LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA - chi vince se la citt perde l'opera?
VITTORIO COLETTI - COSTANTINO MALATTO
MARTED, 26 FEBBRAIO 2008 LA REPUBBLICA GENOVA



--------------------------------------------------------------------------------

I lavoratori del nostro teatro sembrano non rendersene conto. Sono abituati ai vecchi tempi dei buoni stipendi e delle disponibilit illimitate. Li capisco. Non hanno certo tutti i torti. Ma non vedono che quello che non ottengono oggi da Di Benedetto non lo avranno domani da nessuno. Chiusi nella loro offesa corporazione, non sanno che, ad un certo punto, la difesa di vecchi diritti, che la collettivit (ahim) non pi disposta a riconoscere, diventa la rivendicazione di un privilegio odioso, che procura astio e non solidariet a chi lo invoca.
E ora che i sindacati del Carlo Felice si rendano conto che la chiusura del loro teatro non scandalizzerebbe quasi nessuno e che sarebbe presto dimenticata da una citt che non ha risorse neppure per opere pi urgenti e necessarie di quelle liriche. Questo non significa che debbano rinunciare a difendere i loro iscritti. Ma che dovrebbero imparare a conciliare i loro legittimi interessi con quelli che la societ circostante ritiene, a torto o a ragione, pi urgenti e rispettare nel Sovrintendente, che della amministrazione il responsabile insieme col Consiglio, la figura deputata a mediare tra le disponibilit della comunit e le esigenze del teatro.
In questa situazione, il sospetto di un connubio tra rivendicazioni sindacali e attese professionali del maestro Oren toglie ulteriormente credibilit a tutti e veste il direttore principale dellimpropria veste di leader sindacale, minando la sua immagine di uomo darte e di cultura.
Toccher, stavolta inevitabilmente, al sindaco intervenire. E non vedo altra soluzione che limposizione di una tregua tra tutti che duri fino alla fine della stagione, con un passo indietro generale. In mancanza, sarebbe pi saggio chiudere il teatro in attesa di tempi migliori e pi generosi. Al Carlo Felice non possono esserci degli sconfitti, perch tutti hanno delle buone ragioni. Ma non deve esserci neppure un vincitore, perch, se no, perde il teatro. Anzi, la citt perderebbe il suo teatro.


--------------------------

IL CASO Il contratto di Oren, la grande incognita

Il contratto di direttore musicale al maestro Daniel Oren una delle incognite che pesano sul futuro del Teatro dellOpera. Ancora recentemente il sindaco Vincenzi ha dato per fatto laccordo, ma in realt Oren e Di Benedetto sembrano ancora lontani dallintesa. Sullargomento, ovviamente, circolano solo indiscrezioni. Chi non ama il direttore israeliano racconta di un contratto-capestro, solo apparentemente generoso. Queste voci parlano di un contratto nel quale Oren chiede un compenso simbolico di un euro, ma con clausole di salvaguardia pesantissime nel caso di disaccordo con la Fondazione. Il sovrintendente, nellintervista a Repubblica", ha dichiarato: Le richieste che avanza il maestro comporterebbero per lui responsabilit tali da snaturare lorganigramma di questo Teatro. Richieste molto difficilmente accoglibili. Una trattativa ancora in salita.
(c. mal.)

---------------------
I PROTAGONISTI

Prima dello sciopero, a sorpresa, manifestazione contro il sovrintendente

Carlo Felice, il sindacato attacca "Tutti in corteo dal teatro a Tursi"

"Ci tasseremo per licenziare Di Benedetto"

Alla Vincenzi i rappresentanti dei lavoratori consegneranno un assegno-cartellone da 540mila euro



--------------------------------------------------------------------------------

In una vertenza sindacale durissima al Teatro dellOpera il meno che ci si possa aspettare un clamoroso colpo di scena. I sindacati che hanno annunciato lo sciopero che far saltare la prima del Trovatore il 7 marzo - Fials, Snater e Libersind - questo colpo di teatro lo stanno programmando. Andr in scena alla vigilia della prima: un corteo sindacale partir dal Carlo Felice e si diriger verso Palazzo Tursi. Al sindaco Marta Vincenzi i sindacalisti cercheranno di consegnare un enorme assegno, una specie di cartellone, da 540.000 euro. quello che il Teatro avrebbe voluto consegnare a noi come anticipo - spiegano Nicola Lo Gerfo (Fials) e Roberto Conti (Snater) - e che abbiamo rifiutato. Noi ci tasseremo e lo verseremo al sindaco in cambio del licenziamento del sovrintendente Gennaro Di Benedetto.
Il quale Di Benedetto sempre pi nel mirino dei sindacati. Specialmente dopo lintervista a Repubblica dei giorni scorsi. Di Benedetto racconta un sacco di balle - accusa Lo Gerfo - daltra parte se unazienda in cinque anni cambia tre direttori artistici, quattro direttori del personale e quattro direttori degli allestimenti, questo significa che nel vertice di quellazienda c qualcosa che non va . A far arrabbiare i sindacati c soprattutto laccusa di avere dichiarato lo sciopero prima ancora dellincontro con la Fondazione: Non cos - si ribella Conti - ci sono stati altri incontri che hanno rivelato il bluff del sovrintendente. Allora abbiamo detto: basta, inutile andare avanti. Il Libersind ha proposto lo sciopero e noi e la Fials abbiamo aderito. Proseguire a trattare con Di Benedetto come accettare di essere presi per i fondelli.
La Fials poi addirittura infuriata per il fatto che Di Benedetto leghi la dichiarazione di sciopero alla mancata firma sul contratto di direttore musicale a Daniel Oren. talmente falsa questa tesi - replica Lo Gerfo - che posso annunciare fin da oggi: anche se Di Benedetto firmasse il contratto a Oren noi non sospenderemmo lo sciopero. Piuttosto mi chiedo: perch il contratto non viene firmato? Cosa c veramente sotto? Quanto allanticipo sullintegrativo, Conti afferma che non vero che stato rifiutato: Noi - spiega il segretario dello Snater - abbiamo chiesto una trattativa in cui lammontare dellintegrativo fosse legato alla produttivit e al rilancio del Teatro. Di Benedetto ci ha offerto quei cento euro "prendere o lasciare". E in pi avrebbe voluto che firmassimo un accordo sulla pace sindacale. Noi abbiamo replicato: sui cento euro non siamo daccordo, li prendiamo ma non firmiamo niente. E l saltato tutto.
La verit, dicono i due sindacalisti, che manca una vera controparte. Al Carlo Felice - accusano - il sovrintendente fa il bello e il cattivo tempo. E porta il Teatro alla rovina. Ci chiediamo poi: il governo ripianer con una pioggia di milioni i deficit dei teatri dellopera in rosso. giusto che chi, come noi, ha fatto sacrifici per dieci anni non abbia niente in cambio? Perch se il Carlo Felice in pareggio il merito dei dipendenti e dei loro sacrifici. Anche il sindaco deve uscire dallequivoco. La Vincenzi deve chiarire una volta per tutte: vuole davvero, come ha promesso, un Teatro dellOpera di livello europeo? O preferisce tirare avanti con stagioni di basso livello e senza programmi di sviluppo?



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news