LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - TRAMVIA: Il progetto nel cassetto: una metro sotto al Duomo
ILARIA CIUTI
MARTEDÌ, 19 FEBBRAIO 2008 LA REPUBBLICA - Firenze



GLI INDUSTRIALI

Gentile chiede un tavolo per la mobilità: "Si può migliorare"





la modifica "Lo statuto del Comune va cambiato: mai più referendum così"



--------------------------------------------------------------------------------

Un «tavolo per la mobilità», aperto ai soggetti sociali che hanno i loro interessi nella comunità, che discuta un vero piano integrato della mobilità. Lo propone, all´indomani del referendum, il presidente degli industriali Giovanni Gentile. Il presidente lo ha sempre detto: avanti con la tramvia, i progetti avviati non si ferma no. Il tavolo però dovrà migliorare i progetti, accelerarli nei tempi, informare i cittadini. Soprattutto, di referendum come questo non facciamone più. Gentile propone di modificare lo statuto del Comune: «Non si possono sottoporre a referendum decisioni prese da anni. Semmai, lo si faccia prima. Altrimenti in nome dalla partecipazione si tiene in ostaggio qualsiasi attività dell´amministrazione». E così Confindustria si libera indirettamente di Razzanelli. Come ne prende le distanze quando Gentile dice che comunque devono essere costruite immediatamente le infrastrutture che impediscano a Firenze di restare «stritolata nella morsa di una viabilità non governata».
Con la parola «migliorare» Gentile indica però che qualcosa di diverso si può fare: senza fermare tutto ma trovando un accordo. Il presidente non ne parla. Ma gli industriali qualcosa in testa già ce l´hanno: interrare il tram al Duomo. Fare un pezzo di metropolitana che consenta alla linea 2 della tramvia di venire realizzata, ma al tempo stesso eviti il tram al Battistero. Non si tratta di un pezzo del micrometrò di Razzanelli, che non avendo né prototipi né omologazione non viene giudicato fattibile, ma di una vera metropolitana leggera. Un progetto che Confindustria per ora tiene nei cassetti perché devono essere studiate le compatibilità economiche e tecniche. Evidentemente costerebbe più della tramvia, avrebbe il problema di come fare scendere sotto terra una tram creato per andare in superficie con un´armatura diversa da quella del metrò, delle fermate che prendono molto spazio, dei possibili ostacoli archeologici. Soprattutto cozzerebbe contro uno degli scopi della tramvia al Duomo tra i principali dichiarati dall´amministrazione: liberare l´area da piazza dell´Unità a piazza San Marco da qualsiasi motore: bus, auto e motorini.
Forse è proprio questo proposito ad allarmare, tra gli industriali, il partito più entusiasta del tratto di metropolitana: albergatori e grandi immobiliaristi, compreso il gruppo Fingen dei fratelli Fratini che sta finendo in centro il suo resort di lusso, il club Tornabuoni costituito da 36 appartamenti esclusivi dotati di ogni servizio compresa Maserati al seguito. Il partito del tratto di metrò non solo teme che il tram al Duomo incrini l´immagine di Firenze agli occhi di turisti di alto livello, ma probabilmente non approva neanche un centro dove le rotaie impediscano l´accesso a qualsiasi altro mezzo. Altra cosa è un semplice divieto di traffico aggirabile con i tanti permessi speciali.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news