LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Tramvia, votano solo 4 fiorentini su dieci
Marco Imarisio
Corriere della Sera 18/02/2008

FIRENZE - Al pianterreno del liceo classico Galilei si sta come sul luogo del delitto. E un voto con vista sulla pietra dello scandalo, perch la curva della futura tramvia che lambisce il battistero del Duomo distante appena cinquanta metri, al termine di via Mercalli.
stata quella curva a far rimbalzare una consultazione locale in tutto il mondo.
Le ha fatto da cassa da risonanza, si fatta simbolo, una parte delicatissima a rappresentare il tutto. Il Galilei doveva essere
l`epicentro, il seggio pi vicino all`oggetto del contendere, il pi centrale, affollato e simbolico.
Con i suoi corridoi pieni soltanto dei banchi accatastati per fare spazio al referendum, ha invece rappresentato al meglio quello stato di placida indifferenza che ha avvolto il giorno della presunta ordalia referendaria. Gli scrutatori aspettavano visitatori con le gambe allungate sotto al tavolo e la faccia intorpidita.
Alla vigilia Mario Razzanelli, il padre della consultazione, aveva fissato l`asticella al cinquanta per cento degli aventi diritto al voto. Intorno a quella cifra, sarebbe stato un successo. Non c` andato neppure vicino. Ha votato il 39,36 per cento degli aventi diritto, 124.239 elettori su 316 mila. Nel 2oo1 il referendum sulla costruzione di un ipermercato nel quartiere di Gavinana aveva raccolto il 47,3% dei voti. A centro commerciale smuove gli animi pi del tram e del battistero in pericolo. Un convinto sostenitore della tramvia come Francesco Giambrone, sovrintendente del Maggio Musicale, si dice sorpreso dai dati sull`affluenza. A me sembrava che la citt fosse stata coinvolta. Forse il messaggio stato troppo politicizzato.
Anche Pancho Pardi, schierato sulla sponda opposta, quella
dei comitati referendari, sostiene che forse questo il dato
pi importante. Strano, perch i fiorentini sono visceralmente
attaccati alle sorti della loro citt. Anche se la consultazione aveva solo un valore consultivo, questa indifferenza non certo una buona notizia, denota una disaffezione che non nel nostro Dna. Il verdetto simbolico, perch non stato neppure
sfiorato il quorum, e quindi il Comune non sar obbligato a discuterlo. Ma provvidenzialmente double face. Razzanelli si consola con una vittoria di stretta misura.
I comitati referendari ottengono (dati provvisori) un 52% di voti contrari alla tramvia, con i favorevoli al 48%. Contando gli assenti, poco meno di un cittadino su cinque.
L`unico vincitore sembra essere il localismo. Doveva essere
una questione nazionale e internazionale, alla resa dei
conti ha faticato ad assumere una dimensione pienamente
collettiva. Gli abitanti delle zone non interessate dalla
tramvia hanno disertato in massa. A met giornata, l`affluenza
maggiore stata registrata nei due quartieri - zona stadio e Gavnana - mai A giormente interessati dal passaggio del tram, quelli che pi degli altri si troveranno sottocasa il mostro di Firenze, impegnativa definizione coniata dal comitato referendario.
Qui il voto riguardava aspetti di vita quotidiana che hanno avuto poca eco, come il traffico, i futuri cantieri da aprire e gli intralci alla viabilit. Intorno al battistero del Duomo, nel cuore della citt, - E` qui che si consumer lo scempio ad un patrimonio dell`umanit intera, tuonavano i leader referendari c` stata un`affluenza bassa.
A tre ore dalla chiusura del seggio l`affluenza al liceo Galilei
- sezioni cittadine numero i e 2 - non aveva ancora raggiunto il 25%. Alle otto della sera, poca gente nei corridoi deserti. Daniela Romanelli, presidente di sezione definisce incomprensibili i quesiti, dove il no era s, e viceversa.
Gli indecisi si sono trovati a mal partito, leggevano il testo sulla scheda e non capivano. Nel secondo quesito si parlava della linea Peretola-piazza della Libert, senza specificare per che si tratta del percorso che passer dal Duomo. Una coppia di pensionati si fa avanti con aria smarrita.
L`uomo dice che voteranno contro il tram, perch Firenze cambiata troppo e loro due, che da sempre vivono in centro, faticano a riconoscerla. Poco prima era uscito dall`urna un ragazzo di 25 anni, favorevole alla tramvia perch, dice, finalmente qualcosa si muove in questa citt. in questi due estremi che si gioca il futuro di Firenze, in qualcosa che riguarda la sua anima, non le sue rotaie e un referendum senza esiti concreti, destinato ad essere dimenticato in fretta.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news