LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino - Quei grattacieli oscureranno il cielo sopra Torino. Progetti ctiscutibili nonostante siano firmati da Piano e Fuksas
Paolo Hutter
Liberazione, 27 febbraio 2008

Avete presente il profilo di Torino, o almeno la sua immagine stilizzata e pubblicizzata con la Mole e con le Alpi? Non ci sarebbe proprio bisogno ci sarebbe di punteggiarlo di grattacieli alti come e pi della Mole stessa, tanto meno di farlo in una zona centrale o accanto alla collina e al Po. Tanto pi che questi grattacieli non verrebbero certo fatti per dare alloggi di edilizia popolare, ma per traslocare inutilmente uffici della Banca Intesa San Paolo e della Regione, per introdurre "segni forti" di potere, per creare valori immobiliari. Il fatto che i progetti siano firmati da due archi-star come Renzo Piano e Massimiliano Fuksas non c'entra niente, anzi serve solo a dare una copertura culturale a una operazione urbanistica discutibile. Alla vigilia di un passaggio decisivo nel consiglio comunale di Torino, il comitato "Non grattiamo il cielo di Torino" - che da qualche mese si batte contro questi megaprogetti -chiede attenzione all'opinione pubblica anche nazionale, perch il paesaggio urbano storico delle citt italiane dovrebbe essere in qualche modo un patrimonio universale, e non un fattore secondario facilmente svendibile. In questo caso non dovrebbe esserci la querelle tra ambientalismo del "fare" o del "No" perch questi grattacieli non sono n tram n treni n pale eoliche, anche se i promotori del progetto garantiscono e promettono bassi consumi energetici grazie a particolari investimenti per opportuni accorgimenti edilizi. Ma si tratta, appunto, solo di una riduzione dell'aumento dei consumi energetici che comunque l'aumento delle cubature edilizie provoca. Si tenta, naturalmente, di farla passare come un'operazione che favorisce l'occupazione, nel caso della banca San Paolo: ma tutti i sindacati, anche quelli favorevoli al grattacielo per patriottismo aziendale, hanno riconosciuto che non saranno i piani alti affacciati sui centro di Torino a piemontese invece di essere trasferiti (come sta succedendo) a Milano. A mezza bocca, nella classe dirigente torinese, sono in molti a riconoscere che questa torre nasce per un desiderio quasi personale del vecchio patron uscente del San Paolo Enrico Salza, ma l'operazione porta soldi come oneri di urbanizzazione alle casse comunali, e pazienza se c' rischio di congestionare del tutto il "centro direzionale" di uffici che nascerebbe attorno alla stazione di Porta Susa. Il passaggio decisivo -anche se non ultimo - quello di una variante urbanistica che autorizzerebbe la sopraelevazione delle costruende torri fino a 172 metri, pi altre altezze di pannelli verticali che "non fanno volume". Qualche giorno fa si era aperta la possibilit che il consiglio comunale di Torino indica un referendum consultivo cittadino sulla costruzione di grattacieli nell'area centrale. La Sinistra Arcobaleno (che pure parte della Giunta Chiamparino), tutta insieme, ha proposto un referendum consultivo di iniziativa del consiglio comunale per chiedere ai torinesi se sono d'accordo con torri alte pi di 100 metri tra la Mole e le Alpi. Le prime dichiarazioni della opposizione di centro-destra - che pure con Fi e An appoggia il grattacielo - erano state di consenso all'ipotesi, visto che la cittadinanza attenta, e divisa, su questa svolta nel profilo della citt. Il Sindaco e il gruppo Pd si sono visti accerchiati ma a dar loro manforte sono scesi in campo gli editoriali de La Stampa e dell'edizione torinese di Repubblica, ambedue contrari al referendum ("non si possono mettere in discussione decisioni gi prese", "se non voter almeno il cinquanta per cento dei torinesi, il conto lo paghino quelli che il referendum l'hanno preteso".) Adesso Sindaco e Pd si dicono disposti solo a un eventuale futura consultazione su futuri sviluppi
referendum il progetto San Paolo (di Renzo Piano) dato che la banca ha gi comprato l'area al Comune. (Ma la licenza edilizia ancora non c' e se davvero i cittadini s pronunciassero per altezze massime di 80-100 metri, quindi contro l'attuale progetto di 185 metri, non sarebbe poi facile per ['immagine del San Paolo pretendere i danni dalla "sua" citt.) Nella vicenda, pi che mai aperta in queste ore, c' un aspetto che inevitabilmente si intreccia con lo scontro politico elettorale. Nonostante il dissenso trasversale in citt coinvolga anche l'area del Pd, sembra che istituzionalmente il partito facci di questi grattacieli una bandiera come fa della Tav. E' il caso o non il caso di porre un deciso limite sa al consumo di suolo che ai mega-progetti urbani? La salvaguardia del paesaggio vale solo per gli ecomostri sulle coste? Che dire poi - ecco l'altro aspetto, quello della democrazia locale - di questi referendum comunali? Se ci partecipa il 40% dei cittadini diciamo che son falliti? Ha ragione Fuksas (progettista di 220 metri di torre per la Regione a Torino e partecipante al lancio del programma del Pd) secondo il quale "Questi referendum sono ridicoli : in democrazia si vota per un'amministrazione e se non ti piace a fine mandato non la voti pi" ? Si pu ragionare su forme pi leggere e insieme pi raffinate di democrazia partecipata, sulle consultazioni, le giurie dei cittadini, i tavoli. Ma se non ci sono alternative praticabili e riconosciute, il referendum comunque meglio dei giochi chiusi tra sindaci, banchieri e costruttori. (Salvo auspicabili ma improbabili salvataggi del paesaggio da parte del Ministero dei Beni Culturali.) Nella spietata marcia delle ruspe del bipartitismo speriamo che non si arrivi anche ad abolire qualunque forma di consultazione che riguarda i problemi. Le primarie le fanno solo per le persone (e non sempre.)



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news