LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bit rilancia il ruolo internazionale
Giorgio Bertoni
Italia Oggi 22/2/2008

Grande sforzo per contribuire alla vittoria di Expo 2015

Una borsa del turismo ancora pi internazionale, con le sue 152 delegazioni presenti con altrettanti stand, dato che la rende il salone pi globale in Europa per qualsiasi merceologia. Un dato presentato con orgoglio, ieri mattina, da Corrado Peraboni, amministratore delegato di Expo Cts, che organizza la manifestazione da 29 anni. La Bit per non solo questo: il principale punto d'incontro del business turistico mondiale, con il Buy Italy e con il nuovo Buy club, ma soprattutto un importante caposaldo di un pi ampio sforzo, che di Fiera Milano, della metropoli, della regione. Un lavoro sinergico. una manifestazione forte, internazionale, completa, punto di riferimento per l'Italia e il mondo, ha detto con orgoglio il presidente di ExpoCts, Adalberto Corsi, alla sua undicesima Borsa, ma anche la parte di un tutto fieristico, che oggi chiamato a partecipare alla sfida strategica dell'Expo 2015, che sar assegnata tra un mese. Molti soggetti del turismo, per l'occasione, hanno riposto le asce di guerra, ribadendo, come ha fatto Enrico Paolini, coordinatore degli assessori al turismo, la necessit di cancellare i particolarismi e di fare squadra: regioni, governo, imprese. Solitamente duro per il modo con cui i governi hanno trattato il turismo italiano, Bernab Bocca, presidente di Confturismo e vicepresidente vicario di Confcommercio, ha invece voluto dare alle decine di rappresentanti ufficiali esteri un segnale di ottimismo.
Milano capitale del turismo non solo perch ha la Bit. Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, con un occhio sempre puntato alla sfida di Expo 2015, ha spiegato che nel capoluogo opera il 75% dei tour operator italiani, che in citt, per turismo e affari, si incontrano e si intrecciano culture, si offrono opportunit ai paesi emergenti, molti dei quali vivono di turismo. A sua volta, il governatore Formigoni ha ricordato che i turisti in Lombardia sono 28 milioni, destinati a crescere, visto che stato previsto un incremento del 12% nella comunicazione. Ma sono i servizi quelli che impediscono ancora al modello Italia di esprimere tutte le sue eccellenze, come ha ribadito il ministro del commercio con l'estero, Emma Bonino.
Al turismo serve una marcia in pi. Molto, in realt stato fatto, ha risposto il vicepremier e responsabile del turismo, Francesco Rutelli. Un riassunto di fine mandato per lui. L'Italia paga due prezzi, ha detto Rutelli. Serve un'intesa larga per avere una strategia turistica nazionale e una gestione regionale delle singole politiche. Solo cos l'Italia turistica torner a correre. Noi, ha aggiunto, abbiamo fatto la nostra parte, ha detto ricordando i numerosi provvedimenti a vantaggio del settore.
Insomma, tra voglia di orgoglio nazionale, di orgoglio fieristico e di orgoglio lombardo, tutto rivolto alla conquista dell'Expo 2015, Bit 2008 ha mostrato, giustamente, se non i muscoli, almeno la sua voglia di incrementare la leadership nazionale. Saranno questi giorni a dire se Bit ancora il motore del turismo italiano e, in gran parte, mondiale, oppure se una serie di problematiche esterne ne ridurr l'impatto dell'effetto volano sul business turistico.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news