LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TURISMO & ECONOMIA Ci salva larte, non il mare
ELISABETTA ARRIGHI
23 FEBBRAIO 2008, IL TIRRENO




Per il 2008 si punta sui russi e sugli indiani

La Regione alla Bit di Milano: abbiamo bisogno di qualit

MILANO. C una sofferenza pari a meno 5 punti percentuali che, se non curata per tempo, potrebbe trasformarsi in un dolore persistente. Il riferimento al turismo balneare del 2007: sono arrivati quasi 250mila stranieri in meno (come presenze) rispetto al 2006 quando le statistiche indicarono quota 4 milioni e 844mila. Lassessore regionale Paolo Cocchi, alla sua prima Bit (Borsa internazionale del turismo) come responsabile delle politiche culturali e turistiche della Toscana non ha nascosto la necessit di confezionare per il futuro nuovi prodotti turistici dando laddio ad antiche tradizioni non pi al passo con i tempi. Ci sono altre destinazioni europee, Spagna in primis, che sul fronte delle vacanze al mare fanno ormai una concorrenza spietata.
Bisogna quindi spazzare via quella sofferenza toscana che rappresentata dalla scarsa capacit di adeguamento a standard qualificati recepiti allestero con molta pi flessibilit. Non vogliamo rincorrere ossessivamente i numeri - ha detto Cocchi durante un incontro alla Bit (fino a domani alla Fiera di Rho-Pero con 5mila operatori da oltre 170 Paesi) - perch la nostra regione, coniugando arte e ambiente, paesaggio e vivibilit, deve darsi nuovi obiettivi di qualit. Occorrono scelte coraggiose, decongestionare le citt e i luoghi di vacanza, anche in vista di nuovi flussi turistici in arrivo dalla Cina e dallIndia. E bisogna coniugare qualit e prezzo, un binomio non sempre ottimale.
Guardando ai numeri complessivi, comunque, anche nel 2007 la Toscana ha confermato il suo forte appeal a livello internazionale con quasi 42 milioni e 100mila presenze, circa un milione in pi sul 2006. Laumento percentuale di oltre il 2%, con una presenza italiana del 52%. Ma c un rischio per lanno in corso in quanto - viste le notizie dal fronte economico quali le previsioni di crescita al ribasso e laumento dei costi del carburante - il 2008 potrebbe rivelarsi pi difficile e complesso di quanto ipotizzato finora poich le famiglie si trovano sempre pi in affanno per riuscire ad arrivare a fine mese e la vacanza diventa lultima delle preoccupazioni.
Le maggiori performance - tornando al 2007 - sono state registrate per le citt darte e i borghi storici. Non solo Firenze e Pisa continuano a rappresentare un brand conosciuto in tutto il mondo, perch ci sono altre realt ad incalzarle. Vedi ad esempio Arezzo, cresciuta grazie alla grande mostra dedicata a Piero della Francesca, esperimento ritenuto pi che positivo di marketing territoriale. Lucca continua ad essere una meta privilegiata dai mercati internazionali, grazie anche al livello della sua accoglienza, mentre Siena consolida la sua immagine. La stagnazione - e si torna alla sofferenza - si verificata in alcune aree costiere, in particolare la Maremma, mentre lassessore Cocchi ha sottolineato il buon comportamento della Versilia e la tenuta di Livorno e della Costa degli Etruschi.
Secondo le previsioni, il turismo organizzato verso la nostra regione (buone notizie sulle prenotazioni stanno arrivando dai tour operator) dovrebbe segnare, da qui a fine anno, un incremento dell1,5%. In particolare, fino a ora, le crescite riguardano i mercati tedesco, francese, giapponese e statunitense. Dalla Russia, invece, arrivano i record: i tour operator di Mosca e delle altre citt ex Urss stanno registrando impennate del 20-25% per le prenotazioni di pacchetti che hanno come meta lItalia e la Toscana. Altro mercato emergente, come accennato, quello indiano, ma anche coreano, a cui si accodano Est Europa, Scandinavia, Gran Bretagna e Spagna.
Per il mercato indiano, ad esempio, la Toscana rappresenta una meta ricercata per un target di turisti di classe medio-alta, interessati ad unofferta trasversale che sinergizza arte, cultura, moda, e gastronomia. La Cina per il 2008 resta unincognita causa Olimpiadi: potrebbero bloccare momentaneamente i flussi verso lEuropa. Lobiettivo della nostra regione comunque quello di privilegiare il visitatore che vuole avere un rapporto soft con il territorio, guardando ad un turismo sostenibile che permetta di penetrare nellanima dei luoghi, differenziandosi per comportamenti e motivazioni dal turismo di massa. E la campagna promozionale che sta per essere varata lancia il proprio messaggio a chi vorrebbe vivere cos, come in Toscana.






news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news