LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Regione: al consigliere di D' Alema affidati il Turismo e i Beni culturali
(25 febbraio 2008) - Corriere della Sera

Campania Agli sms con i complimenti risponde: «Abbiate pietà di me». Darà lo stipendio in beneficenza
Velardi assessore per aiutare Bassolino


Ha il suo ufficio romano a Palazzo Grazioli, dove talvolta gli capita di incrociare Berlusconi

MILANO - «Abbiate pietà di me». A chi si complimentava per sms, magari ironizzando sulla spazzatura che lo aspetta, Claudio Velardi ha risposto così. Perché da ieri l' uomo che fra il ' 98 e il 2000 fu uno dei più ascoltati consiglieri del premier D' Alema è il nuovo assessore ai Beni culturali e al Turismo della Campania. Il suo predecessore, Domenico De Masi, si è dimesso. Nominato il 12 febbraio, ha scoperto che «il ruolo è incompatibile con la presidenza della Fondazione Ravello e con la cattedra universitaria» di cui è titolare. Allora Bassolino «ha conferito l' incarico a Claudio Velardi, imprenditore nel settore della comunicazione». Che spiega: «Ho accettato per l' amore che nutro per la mia terra e la stima che ho per Bassolino. Concepisco il compito come un servizio civile. La mia sarà un' attività di volontariato: destinerò l' indennità di assessore a un' associazione che sceglierò nelle prossime ore. Il gruppo Reti, di cui sono fondatore e azionista, si asterrà durante il mio mandato da iniziative sul territorio regionale». Perfetto. Resta da capire cosa ha spinto sulla ribalta l' uomo che ha sempre teorizzato il primato del lavoro dietro le quinte. Un anno fa, dando i voti ai migliori «uomini ombra» d' Italia - sherpa, consiglieri, addetti alla comunicazione - Velardi ammoniva: mai cedere alla debolezza della visibilità. «Venire alla luce in qualche occasione denuncia uno stato febbrile». Tant' è. «Da settimane studiava i problemi dei rifiuti: raccolta differenziata, leggi in materia. Diceva di essere diventato un grande esperto» raccontano amici e colleghi. Ma assicurano che il suo «sì» è una sorpresa, perché fino a poco fa pensava ad altro. Preparava un libro sulla campagna elettorale in corso, simile al volume che nel 2006 svelò tanti retroscena dei protagonisti di quella passata. Su tutti, l' incontro a Palazzo Grazioli fra Velardi, che ha gli uffici al quinto piano, e Berlusconi che occupa il secondo. Una visita al premier nel 2002 per presentargli con Antonio Polito il primo numero del Riformista, che Velardi aveva fondato, e la scoperta che il Cavaliere aveva appeso in bagno il contratto con gli italiani. «Per tenerlo sempre a mente» disse il leader del centrodestra che ancora pochi giorni fa, sulle scale, scherzava con Velardi: «Alla convention della Brambilla sono andato senza cravatta perché i fan si appendono...». Sarà anche per questo che lo dicono trasversale. Velardi l' assessore a Napoli l' ha già fatto. Alla Cultura, e sempre con Bassolino che allora era sindaco. Era il ' 94 e si dimise dopo un mese per una vecchia storia: era finito sotto inchiesta per aver violato i sigilli messi dai vigili alla casa della moglie. Da allora molte cose sono cambiate. A parte il fatto che in Campania governa Bassolino. «La sua colpa? La debolezza mostrata in una situazione di consenso politico e amministrativo» ha detto Velardi parlando di rifiuti su La7 il 10 gennaio. Poi ha deciso di dargli una mano. * * * La scheda Chi è Claudio Velardi è nato a Napoli nel 1954. Imprenditore, editore e politico, ha militato nel Pci, Pds e Ds La politica Nell' XI legislatura è capo ufficio stampa del gruppo parlamentare del Pds. Nell' estate del 1994, con l' elezione di D' Alema al vertice del Pds, viene chiamato dal nuovo segretario a guidare il suo ufficio. L' allora sindaco Antonio Bassolino lo invita nell' ottobre del 1995 a ricoprire la carica di assessore alla Cultura di Napoli: durerà un mese. Nell' ottobre 1998 segue D' Alema a Palazzo Chigi (insieme nella foto), sarà uno dei suoi consiglieri più stretti Lo stop Lascia l' attività politica nel maggio 2000, dopo la caduta del governo D' Alema. Ora è stato nominato assessore al Turismo della Regione Campania

Porqueddu Mario


Pagina 19



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news