LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - MUSEO ARCHEOLOGICO: Da 42 anni la pi grande raccolta al mondo di reperti etruschi non trova spazi n fondi
MARA AMOREVOLI
SABATO, 23 FEBBRAIO 2008 LA REPUBBLICA - Firenze




Nei depositi 355.000 pezzi

Nellarca perduta dellArcheologico il nostro viaggio fra i tesori mai visti
-----------------------------------------------------

dal 1966 che il Museo archeologico di Firenze aspetta la rinascita di una delle sue parti pi cospicue e importanti: il museo topografico. Prima del disastro dellalluvione la sezione contava 52 sale in cui erano allestiti ed esposti i reperti provenienti dalle citt dellEtruria. Sono passati 42 anni e quella che era, ed tuttora, la pi grande raccolta di pezzi etruschi del mondo, giace in anonimi armadi metallici nei sotterranei che, paradossalmente, corrono sotto tutto il percorso del museo topografico e lalto muro che costeggia via Laura. Nessuno sembra dolersene, n cittadini n istituzioni fiorentine, a parte gli archeologi che ne parlano con acuto risentimento.
La pi grande e pi completa raccolta di materiali etruschi da Luni fino allalto Lazio, prima ancora della costituzione del Museo di Valle Giulia a Roma, in gran parte custodita in circa 150 armadi che corrono lungo un unico spazio di 613 metri quadrati. Si tratta di migliaia e migliaia di pezzi, di materiali delle Collezioni medicee e lorenesi, accanto a reperti provenienti da vecchi scavi a Populonia, Vetulonia, Sovana, Volterra, Chiusi, che potrebbero allestire chiss quanti nuovi musei. Impossibile avere un conto preciso, spiega la direttrice del Museo Carlotta Cianferoni, ma sono 250 mila i pezzi inventariati e identificati che toccano tutto il patrimonio del museo, dalle collezioni medicee e lorenesi, a cui si sono aggiunte donazioni e acquisizioni fatte dal primo direttore Luigi Adriano Milani dal 1883 in poi. A questi numeri, vanno poi vanno aggiunte le 100 mila monete e le 5 mila gemme e cammei del prezioso medagliere granducale.
Ebbene se si calcola che oltre 5 mila sono i reperti pi importanti esposti al pubblico nei due piani del Museo archeologico - compresa la raccolta egizia, la pi importante dopo quella di Torino - il conto dellingente patrimonio sommerso nei depositi presto fatto. E non si tratta di cocci o frammenti ancora sporchi di terra da scavi recenti: per loro ci sono solo le cantine ed l che nelle cassette aspettano 5 mila pezzi. Colpisce la ricchezza, perfezione e cura con cui buccheri di grandi dimensioni, ptere, urne cinerarie, vasi attici e greci a figure rosse e nere, corredi di tombe con piccole grandi ciotole votive, antefisse, bronzetti votivi, canopi e fibule, specchi sia ordinato negli armadi, mostrando cartellini e numeri di serie, appartenenze che solo gli archeologi sanno ricostruire con precisione depoca e stili.
Solo gli studiosi hanno fortuna di frequentare i depositi. Ne arrivano a frotte - osserva la direttrice - tra il via vai di cassoni che portano in giro per il mondo i nostri materiali per allestire mostre. Abbiamo mandato materiali in Cina, Giappone, America Latina, Usa. In questo momento abbiamo 400 pezzi esposti a Madrid in una rassegna dedicata agli Etruschi. Una riserva incredibile per farci conoscere allestero. Qui non abbiamo spazi, anche se non disperiamo di ampliarli. Anzi, stiamo preparando il progetto per recuperare i locali su via Capponi, aspettiamo da anni fondi ministeriali. Qualcosa arrivato dai fondi del lotto, appena 1 milione mezzo di euro. E in questi giorni la questione allattenzione dellEnte Cassa di Risparmio per altri finanziamenti.
Cenerentola dei musei fiorentini, con poco pi di 50mila visitatori allanno, in gran parte scolaresche, il Museo archeologico cerca nuova visibilit per strappare turisti alle code di Uffizi e Accademia. E per cancellare quella vecchia ferita del museo tipografico consegnato alloblio, e attualmente in uso solo per mostre temporanee. Eppure gli spazi ci sono. Tre piani di locali, stanze e magazzini sul fronte di via Capponi: aspettano un restauro da pi di 20 anni. Sono l in abbandono, pieni di scaffali, vetri, vecchie vetrine, calcinacci e ponteggi. Carlotta Cianferoni ha un guizzo dorgoglio: Non dimentichiamo che lenorme ricchezza del nostro territorio ben rappresenta nelle sale del museo aperte al pubblico, dove sono esposti i pezzi pi importanti delle collezioni storiche. Un tesoro sommerso, quello dei depositi, tra laltro in costante crescita. Perch gli scavi nel territorio vanno avanti. Depositi di storia e di memoria che nel 900 affollavano sale e vetrine di musei con vasi, statuette, pezzi tutti uguali, ossessivamente elencati. Oggi i criteri museografici sono cambiati. Si privilegia leccellenza, lunicit di un reperto. E gli altri cento, magari simili, finiscono in cantina.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news