LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bello o pulito? La battaglia del futuro
ANTONIO CIANCIULLO
la Repubblica 20/02/2008

Il tram spazza veleni a Firenze? Offende il Duomo. Le pale eoliche che aiutano a stabilizzare il clima? Un affronto al paesaggio. I grattacieli firmati dagli architetti che il mondo ci invidia? Uno sconcio da fermare. Lalta velocit che premia il meno inquinante dei mezzi di trasporto? Unoffesa intollerabile. Tra i sostenitori del pulito e i sostenitori del bello ormai guerra aperta: la lotta tra le due fazioni agita le cronache e attraversa gli schieramenti politici. La crescita della coscienza ecologista ha cambiato gli equilibri amministrativi e sta facendo emergere possibili soluzioni per sanare i guasti ambientali. Ma, paradossalmente, proprio la consapevolezza della lunga stagione di devastazione del territorio paralizza le alternative appiattendole sotto lombra del sospetto. I nuovi interventi miglioreranno realmente la situazione, o si trasformeranno nellennesimo scempio? I lavori rispetteranno preventivi e tempi, o i cantieri resteranno aperti allinfinito? cos che, uno dopo laltro, i capisaldi della proposta ambientalista sullenergia sono finiti nel mirino di una parte del movimento ecologista Nel campo delleolico lItalia fatica ad arrivare a un terzo della disponibilit pro capite europea perch molte Regioni hanno bloccato la costruzione delle fabbriche del vento. E anche se lunico referendum, quello che si tenuto lanno scorso a Scansano, ha visto prevalere il s allimpianto, i comitati anti pale continuano a moltiplicarsi. La geotermia, lenergia che ci regala la terra, stata attaccata frontalmente sullAmiata, dove sono nati gruppi di opposizione che parlano di disastro ambientale. Gli impianti per le biomasse, anche di piccola taglia, provocano insurrezioni. E perfino il solare, lenergia dolce per eccellenza, finito sul banco degli accusati appena si trasformato da ideale astratto in prodotto industriale. A Sticciano, in provincia di Grosseto, stato minacciato un referendum perch il Comune voleva creare un impianto fotovoltaico per 500 famiglie. Nel Lazio, nellottobre scorso, una laconica ordinanza della sovrintendenza - interpretata male dai Comuni - ha bloccato la spinta verso il fotovoltaico impressa dal governo. uno scontro frontale tra bello e utile che vede schierati, accanto ai comitati del no, intellettuali dal prestigio indiscusso. In teoria la soluzione del dilemma facile: il bello deve essere anche utile, afferma lex presidente della Rai Vittorio Emiliani, che guida il Comitato per la bellezza. Ma mentre in passato le trasformazioni venivano fatte con mano felice, oggi sono spesso dominate dal segno della pesantezza. In molti casi il problema riguarda la misura degli interventi e il rispetto dei luoghi. A Firenze per evitare ogni problema sarebbe stato sufficiente immaginare un tram pi piccolo che passava nella piazza accanto al Duomo. E uno dei grandi produttori di vino toscano, Biondi Santi, ha vinto una causa al Tar perch le pale eoliche diminuivano, assieme allappeal del paesaggio, il valore delle sue vigne. C un problema che riguarda il come (la taglia delle opere, il luogo). C un problema che riguarda il modo di prendere le decisioni (la capacit di coinvolgere in una discussione preventiva chi interessato agli impianti). E c un problema che investe il concetto di utilit e il concetto di pulizia del territorio. Utile per chi? Una strada veloce in un paesaggio intatto pu essere utile per alcuni, ma sul lungo periodo costituisce un danno per tutti, ammonisce Asor Rosa, un altro dei nomi di riferimento dei comitati per il no. Leolico pu essere utile se inserito in un contesto adatto, ma devastante sulle colline di Fiesole. La geotermia va bene in molti posti, ma sullAmiata prosciuga le falde acquifere e crea un inquinamento diffuso. Un s alle fonti rinnovabili condizionato da tanti vincoli pu per conciliarsi con lobiettivo principale indicato dagli scienziati, la disintossicazione dai combustibili fossili? A fronte della minaccia di scempio del paesaggio non da escludersi il ricorso alle centrali nucleari, risponde Asor Rosa. Chernobyl ha dimostrato che le dimensioni del rischio nucleare sono inaccettabili e immorali, replica il ministro dellAmbiente Alfonso Pecoraro Scanio. Per difendere il bello non c bisogno di giocare alla roulette dellatomo: basta applicare il nuovo codice dei Beni Culturali e del paesaggio preparato da una commissione presieduta dal direttore della scuola normale di Pisa, Salvatore Settis: quello il modo corretto per frenare gli appetiti dei palazzinari, oggi pi forti che mai. In altre parole, creare le regole del gioco, stabilire i parametri da rispettare per conciliare utile e bello: un principio su cui laccordo ampio in teoria, inesistente di fatto. Non riusciamo pi a percepire il nuovo come bello eppure non possiamo pi permetterci di costruire un utile che non sia bello, osserva Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente. Si tratta di sviluppare una coscienza estetica non pigra, non basata solo sulla continuit meccanica. Ad esempio il tram in alcuni contesti pu sembrare una rottura, ma in realt molto pi organico allimmagine storica delle nostre citt dellautomobile: nei film del neorealismo, nelle immagini di Rossellini e De Sica, protagonista il tram non lauto. Protagonista anche dal punto di vista dellutile per il corpo. Roberto Bertollini, responsabile del dipartimento mutamenti climatici dellOrganizzazione mondiale di sanit ha calcolato che spostare il traffico su ferro pu essere fondamentale: se le polveri sottili, determinate per due terzi dal trasporto su gomma, scendessero a 20 microgrammi per metro cubo, a Firenze ogni anno si eviterebbero 354 morti tra gli adulti e 15 mila casi di malattie respiratorie tra i bambini. Nella battaglia tra bello e utile si gioca limmagine del futuro. Da una parte c chi guarda con diffidenza a ogni cambiamento, dallaltra chi sogna un paese che mutando forma migliora. Per Carlo Ripa di Meana, lex presidente di Italia Nostra che ha dedicato gli ultimi anni di attivit alla battaglia contro leolico, anche linnovazione architettonica proposta a Torino da nomi come Renzo Piano e Massimiliano Fuksas una pigra citazione dellurbanistica americana: Non ha senso costruire falansteri burocratici che distruggerebbero lo skyline disegnato dalla Mole Antonelliana e dalle Alpi. Anche in Italia abbiamo conosciuto la spinta verso lalto con le torri medioevali, ma erano arroccamenti di difesa o simboli di fratellanza come i campanili, non un atto di conformismo. vero che da 60 anni fatichiamo a produrre bellezza, ma se trasferissimo nel passato certe posizioni troveremmo chi si oppone alla creazione di San Gimignano per non abbattere un bosco, ribatte Ermete Realacci, leader storico dellambientalismo e dirigente del Partito democratico. A Firenze si usa ancora bischero come aggettivo. Ebbene, i Bischeri erano una potente famiglia che si rifiut di vendere le proprie case per far costruire il campanile del duomo di Firenze: sostenevano che era troppo grande e troppo brutto. Le cronache raccontano di un incendio che colp i loro palazzi: il duomo ebbe il suo spazio e loro non ricevettero indennizzi.



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news