LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli - Addio turisti: i rifiuti spaventano pi dei clan
Salvo Sapio
Il Mattino, 26 febbraio 2008

I rifiuti terrorizzano i turisti, il traffico li sgomenta. Tanto che la sicurezza non considerata pi l'aspetto pi preoccupante per i viaggiatori che arrivano a Napoli. Incidono molto di pi la sporcizia, il traffico e quasi allo stesso modo la disorganizzazione dei servizi pubblici. Il dato emerge da una ricerca promossa dal Centro Studi dell'Unione industriali di Napoli guidato da Diego Guida, e dalla Sezione Turismo dell'Associazione, presieduta da Teresa Naldi. In particolare, una indagine sul campo coordinata dall'ordinario di Statistica della facolt di Economia della Federico II, Roberta Siciliano, mette in evidenza come, fin dalla scorsa primavera, durante il Maggio dei Monumenti 2007, i turisti intervistati associassero al capoluogo partenopeo, quale elemento di negativit, pi gli effetti dell'emergenza rifiuti che altre componenti.
Da allora, con il crescere della crisi rifiuti, cresciuta l percentuale dei turisti allarmati per la presenza incombente dell'immondizia. Gli stranieri, soprattutto, hanno indicato la sporcizia come l carenza principale: 40,6% dei casi contro la pi contenuta ma comunque elevata percentuale (37,4%) degli italiani. Quattro turisti su dieci puntano il dito contro l'emergenza rifiuti tanto che, al di l dell'emergenza, il 63% degli intervistati ritiene che serva maggiore pulizia e che i monumenti non siano sufficientemente tutelati (45%). Problemi che si aggiungono alle carenze che i viaggiatori evidenziano un po' in tutti i settori. Per l'offerta ricettiva quasi il 60% dei turisti non ritiene comodi gli alberghi di Napoli, mancano poi servizi aggiuntivi (44%) ed ancora poco diffusa la conoscenza delle lingue straniere. I trasporti, poi, non garantiscono una interconnessione efficace e scor raggiano anche per la scarsa regolarit del trasporto pubblico. Le risorse turistiche - spiega Diego Guida, consigliere incaricato al centro studi dell'Unione industriali - devo;-no essere poste al centro di un sistema organizzato di fruizione e valorizzazione. Solo cos potremo armonizzare l'utilizzo delle risorse esistenti, sviluppare quelle assenti o carenti e realizzare processi integrati di crescita del settore. Per procedere in questa direzione occorre una progettazione per cos dire dal basso, non pi imposta al territorio. Partendo dai dati di fatto. questa esigenza che ha ispirato l'indagine.
Dall'indagine scaturisce inoltre una tipologia di turista che si organizza da solo il soggiorno (49,3%), evitando il ricorso ad agenzie di viaggio altri intermediari. I turisti arrivano a Napoli consultando internet o con il passaparola nel 55,8% dei casi. Effetto ani-che e soprattutto di lacune organizzative del settore. Lusinghiera invece l'opinione manifestata dai turisti in ordine alle strutture ricettive alberghiere, con valutazioni di eccellenza assoluta che riguardano la met di quanti hanno risposto al questionario.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news