LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, «garage» tra le polemiche. Gregotti critica il bando e si ritira: «Eccessivi i vincoli»
Franco Tanel
Edilizia e Territorio, 20 febbraio 2008

È Mauro Galantino, architetto cinquantenne con base a Milano e docente allo Iuav, il vincitore del concorso di progettazione del garage multipiano bandito da Apv Investimenti, l'immobiliare del Porto di Venezia, per realizzare la nuova "porta di terra" della città.
Un'opera, il cui costo si aggira sui 63 milioni e che sorgerà nell'area demaniale «ex deposito locomotive» a ridosso di piazzale Roma. Uno spicchio di terra strategico per la gestione dei flussi da e per il centro storico, perché è la vera cerniera tra terraferma e laguna: da un lato punto di scambio col porto passeggeri, dall'altro asse di collegamento grazie al people mover tra piazzale Roma e il Tronchetto. Il bando chiedeva assai più di un garage, e anzi puntava a una riqualificazione urbanistica, paesaggistica e architettonica dell'area inserendo nei 40mila mq dell'area (tre volte piazza San Marco) anche attività legate al terziario.
Mauro Galantino, che si è avvalso di Alain Dervieux e Dominque Hernandez per il progetto paesaggistico, ha seguito solo in parte le indicazioni del Piano particolareggiato disegnato da Marco Casamonti (Archea) e criticato nei giorni scorsi dalla Commissione di Salvaguardia. È nata così una struttura che anziché essere divisa dal percorso del people mover lo ingloba, e crea sulla copertura due grandi parchi ad abbracciare l'edificio che accoglie l'hotel, il ristorante e gli altri spazi direzionali. «Con questo progetto - spiega Galantino - ho voluto ricostruire la distanza che Venezia ha sempre avuto dalla terraferma, ma allo stesso tempo, marcare la differenza da Marghera. È per questo che il Parco Alto, la parte più elevata, sale dall'interno verso l'esterno, proprio per impedire una facile vista della città che può essere scoperta solo attraverso tre varchi che inquadrano S. Giovanni e Paolo, i Frari e San Marco e il Porto».
Il Parco Basso invece è caratterizzato da una piscina che con la sua forma ricorda il percorso del Canal Grande. I parchi potranno ospitare concerti, manifestazioni ma anche solo passeggiate attraverso i portici che attraversano tutto il complesso. «Abbiamo pensato anche alla sostenibilità ambientale -continua Galantino - utilizzando il cemento fotocatalitico e le pompe di calore, la cui spesa sarà ammortizzata in sei-otto anni».
La struttura prevede 2.400 posti auto: di questi 1.400 andranno al comune per i residenti, mentre gli altri 1.000 saranno dati in concessione singolarmente per 50 anni da Apv Investimenti.
Fin qui il progetto. Ma il concorso ha sollevato molte polemiche. Dieci i gruppi invitati a presentare sui 38 che si erano proposti e tra questi anche quello guidato da
Vittorio Gregotti. Ma il famoso architetto, imitato da altri due concorrenti, non ha presentato alcun progetto e anzi ha apertamente criticato il bando sostenendo che i vincoli rendevano impossibile un lavoro di qualità.
La giuria composta da Teresa Ormenese direttore di Apv Investimenti, dalla Soprintendente Renata Codello, dal professore d'economia Giorgio Orsoni, da Vito Saccarola presidente provinciale dell'Ordine degli ingegneri e da Francesco dal Co, docente allo Iuav non la pensa così. Tagliente a riguardo la replica di Dal Co: «Succede che un concorrente o ritenga inadeguato il bando o che invece si ritenga lui inadeguato al bando, non capace di risolvere un problema così complesso. Forse erano troppo occupati, forse non avevano tecnici all'altezza o idee adeguate».
Al secondo e al terzo posto si sono classificati rispettivamente i progetti di Carlos Ferrater e Cristhoph Ingenhoven, seguiti nell'ordine da Volkwin Mark, Henning Larsen, Francesco Cellini e Inaki Abalos. Il giapponese Arata Isozaki, il belga Philippe Samyn e Vittorio Gregotti anche se invitati, come abbiamo detto, non hanno presentato alcun progetto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news