius, la citt della quiete sepolcrale di Henry James, su cui caduta la polvere del tempo, ma anche dei fasti bizantini, dei tesori musivi, delle chiese, dei battisteri, dei mausolei, di Guidarello Guidarelli celebrato da D`Annunzio, icona della Ravenna del Novecento, come ricorda Spadoni ricostruendo la storia della citt.
Risorse. La mostra del ravennate Ricci si apre in concomitanza con un fenomeno speculare opposto, ricorda il professor Antonio
Paolucci, fresco Direttore dei Musei Vaticani. Si assiste oggi
a uno sfaldamento degli istituti di tutela sia per mancanza di
risorse finanziarie, sia per carenza di risorse umane. Si pensi
che l`et media dei soprintendenti d 55 anni. La struttura
statale indebolita - prosegue - a seguito di leggi sbagliate
come la riforma del Titolo Quinto della Costituzione secondo
la quale in fatto di beni culturali a comandare non solo lo
stato, ma tutte le potest presenti nel territorio. Una situazione aggravata dalla distinzione fra tutela e valorizzazione.
"Non un`endiadi, ma una contraddizione in termini", sentenzia Paolucci. Il sistema delle soprintendenze che ha costituito
l`ossatura del Novecento una creatura di Corrado Ricci che
lo ha inventato e sperimentato per primo. E` lui che scrive la
prima vera legge di tutela nel 1909 come Direttore Generale
delle Belle Arti. Dopo essere stato soprintendente a Milano, a
Brera, passa a Firenze dove rimane solo tre anni dal 1903 al
1906, durante i quali reinventa la Galleria dell`Accademia
ponendo a fianco della Tribuna del David gli incompiuti Son
Matteo realizzato per Santa Maria del Fiore e i Prigiorri che
erano stati collocati nella Grotta del Buontalenti in Boboli.
Uomo di grande flessibilit mentale, al Bargello, il museo di
Michelangelo e Donatello, consente che entri il "Pescatorello" del contemporaneo Vincenzo Gemito. Nascono con lui la biblioteca, l`Ufficio Catalogo, l`Archivio Storico, il Gabinetto Fotografico, e "rovescia gli Uffizi come un calzino". Anni di miseria, di emigrazione e di specchiata moralit. Non fa expertise a pagamento, non tiene per s le opere che gli artisti gli regalano, ma le consegna tutte ai depositi dei musei.
Le richieste di D`Annunzio. Nel 1906 - racconta Paolucci - mentre Ricci era a Firenze. D`Annunzio si trovava a Volterra con i suoi cani e l`amante di turno. Stava scrivendo Forse che s, forse che no e voleva vedere la Pinacoteca della citt che era chiusa. Allora si rivolse a Ricci che in treno giunse fino alle Saline d Volterra e da l a cavallo raggiunse la citt e lo accontent.
Negli ultimi anni - muore a Roma nel `34 - la vita di Ricci
s`incontra con il fascismo. Lui che veniva da una cultura liberale, non n favorevole n contrario, ma come servitore
dello Stato offre i suoi servigi. Non escludendosi, con sano
pragmatismo romagnolo, cercando di ottenere il meglio nella
condizione in cui si trova, impedisce a Roma molte devastazioni
durante gli sventramenti.
Ravenna, MAR Museo d`Arte della citt; Biblioteca Classense; Museo Nazionale, dal 9 marzo al 22 giugno 2008.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news