LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Benvenuti al museo senza segnaletica
Lucilla Parlato
Il Riformista 22/2/2008

Mancano le targhette per le opere d'arte, non ci sono gli chef e le hostess scambiano Lucio Amelio per un ricercato

Caro direttore, la promessa allettante: II Madre il primo museo per l'arte contemporanea situato nel centro storico di una citt. Ed attraente anche l'idea di trasformare l'antico Palazzo Donnaregina, nel cuore nascosto di Napoli, due passi dal Duomo e dal Tesoro di San Gennaro, due da Forcella, l'ex-strada dei boss, in uno spazio per le opere contemporanee.
Ma siamo, purtroppo, a Napoli. E tutte le meravigliose promesse contenute nel depliant del Madre si infrangono sugli scogli dell'approssimazione partenopea non appena si mette piede nel magnifico palazzo restaurato dall'architetto portoghese Alvaro Siza.
Vero che i napoletani, abituati a Montagne di saie e ad altre opere di artisti contemporanei come la Horn o Kounellis, una qualche dimestichezza con la loro arte ce l'hanno gi, grazie agli allestimenti natalizi che, di anno in anno, hanno arricchito o, secondo un altro punto di vista, inguaiato piazza del Plebiscito. Altrettanto vero , per, che addentrarsi al primo piano del Madre - per chi non avesse tale confidenza con Paladino o Richard Serra - significa fare un salto nell'ignoto.
Le belle, luminose ampie stanze che accolgono infatti le opere di Francesco Clemente o di Jeff Koons non sono dotate nemmeno di una insegna microscopica che spieghi qualcosa al visitatore profano.
Cos capita di trovarsi di fronte a due enormi blocchi di acciaio lavorato con la fiamma ossidrica che solo gli addetti ai lavori possono riconoscere come opere di Richard Serra. Per i non appassionati, per, non semplice comprendere che quei due oggetti sono opera di uno degli scultori pi innovativi nella storia dell'arte moderna, che da sempre fa ricerca sui materiali di origine industriale.
Metti ad esempio i teschi riprodotti del cimitero delle Fontanelle, che Rebecca Horn sistem gi in un allestimento natalizio. Le "capuzzelle 'e muorto", allora andate letteralmente a ruba a piazza del Plebiscito, dove erano state installate sotto a dei cerchi di luci al neon, le ritroviamo qui, al Madre, stavolta collocate di fronte a dei piccoli specchi. La Horn la spiega sul sito internet del Madre che l'intenzione era dare l'idea di una vita che neanche la morte conclude dal momento che la rende partecipe dell'eternit. Ovviamente anche qui nemmeno un accenno n alla biografia e al percorso artistico della Horn n all'opera stessa.
Non solo questa la delusione per chi visita il Madre. A parte il bookshop delle dimensioni di una bancarella, i dolori arrivano anche in pausa pranzo: il depliant del Madre pubblica un numero per le prenotazioni. Numero al quale chiamiamo, per sentirci rispondere di non preoccuparci, che non ci sono problemi. Una volta giunti per al ristorante, scopriamo che oggi non si pu mangiare, non ci sono gli chef. Dunque ci si accontenta di un'insalata, rimpiangendo le caffetterie della Tate Modern di Londra o del Moma di New York.
Dopo il frugale salad-break ci si addentra al secondo piano: qui le cose vanno un po' meglio. Nel senso che le opere hanno autore, anno, titolo in calce. Ma le informazioni finiscono qui (ed inutile chiedere spiegazioni su un soggetto di Warhol alle gentili "guardiane" del museo, che confondono Lucio Amelio con un ricercato). Se vero, come promette il famigerato depliant, che il percorso espositivo del secondo piano si dipana seguendo le vicende pi significative dei linguaggi artistici dalla fine degli anni Cinquanta fino all'inizio dei Novanta, non si capisce perch, prima di entrare nelle varie sale, non ci sia nulla che spieghi questo percorso, tanto pi che secondo i curatori si voluta privilegiare una prospettiva di accostamenti e incroci tra varie tendenze, sia dal punto di vista artistico che da quello geopolitico. Sarebbe valsa la pena di rendere fruibili alcuni lavori: perch se chiaro il messaggio di Shitty World di Gilbert and George, non altrettanto pu dirsi di una buona percentuale di altri lavori esposti al secondo piano del Madre.
Al terzo piano, dove ci sono invece le mostre temporanee, in scena la fotografia di Thomas Struth, il fotografo tedesco famoso per i suoi scatti nelle strade deserte di diverse citt e per le sue immagini degli spettatori di musei e chiese. Dopo aver riconosciuto strade e vicoli napoletani, arriva per finalmente l'emozione da lasciarti senza fiato: ecco i tetti dei vicoli del quartiere Vicaria. Le antenne paraboliche che sovrastano balconcini sgarrupati, i panni stesi da asciugare e, soprattutto, i tre Super Santos arancioni sgonfi, abbandonati su un tetto color ematite. Dal finestrone del Madre non si vede il Tamigi o il London Eye. Ecco Napoli. Non avevamo dimenticato nemmeno per un istante di essere qui.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news