LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nella cisterna romana fregi, statue, capitelli e il gran tempio perduto
Carlo Alberto Bucci
La Repubblica 22-02-2008

Cercavano il fondo della vasca e i canali per lo scolo delle acque. E si sono trovati davanti il corpo di una fanciulla, fasciata da un panneggio mosso che evidenzia le forme aggraziate della ragazza: bellissima, anche se scempiata e mutilata dalla furia dello scalpello. Accanto, il pezzo di un sarcofago istoriato. Poi cippi, iscrizioni e altari funerari dellantica via Castrimeniense che porta a Marino. Ma, soprattutto, decine di frammenti di un tempio in peperino che Rodolfo Lanciani nell800 gi doveva constatare come scomparso. E i cui capitelli, fregi dorici, lesene e basi dirute, erano andati invece a finire da secoli nel "butto" l vicino. Ossia la gigantesca cisterna di inizi primo secolo dopo Cristo appena ritrovata a due passi dalla ferrovia che attraversa Ciampino. Un vasto spazio trapeziodale, con 23 pilastri emersi dal fango, che gli archeologi della Soprintendenza del Lazio hanno riportato alla luce a partire da ottobre (dopo i sondaggi del 2004) nellambito dei lavori decisi dal Comune di Ciampino per il sottopasso che eliminer il passaggio a livello.

Siamo in localit Marcandreola. A un passo dai casali cinquecenteschi dei Colonna, dalla via dei Laghi e dallaeroporto. E a poche decine di metri dalla villa di Quinto Voconio Pollione (II sec. d.C.), spogliata nellOttocento delle sue statue pi belle (sileni, atleti, veneri) andate ad arricchire il mercato internazionale e il Landesmuseum di Karlsruhe. Una villa sepolta oggi sotto villini e villette. Si pensava che della dimora patrizia non rimanesse pi nulla. E invece, facendo i sondaggi in un terreno privato, un anno fa abbiamo trovato le propaggini della pars rustica, oltre a una sepoltura in pozzetto molto precedente, dellXI secolo spiega Alessandro Betori, responsabile per la Soprintendenza dello scavo eseguito dallarcheologa Agnese Fischetti.



Fu forse proprio per la posa dei binari nel 1856 che il tempio in peperino venne demolito. Mentre i resti delle tombe finirono nella cisterna quando nel '500 la zona fu destinata a orti. Edificio pubblico per usi agricoli, la cisterna si appoggia a un muro in opera quadrata del quinto secolo a.C. che serviva per irreggimentare le acque di un rivo o di un torrente ora scomparso. Il muro corre anche sotto il liceo costruito negli anni Ottanta e rispunta, pi in basso, nella fossa del sondaggio eseguito nel terreno dove sorger un altro, ennesimo insediamento residenziale. Dei 40 metri di superficie muraria, almeno 10 rimarranno a vista e saranno visitabili assicura Betori.

E la cisterna, che fine far? Dintesa con il Comune di Ciampino - sottolinea la soprintendente archeologa del Lazio, Marina Sapelli Ragni - verr fatta una parziale musealizzazione della struttura, in modo che lesterno dei muri perimetrali restino in vista testimoniando i volumi delledificio. Buona parte della cisterna dovr insomma, finito lo scavo, essere interrata. E per i frammenti del tempio in peperino gettati nel "butto", si profila lipotesi di una collocazione e, dove possibile, della ricostruzione, allinterno di uno spazio comunale qui a Ciampino.

http://roma.repubblica.it/dettaglio/Nella-cisterna-romana-fregi-statue-capitelli-e-il-gran-tempio-perduto/1426188


news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news