LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I tesori d`arte ospitati a Vienna
Marco Carminati
Il Sole 24 Ore 24/02/2008

Paradisi fiscali sono anche paradisi per l`arte? A quanto pare no. Anni fa il barone Heinrich von Thyssen ha messo al "riparo" la sua collezione di dipinti portandola da Lugano a Madrid e vendendola allo Stato spagnolo che ne garantisce oggi gestione e mantenimento. Pi di recente, il principe Adam II del Liechtenstein ha riportato a Vienna le celebri raccolte d`arte
di famiglia conservate fino al 2004 nel castello di Vaduz.
Quali sono stati i motivi del trasloco? I Liechtenstein sono collezionisti da secoli e le loro raccolte di pittura e scultura hanno spesso gareggiato con quelle degli Asburgo. I loro tesori sono sempre stati conservati, ben visibili al pubblico, in due palazzi di Vienna, uno nel centro storico e un altro appena oltre
il Ring. Quando i nazisti occuparono l`Austria nel 1938, le gallerie dei Liechtenstein vennero dichiarate irrinunciabili beni artistici per il Reich e fu intimato alla famiglia il divieto d`esportazione. Ma, con i bombardamenti su Vienna a partire dall`estate del 1943, i principi attivarono una rocambolesca fuga di capolavori attraverso cantine di conventi e miniere di salgemma, facendo approdare a Vaduz l`intera raccolta.
Dopo la guerra lo Stato austriaco ha fatto notevoli (e sgradevoli) pressioni sui Liechtenstein per indurli a riportare in patria le
raccolte. Senza ottenere risultati. Solo nel 2000 si giunti a un accordo. Il principe Hans Adam II, si impegnato a riallestire
un`esposizione permanente di 25o capolavori nello splendido palazzo di Vienna perfettamente ristrutturato (e per fare questo il nobiluomo ha speso 20 milioni di curo), in cambio della libera circolazione nei due sensi tra Vaduz e Vienna delle altre 1.6oo opere che compongono la collezione di famiglia.
Il Museo Liechtenstein un luogo affascinante, un palazzo barocco circordato da un parco urbano che contiene capolavori di Rubens,
van Dyck, Frans Hals, Brueghel e Bellotto.
Assieme a una spettacolare biblioteca al pian terreno ricca di ioomila volumi. Curioso apprendere che il principe ha rinunciato
a sovvenzioni statali di qualsiasi tipo: il museo e sar esclusivamente privato, sganciato da logiche locali. In questi anni ha continuato ad acquistare opere d`arte sul mercato (con investimenti per diversi milioni di euro) puntando sulla costante crescita delle raccolte e sulla variet di offerta, soprattutto
in termini di mostre temporanee e di servizi (il ristorante del museo uno dei migliori di Vienna). Per gestire la raccolta, i Liechtenstein hanno anche aderito al Private Art Collections, un`associazione che riunisce altre collezioni private di rilievo (la Harrach, la Esterhzy, la Schonborn-Buchheim, la Residenzgalerie di Salisburgo, l`Accademia di Arti Figurative di Vienna) per scambi di opere e idee che consentano esposizioni
pi ricche e migliori sinergie organizzative.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news