LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna -Su Tuvixeddu il Tar sbaglia: per il codice dei beni culturali lintera area va tutelata
La Nuova Sardegna 26/02/2008

Sulla questione Tuvixeddu i sottoscritti docenti e ricercatori dellUniversit di Cagliari intendono portare allattenzione generale alcune riflessioni che non comportano un giudizio tecnico sulloperato del Tar, piuttosto alcune valutazioni sul concetto stesso di bene ambientale e culturale, come emerge dalla sentenza del tribunale. Riconosciamo infatti al Tar quella competenza in materia di verifica della correttezza procedurale, che viceversa noi non possediamo. Per la nostra formazione e per le nostre specifiche competenze in materia di beni ambientali e culturali ci sentiamo per autorizzati a ritenere che il Tar, in base a quanto emerge dalla sentenza in oggetto, mostri di non aver tenuto nel dovuto conto non tanto la lettera, quanto lo spirito che ha diretto la formulazione del Codice dei Beni culturali e del paesaggio. Nel sostenere che lestensione del vincolo allarea del contesto Tuvixeddu-Tuvumannu-Is Mirrionis finora non soggetta a vincolo archeologico, e nella quale insistono progetti e investimenti finalizzati anche alledilizia civile, non giustificata da nuovi ritrovamenti di natura archeologica, che avrebbero richiesto lallargamento del vincolo, la valutazione del Tar entra in palese contraddizione con quanto invece affermato nella proposta di Dichiarazione di interesse pubblico avanzata dalla Commissione per lintero contesto, compresa larea finora non soggetta a vincolo archeologico, secondo la quale sarebbero invece intervenuti fatti nuovi, suscettibili di rendere quanto mai necessaria tale estensione. Concordiamo su quanto la Commissione regionale del paesaggio ha specificato nella lunga e articolata premessa alla sua proposta, che cio il fatto realmente nuovo, che imponeva e di fatto impone una revisione della situazione precedente, rappresentato dallo stesso Codice dei Beni culturali e del paesaggio, che introduce il concetto, radicalmente innovativo, del bene paesaggistico come unit ambientale nella quale insistono le varie categorie di beni culturali (naturalistici, storici, archeologici, artistici, demoetnoantropologici). In questa chiave assume ben poca rilevanza laffermazione del Tar, che nellarea non sottoposta a vincolo non siano intervenuti nuovi ritrovamenti archeologici, perch privilegia la vecchia, precedente accezione del bene culturale e non tiene conto del fatto che, per le sue caratteristiche geomorfologiche, pedologiche, floristiche, storico-archeologiche, antropologiche, anche quellarea risulta inscindibile dallunit ambientale rappresentata dal contesto Tuvixeddu-Tuvumannu-Is Mirrionis. Da questa nuova percezione, introdotta dal Codice, deriva la possibilit di restaurare il paesaggio, con il ripristino della sua unit ambientale non tanto originaria (giacch un ritorno alle origini operazione impossibile) quanto anteriore a una serie di interventi pi o meno recenti, che lhanno compromessa quando non obliterata, pur non cancellandone del tutto la memoria, che va quindi anchessa salvaguardata. Appare evidente, in questa nuova percezione del paesaggio, limportanza del processo di ricostruzione della fisionomia storica del contesto. Appare dunque pienamente legittimo loperato della Commissione, che si basata sullintera documentazione darchivio (non soltanto sulla cartografia storica) e materiale per ricostruire la fisionomia storica del contesto Tuvixeddu-Tuvumannu-Is Mirrionis. Quanto allobiezione che il Tar fa propria nel contestare alla Commissione di non aver considerato le trasformazioni cui andata incontro una parte dellarea, nello specifico quella non soggetta a vincolo e interessata da investimenti privati, occorre sottolineare che dette trasformazioni datano soltanto a partire dal 1997. Sarebbe quantomeno illogico che proprio la pi recente fase di vita di parte del contesto sia assunta come fatto dal quale non si debba e non si possa prescindere, anzi capace di inibire qualunque proposta di ripristino dellunit ambientale rappresentata dallintero contesto. Se giudicate lesive dellunit ambientale, dette trasformazioni non devono essere considerate irreversibili, soprattutto se la destinazione ultima del bene al quale si sono applicate lo sottrae alla fruizione pubblica, per consegnarlo ad una totalmente privata, lesiva dellobiettivo fondamentale: che cio lintera unit ambientale Tuvixeddu-Tuvumannu-Is Mirrionis rimanga o ritorni a essere patrimonio della collettivit. Se il processo di ripristino dovesse avere dei costi, e se questi dovessero comportare il giusto risarcimento allimprenditore privato che abbia legittimamente investito nellarea, riteniamo che ogni unit ambientale riconosciuta di notevole interesse pubblico possa comprendere e debba considerare leventualit di simili risarcimenti, da parte dellEnte pubblico, a tutela tanto del privato quanto del bene collettivo. A nostro avviso la sentenza del Tar difetta dunque di lungimiranza, perch anzich informarsi alla nuova percezione del paesaggio, introdotta dal Codice dei Beni culturali e del paesaggio, si limita a ribadire la legittimit di quanto programmato e intrapreso prima dellentrata in vigore di detto Codice, senza riconoscere il giusto peso alla mutata sensibilit nei confronti dellambiente, viceversa recepita e fatta propria dalla Commissione. Da organi dello Stato di cos ampie competenze in materia giuridica ci saremmo aspettati non solo censure di natura procedurale ma almeno un invito a prender coscienza di questa innovativa visione del paesaggio, almeno un auspicio del recupero dellunit ambientale del contesto, che riportasse in primo piano ci che in sede pubblica lintera vicenda ha evidenziato e ancora oggi evidenzia: lassenza di una reale volont di recuperare il contesto di Tuvixeddu-Tuvumannu-Is Mirrionis come valore ambientale in s, a prescindere dalla sua produttivit in termini economici. Riteniamo che una societ che voglia definirsi autenticamente civile non possa esimersi dal riconoscere un tributo, di qualunque natura esso debba essere, alla cultura, e che proprio la consapevolezza del valore di questo tributo rappresenti il pi alto segno di civilt.
* Simonetta Angiolillo, professore ordinario di Archeologia classica; Roberto Coroneo, professore straordinario di Storia dellarte medievale e direttore del dipartimento di Scienze archeologiche e storico-artistiche; Bruno Anatra, professore ordinario di Storia moderna



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news