LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L`Azienda cultura chiede meno Stato e pi concorrenza
Antonello Cherchi
Il Sole 24 Ore 25/02/2008

Aprire ala trasparenza, alla concorrenza, superare il pregiudizio ideologico che vuole lo Stato "padrone" assoluto dei luoghi
di cultura; capire che musei, siti archeologici, monumenti, biblioteche, archivi rappresentano per davvero un importante settore economico con grandi potenzialit.
Andare, insomma, oltre la legge Ronchey - che pure ha avuto il merito di svecchiare la gestione dei beni culturali - per prevedere alleanze pubblico-privato allargate, non limitate soltanto alle concessioni dei servizi aggiuntivi, ma estese all'organizzazione vera e propria dei siti, con possibilit di intervento nei restauri, nella manutenzione, nel reclutamento del personale, nei parametri di offerta al pubblico.
Lo Stato deve, dunque, fare un passo indietro dalla gestione diretta del patrimonio e occuparsi dell'indirizzo e controllo della qualit dei servizi privati. Si tratta di aprirsi al mercato , con tutte le cautele indotte dal particolare tipo di ambito in cui si va a operare. Il passo indietro deve essere compiuto in nome della valorizzazione dei luoghi di cultura, che, messi in rete, producono ricchezze per interi territori. Finora dal legislatore sono, invece, arrivate soprattutto dichiarazioni di intenti, rintuzzate dalla rigidit con cui spesso (non sempre),si muovono ministero e soprintendenze. E' l`atto d`accusa contenuto nel libro bianco "La valorizzazione della cultura fra Stato e mercato" predisposto da Confindustria (l`associazione che raggruppa buona parte dei gestori privati dei servizi aggiuntivi dei luoghi di cultura) e che verr presentato mercoled 27 alle ore 14,30 presso la Sala delle colonne della Luiss di Roma. A quindici anni dalla "Ronchey", ci si trova in una fase di stallo.
Il pubblico continua a ritagliarsi un ruolo preponderante e spesso l`apertura al mercato pi fittizia che reale, perch diversi raggruppamenti di privati finiscono con l`avere le spalle coperte dalle amministrazioni pubbliche. Gli stessi operatori privati non sono, tuttavia, indenni da colpe, perch talvolta contribuiscono a creare situazioni di oligopolio mediante - si legge nel libro bianco - l`utilizzo immotivato di associazioni e raggruppamenti temporanei partecipanti alle gare o l`incrocio di partecipazioni societarie e di amministrazioni. Un quadro di inefficienze, di scarsa trasparenza, di mancanza di concorrenzialit alimentato dall`assenza di regole per mandare a gara le concessioni scadute o in proroga.
Il Ministero ne ha predisposte di nuove, ma i privati non sono soddisfatti. Nonostante questo il settore dei beni culturali mostra segni di vitalit: negli ultimi anni sono cresciuti i visitatori dei numerosi luoghi d`arte (solo quelli statali nel
2006 erano 400, visitati da 34,5 milioni di persone, con un introito dalle biglietterie di 104 milioni) con una crescita degli occupati (dato riferito al periodo 1990-2000) del 18,3%, mentre l`avanzamento medio stato del 2,3 per cento.
Eppure, se si guarda al confronto tra valore aggiunto della
cultura (differenza tra costi e ricavi) e fatturato ci si rende conto che il rapporto italiano (36,4%) quasi met del francese (68,3%), sopravanzato da quello tedesco (42,9%) e superiore, invece, a quello della Spagna (29,3.per cento). Francia e Germania, insomma, "sfruttano" meglio il loro patrimonio.
Situazione che trova riscontro nel paragone internazionale dei servizi informativi dei musei. La media di gradimento italiana non arriva a sei punti, mentre per altri grandi strutture come il British museum di Londra, il Metropolitan di New York e il Louvre di Parigi, si superano i sette punti.
Risultati coerenti con l`assetto strutturale e organizzativo dei nostri musei, che tende a parcellizzare o diversificare le responsabilit gestionali non solo tra pubblico e privato, ma anche tra gli stessi privati. E' dunque necessario un "nuovo paradigma" per lo sviluppo economico delle attivit culturali.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news