LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I tesori d`arte ospitati a Vienna
Marco Carminati
Il Sole 24 Ore 24/02/2008

Paradisi fiscali sono anche paradisi per l`arte? A quanto pare no. Anni fa il barone Heinrich von Thyssen ha messo al "riparo" la sua collezione di dipinti portandola da Lugano a Madrid e vendendola allo Stato spagnolo che ne garantisce oggi gestione e mantenimento. Pi di recente, il principe Adam II del Liechtenstein ha riportato a Vienna le celebri raccolte d`arte
di famiglia conservate fino al 2004 nel castello di Vaduz.
Quali sono stati i motivi del trasloco? I Liechtenstein sono collezionisti da secoli e le loro raccolte di pittura e scultura hanno spesso gareggiato con quelle degli Asburgo. I loro tesori sono sempre stati conservati, ben visibili al pubblico, in due palazzi di Vienna, uno nel centro storico e un altro appena oltre
il Ring. Quando i nazisti occuparono l`Austria nel 1938, le gallerie dei Liechtenstein vennero dichiarate irrinunciabili beni artistici per il Reich e fu intimato alla famiglia il divieto d`esportazione. Ma, con i bombardamenti su Vienna a partire dall`estate del 1943, i principi attivarono una rocambolesca fuga di capolavori attraverso cantine di conventi e miniere di salgemma, facendo approdare a Vaduz l`intera raccolta.
Dopo la guerra lo Stato austriaco ha fatto notevoli (e sgradevoli) pressioni sui Liechtenstein per indurli a riportare in patria le
raccolte. Senza ottenere risultati. Solo nel 2000 si giunti a un accordo. Il principe Hans Adam II, si impegnato a riallestire
un`esposizione permanente di 25o capolavori nello splendido palazzo di Vienna perfettamente ristrutturato (e per fare questo il nobiluomo ha speso 20 milioni di curo), in cambio della libera circolazione nei due sensi tra Vaduz e Vienna delle altre 1.6oo opere che compongono la collezione di famiglia.
Il Museo Liechtenstein un luogo affascinante, un palazzo barocco circordato da un parco urbano che contiene capolavori di Rubens,
van Dyck, Frans Hals, Brueghel e Bellotto.
Assieme a una spettacolare biblioteca al pian terreno ricca di ioomila volumi. Curioso apprendere che il principe ha rinunciato
a sovvenzioni statali di qualsiasi tipo: il museo e sar esclusivamente privato, sganciato da logiche locali. In questi anni ha continuato ad acquistare opere d`arte sul mercato (con investimenti per diversi milioni di euro) puntando sulla costante crescita delle raccolte e sulla variet di offerta, soprattutto
in termini di mostre temporanee e di servizi (il ristorante del museo uno dei migliori di Vienna). Per gestire la raccolta, i Liechtenstein hanno anche aderito al Private Art Collections, un`associazione che riunisce altre collezioni private di rilievo (la Harrach, la Esterhzy, la Schonborn-Buchheim, la Residenzgalerie di Salisburgo, l`Accademia di Arti Figurative di Vienna) per scambi di opere e idee che consentano esposizioni
pi ricche e migliori sinergie organizzative.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news