LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI - Un cannocchiale choc a Santa Scolastica Archeologico, ecco il progetto di Mari. Borri:
TITTI TUMMINO
SABATO, 23 FEBBRAIO 2008 LA REPUBBLICA - Bari


Presentato il piano preliminare che stato preferito a quelli di Gae Aulenti, Franco Purini Luca Zevi e Alberto Ferlenga
Lo studio dovr essere per sottoposto al parere vincolante della Soprintendenza prima della definitiva approvazione
Le proporzioni della struttura high-tech sono importanti: lunga 75 metri stata immaginata color corallo
" difficile che il piano particolareggiato della citt vecchia di Bari possa consentire un intervento cos traumatico"
Ma linvenzione degli architetti di Panstudio non convince lurbanista del Politecnico: "Unalterazione della struttura"
-----------------------------------------

Sar il "cannocchiale", una struttura tubolare lunga 75 metri, in acciaio color corallo, sospesa al di sopra del complesso di Santa Scolastica, lelemento simbolo del Museo archeologico di Bari. Il progetto preliminare di Cesare Mari, architetto bolognese vincitore del concorso bandito dalla Provincia, andr ora al vaglio della Soprintendenza. Ma gi fioccano dubbi: per lurbanista Dino Borri si tratta di una soluzione "traumatica".


Dopo Gae Aulenti, incaricata dalla giunta Vernola, e dopo Marcello Benedettelli, autore di uno studio di fattibilit, adesso ci prova Cesare Mari, architetto a capo del gruppo Panstudio di Bologna, a restituire alla citt di Bari, dopo oltre quindici anni, il Museo archeologico. Il professionista emiliano il vincitore del concorso internazionale bandito dalla Provincia: il suo progetto preliminare stato preferito dalla giuria presieduta dallarchitetto Amerigo Restucci, a quelli presentati da colleghi come Franco Purini, Luca Zevi, Alberto Ferlenga e dalla stessa Aulenti. Studi tutti di alto livello e grande interesse - sottolinea il presidente della Provincia, Enzo Divella - che presto saranno oggetto di una mostra.
Nuovo atto, dunque, per la storia infinita e tormentata del Museo archeologico barese. E non detto che sia il definitivo. Secondo liter procedurale, infatti, ora la palla passa alla Soprintendenza per il competente parere sul complesso tutelato come bene monumentale; parere che, se fosse affermativo, darebbe il via alla stipula del contratto con il gruppo Mari al quale verrebbe cos assegnata la progettazione definitiva. Se tutto proceder per il verso giusto, il nuovo Museo archeologico nel complesso di Santa Scolastica, cuore del Borgo antico, potrebbe vedere la luce un anno e mezzo dopo linizio del cantieramento: costo, dodici milioni di euro gi reperiti.
Il progetto Mari prevede non solo il recupero della struttura del complesso benedettino in qualit di Museo archeologico, ma anche la valorizzazione di un luogo fortemente simbolico nel suo dialogo con la citt vecchia, il mare e la Basilica di San Nicola. Proprio in omaggio a questo dialogo, lo studio prevede la realizzazione di un "cannocchiale", una struttura tubolare lunga 75 metri, in acciaio rivestito color corallo, sospesa al di sopra del complesso.
Simbolo del nuovo Museo, secondo il progetto, il "cannocchiale" sar lelemento che ricongiunge idealmente lex convento con la citt e il mare attraverso due punti di vista panoramici opposti e ugualmente affascinanti: San Nicola a Sud, porto e mare a Nord. Lelemento permetter anche di connettere le nuove scale e le nuove situazioni espositive con quelle sale del complesso gi esistenti e altrimenti difficilmente collegabili.
Ma proprio questa novit a suscitare i primi dubbi. Il progetto preliminare vincitore - osserva lurbanista Dino Borri - sicuramente discutibile in quanto va ad incidere su un complesso di grande rilevanza per la citt antica di Bari. Larea di Santa Scolastica ha enorme importanza per la stratificazione storica, ancor pi che per i pur notevoli elementi architettonici: un vero e proprio museo allaperto, dove c stata fra laltro una delle prime fondazioni della citt.
Linserimento di un elemento moderno, per la verit, ha un precedente: negli Anni 70, il complesso ebbe un primo restauro ad opera dellarchitetto Angelo Ambrosi del Politecnico di Bari, il quale inser in uno spazio libero allinterno dellex convento una sala in acciaio di 150 metri quadrati affacciata sul mare di Levante, tuttora esistente.
Ma quellinserimento - commenta Borri - elemento ben pi discreto del "cannocchiale" previsto dal progetto Mari, che un grande intervento, per di pi in quota e forse bisognoso di pilastri di acciaio a sostegno, in una posizione perfettamente visibile da tutto il Borgo antico ed anche colorato in maniera estrosa. Mi sembra costituisca unevidente alterazione dellorganismo antico e quindi sar una bella responsabilit per la Soprintendenza, nella valutazione del progetto, approvare un tipo di intervento cos forte.
Non solo. Secondo lurbanista del Politecnico, potrebbe profilarsi anche un problema per il Comune di Bari. Il piano particolareggiato della Citt vecchia, approvato qualche anno fa e tuttora in vigore, non credo consenta un intervento del genere. Il "cannocchiale" dovrebbe quindi essere approvato in variante al piano particolareggiato del Borgo antico. Insomma, alla soluzione ardita del gruppo Mari non c solo da guadagnare il consenso dello Stato, ma forse anche il parere del consiglio comunale. E, in questo caso, bisogner vedere se la Soprintendenza, chiamata in causa una seconda volta, accetter leventuale variante. In definitiva - conclude - una bella impresa a fronte di una soluzione a mio parere troppo forte, se non traumatica.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news