LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, parliamone prima del voto
GIUSEPPE GALASSO
Corriere del Mezzogiorno 17/02/2008

E' tempo di elezioni, tempo, quindi, di programmi e di dichiarazioni di intenzioni. Proviamo qui a sollevare qualche tema di particolare importanza per il Sud.
Di 8 milioni di visitatori di musei, siti archeologici e monumenti statali del Sud (su un totale italiano di 35 milioni) ben 6,8 milioni toccano alla Campania, e ben lo si capisce. S
Stanno qui Pompei, la Reggia di Caserta, il Museo archeologico e la Galleria di Capodimonte a Napoli: ossia attrazioni di
livello mondiale. Ma, benché i visitatori siano pochi, anche nel restante Sud vi sono molti musei e aree di grande interesse, la
cui debolissima frequentazione si deve solo alle note carenze del Sud in tanti settori: sicurezza, accessibilità, servizi al pubblico e simili, nonché, per i residenti nel Sud, lo scarso reddito medio, che certo non stimola a interessi museali o archeologici.
Una politica nazionale al riguardo dovrebbe, perciò, diffondere nel Sud livelli minimi di qualità, garantendo ai visitatori
uguali servizi in tutti i musei e siti e beni culturali, anche di proprietà locale o ecclesiastica, e mettendo così il Sud su per giù alla pari col resto del paese, in questo settore, almeno per i servizi agli utenti.
A ciò possono ben servire gli accordi di programma-quadro fra Stato e Regioni, ma, poiché l`esperienza fattane non è positiva,
si può pensare a qualche accorgimento.
Da un lato, tutti i siti carenti, a una certa data, negli standard di funzionamento dei musei e in alcuni servizi essenziali (apertura al pubblico, servizi di accoglienza,
sistemi di sicurezza, ausili didattici, allestimenti adeguati, siti internet, superamento di barriere architettoniche, bookshop
e librerie, eventuali carte-museo, eccetera) potrebbero predisporre un loro piano, indicando le risorse necessarie e i
tempi entro cui, erogando i finanziamenti a stati di avanzamento dei lavori, a tali carenze si possa in buona misura ovviare, e
prevedendo attività di formazione e aggiornamento delle figure professionali occorrenti nei siti, nonché, a programma realizzato, attività di monitoraggio e controllo.
Dall`altro lato, si può pensare a un accreditamento dei musei e dei siti sia per consentire agli utenti di distinguere quelli
di interesse locale da quelli di più rilevante interesse, sia per articolarne meglio la promozione e per gestire le risorse evitando interventi a pioggia.
Il ministero per i Beni e le attività culturali, le Regioni e gli enti locali possono rifarsi a tal fine al Codice dei Beni Culturali, che, all`articolo 114, prevede, appunto, la realizzazione, mercé intese istituzionali, di Piani di valorizzazione territoriale, quali motori di una valorizzazione più ampia, che coinvolga territorio, infrastrutture, settori
produttivi, politiche turistiche. Un intervento organico, quindi, e non solo settoriale.
Con quali risorse? Non possiamo dilungarci qui su quelle
del ministero dei Beni e delle attività culturali, né sugli accordi con altri istituti (come Biennale di Venezia o Sviluppo Italia), che già prevedono interventi e azioni per musei e siti del Sud.
A beni e attività culturali sono, comunque, interessati, come si sa, oltre a soggetti pubblici, anche soggetti privati senza
scopo di lucro, come le fondazioni bancarie. Le risorse per il settore sono, quindi, molteplici, come lo sono le fonti di spesa.
Un unico centro decisionale la spesa per la cultura non pare possibile. Possibile è, però, programmare la spesa pubblica sia statale che di derivazione europea, avviando, specie con le Regioni, un rapporto di leale collaborazione, mirante a obiettivi comuni e a migliorare l`efficacia della spesa pubblica.
Sarebbe una novità in un settore in cui da sempre un programma di spesa è un elenco indistinto di opere, soprattutto per gli investimenti. Lo strumento può essere, al riguardo, il Dup (Documento unitario di programmazione), in cui, identificate
le risorse disponibili, sia ordinarie che europee, si formano piani e progetti secondo standard certificati, atti a realizzare
obiettivi di medio-lungo periodo, anche per superare lo svantaggio competitivo del Sud. In seguito, o insieme, si potrebbe svolgere un`attività ricognitiva presso enti pubblici e privati che siano soggetti di spesa nel settore, per verificare le convergenze programmatiche possibili.
Quanto alle fondazioni bancarie, esse hanno destinato a beni e attività culturali, nel 2oo6, oltre 5oo milioni di euro, di cui
più di i,o milioni per il restauro di beni artistici e architettonici. Intese di programma con esse sono previste nel Codice dei Beni culturali all`articolo 121, ma non sono
vincolanti per queste fondazioni, che la Corte costituzionale ha dichiarato sottratte a imposizioni di compiti e missioni da
parte della pubblica amministrazione, e possibile solo la loro adesione volontaria a singoli accordi.
Si sa, infine, che in Francia, Gran Bretagna e altrove da tempo si pratica, con appositi organismi, una co-programmazione
fra lo Stato e le maggiori associazioni imprenditoriali, individuando progetti strategici, soprattutto per il restauro, da
cofinanziare; e i risultati così raggiunti vanno certo ascritti alla capacità di programmare dello Stato. E anche in Italia
un`esperienza simile c`è da oltre un decennio a Torino.
Chissà se qualche partito o candidato si impegnerà o presenterà idee o progetti sui beni culturali e loro annessi e connessi
(turismo, occupazione, percorsi dello sviluppo, eccetera).



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news