LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Strohl-Fern, accuse d'abbandono
Maria Egizia Fiaschetti
Corriere della sera Roma 22/2/2008

Crolla un pino, allarme per il verde

La vicenda
Dimora per artisti dal 1879
Costruita nel 1879 dal mecenate alsaziano Alfred Wilhelm Strohl-Fern, la villa sorge su un parco di 80 mila metri quadri. Nata come dimora per gli artisti, con personaggi come Rainer Maria Rilke, che nel 1904 vi trasferisce il suo studio. Negli anni Venti diventa il fulcro della scena romana, dove i critici Roberto Longhi e Bruno Barilli si danno appuntamento con Giorgio De Chirico e Francesco Trombadori. Dopo la morte del proprietario, gestita dall'Ambasciata di Francia, per passare poi al Comune di Roma, che nel '52 annette il parco a quello di Villa Borghese. Amministrata di nuovo dal Governo francese, oggi ospita il liceo Chateaubriand.

Gli Amici di Villa Strohl-Fern hanno lanciato un appello, preoccupati per lo stato di conservazione mediocre
Spezzato di netto da una raffica di vento: il crollo di un pino secolare riaccende le polemiche sulla tutela di Villa Strohl-Fern. Era malato e si schiantato a met per mancata manutenzione, dice Donatella Trombadori, figlia di Francesco, che in quei luoghi dipingeva le sue tele. Dei cento atelier allestiti nella villa, il suo l'unico rimasto, dopo la lunga battaglia degli eredi per ottenerne il vincolo. Nell'archivio, circondati dai ricordi del pittore, si riuniscono gli Amici di Villa Strohl-Fern che hanno lanciato l'appello: preoccupati per lo stato di conservazione mediocre, in particolare quello del verde storico, pini, lecci e altre essenze, nonostante l'accordo siglato nel 2005 tra l'Ambasciata di Francia, il Ministero dei Beni Culturali e il Comune di Roma. una ferita aperta, in un complesso dove invece si fatto molto: da Villa Borghese al restauro dei giardini di Villa Giulia e Villa Poniatowski, osserva Vittorio Emiliani del Comitato per la Bellezza, che ha aderito alla protesta. Ma il patrimonio botanico non l'unico a rischio: Per ampliare gli spazi del liceo Chateaubriand si sono costruiti nuovi padiglioni, tradendo il testamento del proprietario, precisa Emiliani. Donata nel 1927 alla Francia, il conte Strohl-Fern voleva infatti che la villa diventasse una residenza per gli artisti. Per molti, da Rainer Maria Rilke a Carlo Levi, che vi scrisse il romanzo romano L'orologio, stata una fonte d'ispirazione. Negli anni '50, la Francia vi ha trasferito alcune aule del liceo, molto frequentato, ricorda Donatella Trombadori, perch nelle scuole italiane, dopo la guerra, si facevano ancora tre, quattro turni al giorno. Da quel momento iniziata l'annosa querelle, afferma l'assessore alla Cultura, Silvio di Francia, che coinvolge Francia e Italia. Al di l delle competenze, l'appello va raccolto: bisogna rilanciare l'ipotesi di una sede alternativa per lo Chateaubriand e tutelare il verde con un alto livello di attenzione. Intanto, da Palazzo Farnese il consigliere stampa, Max-Olivier Gonnet assicura: "Chiameremo subito l'impresa specializzata per rimettere in sicurezza il parco, tagliando gli alberi a rischio di caduta, prima che gli alunni rientrino dalle vacanze.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news