LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna - Un ruolo di primo piano per la Sardegna nella creazione dei distretti culturali
Vincenzo Santoni
La Nuova Sardegna 20/02/2008

Perfezionando quanto ho anticipato in altra sede (AA.VV., Umberto Cardia: La cultura e letica, 2006, a cura di E.Orr e N.Rudas), di certo, per le popolazioni parlanti il sardo - il popolo sardo - si dovr ribadire la sussistenza di una nazione senza Stato, nella pienezza del valore culturale immateriale. Ci connesso con le ragioni della specialit, fra cui assumono un distinto rilievo la diversit delle espressioni culturali (v. Convenzione Unesco, Parigi, Ottobre 2005) e la specialicit della lingua duso, sa limba, di cui alla Legge 482/1994, recante norme in materia di minoranze linguistiche. E forte il contenuto identitario, relazionato, sia con i beni culturali materiali, sia con i beni paesaggistici e con le attivit culturali, queste ultime ulteriormente accresciute di valore, ove finalizzate con la promozione dei medesimi beni culturali e con il paesaggio. Sul tema, ai primi di gennaio 2007, nella veste di Soprintendente ai beni archeologici, proposi al Ministero la modifica integrativa degli art. 134-136 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, al fine di introdurre in norma legislativa la tutela, la valorizzazione e da gestione dei parchi e dei distretti culturali immateriali del grande e vasto patrimonio nazionale della Repubblica. Lidea derivata dallanalisi di studio dei contesti archeologici, storico artistici, antropologici, linguistici e paesaggistici dellisola, sullo sfondo dei relativi ambiti geografici, paleontologici, naturalistici e morfologici. Di fatto, in una mirabile linea di successione eco-ambientale, parzialmente venuta meno con loccupazione aragonese e spagnola, gli eventi archeologici, storico artistici e di urbanistica minore dei piccoli paesi, insieme con i valori immateriali etnoantropologici, di ambito religioso e della comunicazione linguistica locale del mondo rurale, determinano linsorgenza di quadri coesi e condivisi di bacini culturali immateriali, vivacemente legati, come in simbiosi, con le attuali regioni storiche o con parti di esse. E esemplificativo il caso della Marmilla. Ora, questi bacini culturali attendono di essere riconosciuti, tutelati, valorizzati e gestiti nel quadro delle potenzialit del Codice Urbani. Quanto leggibile per la Sardegna, non si avr difficolt a riscontrarlo nella cultura immateriale delle tante piccole regioni storiche delle restanti Regioni, per cui la proposta di norma costitutiva di parchi e distretti culturali immateriali da ritenere ben estensibile a tutto il patrimonio nazionale immateriale della Repubblica. NellIsola da ribadire che il vero deposito culturale distintivo e peculiare dato da questa linea di continuit sociale assicurata dalle popolazioni dei diversi comparti geografici che, sulle orme delle organizzazioni antropiche cantonali prenuragiche e nuragiche, come una linfa vitale, hanno composto i successivi distretti culturali dellevo antico, da cui sono state ritagliate le partiture amministrative delle curatorie medioevali, e da ultimo, gradualmente, le attuali regioni storiche. Ununit cantonale ben definita dalla geografia, dalla preistoria e dalla storia, stata individuata nel bacino territoriale gravitante intorno al sito paleocristiano di Cornus, a sud del rio Mannu: dalla originaria unit cantonale nuragica, poi aperta al riuso di et punica, romana e altomedioevale, si prepararono la successiva curatoria medieovale del Montiferru e la diocesi di Bosa, cos pure, sul piano linguistico, il formarsi del logudorese comune centro-occidentale, con i gruppi del Marghine, della Planargia, oltre che del Montiferru stesso. Non diversamente, potremo ipotizzare sia intervenuto nel rapporto dei populi Sulcitani citati da Plinio, con il territorium della romana Sulci, e, poi, con lattuale futura regione Sulcis. E cos via di seguito, per le altre regioni storiche. Di certo la individuazione dei parchi e dei distretti culturali immateriali, si delinea come operazione sistemica, in rete interdisciplinare, di ambito archeologico, storico, economico, geografico, antropologico, storico-artistico, urbanistico e paesaggistico, linguistico e delle tradizioni popolari, e per il settore gestionale, di ambito giuridico e amministrativo. Il riconoscere nei distretti culturali delle attuali regioni storiche, e/o in parti di esse, il comporsi pluristratificato delle ragioni della identit culturale plurisecolare dellisola, si configura di certo come evento sociale antropologico di straordinario interesse sociale, anche idoneo a configurarsi come il valore identitario in s e per s, e perci a superare in positivo la teoria autoreferenziale improduttiva della costante resistenziale sarda di Giovanni Lilliu. Il valore culturale immateriale di questo gioiello di antropologia culturale, dal forte contenuto identitario di matrice anaurbana, rimane uno dei tanti lieviti delle diversit regionali, perci da riporre, come quello delle altre Regioni a statuto speciale e ordinario, nella disponibilit della sovranit della tutela dello Stato, perch tutti insieme, unitariamente, siano fattori di integrazione e di interazione fra i poteri istituzionali articolati e differenziati della Repubblica. Al riguardo, rimane condivisibile quanto dichiarato dal sottosegretario di Stato del Mibac, on. Daniela Mazzonis: la inseparabilit della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale (...) e quindi la necessit di una costante e leale collaborazione, nel rispetto del principio d sussidiariet, tra Stato, Regione ed Enti Locali. La Stato non pu cedere i compiti di tutela, ma pu e deve arrivare a una gestione partecipata, come avviene con varie modalit, e come pu avvenire di pi e meglio (Giornale dellArte, Febbraio 2007). Aggiungerei; fatta salva la condizione che la collaborazione leale integrata, sia intesa in termini di leale interazione attiva fra le Parti, e non sia invece gestita in termini unilaterali e autoritari, cos da produrre, sul fronte regionalistico, una sorta di statalismo formale rovesciato, non idoneo ad incrementare le risorse e le potenzialit di progresso della Repubblica.

* Gi Soprintendente per i beni archeologici delle province di Cagliari e Oristano e ad interim per le province di Sassari e Nuoro.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news