LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arte & Dintorni: la citt di Ercolano tra archeologia, urbanistica e paesaggio
Marcello Mottola
http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=3405&Itemid=40

Nel corso della conferenza in occasione dell'inaugurazione del nuovo ingresso degli scavi di Ercolano - il 7 febbraio 2008 -, stato presentato il saggio dal titolo "Ercolano e la Villa dei Papiri, archeologia citt e paesaggio" (Alinea editrice). Nel corso del dibattito, al quale hanno presenziato il soprintendente archeologo Pietro Guzzo, il sindaco Nino Daniele e la direttrice degli scavi di Ercolano Maria Paola Guidobaldi, i due autori Giovanni Longobardi e Vieri Quilici, docenti rispettivamente di Architettura del paesaggio e di Composizione Architettonica alla Facolt di Architettura dell'Universit Roma Tre, hanno esposto in sintesi i risultati riguardanti lo studio delle Interferenze paesistiche, urbane e architettoniche dello scavo della Villa dei Papiri a Ercolano e dei suoi margini, svolto tra il 2003 e il 2006 per conto della Soprintendenza Archeologica di Pompei dal Laboratorio di Progettazione Urbana del Dipartimento di Studi Urbani - DipSU - dell'Universit di Roma Tre.

Ercolano, sepolta come Pompei dal Vesuvio nel corso dell'eruzione del 79 d.C., vive in una sostanziale problematica di recupero, posta dalle difficolt di poter svolgere con facilit le attivit di scavo e di restauro. Ercolano antica stata sepolta da un'ingente massa di fango, cenere ed altri materiali eruttivi che si solidificarono in uno strato compatto e duro che seppell definitivamente la citt sotto una coltre di oltre 20 metri. Questo strato di materiale piroclastico costitu una solida fondazione per gli edifici costruiti in seguito, infatti Ercolano come centro abitato non scompar mai del tutto, anzi nacque, quasi subito, una nuova citt proprio sul luogo che ospitava quella greco-romana.


Questo vincolo che lega la citt antica con quella "moderna" si protratto sino a giorni nostri, condizionando sia le prime scoperte archeologiche, avvenute nel XVIII secolo, sia gli attuali interventi. Simbolo di questa condizione la Villa dei Papiri che resta per la maggior parte della sua superficie ancora inesplorata.


La Villa, scoperta da Karl Weber tra il 1750 e il 1765, prende il nome dalla ricca biblioteca che vi era ospitata e che conteneva circa 1800 rotoli di papiro, era centro di studi filosofici e vide tra i suoi ospiti Virgilio; inoltre il complesso residenziale si estendeva su notevoli dimensioni, era lunga 250 metri, si affacciava direttamente sul mare e al suo interno era provvista anche di terme.


Nel volume i due curatori sottolineano come sia essenziale rivolgersi per qualsiasi tipo di intervento di ricerca archeologica ad una pianificazione pluridisciplinare che tenga conto dei vari temi d'analisi: recupero archeologico, progettazione architettonica e tutela del paesaggio vesuviano. "L'obiettivo di fondo che ha guidato gli studi pubblicati - sottolineano Quilici e Longobardi - ha coinciso con il tentativo di ricondurre a una visione unitaria dell'intero patrimonio dei beni culturali presenti, infatti ad Ercolano passato e presente vanno ricongiunti e la questione delle interferenze tra scavi e citt va ricondotta alla ricerca di una connessione".


La Villa ed il suo contesto sono il nodo centrale di questa ricerca e i due autori delineano un serie di scenari urbanistici futuri offrendo proposte sul recupero dell'edificio. Una prima ipotesi prevede lo scavo a cielo aperto, i lavori archeologici interesserebbero edifici privati e pubblici, scuole ed abitazioni ed almeno tre sedi stradali. La quantit di scavo stimata sarebbe tra i 280 mila ed i 400 mila metri cubi di terra e la Villa dei Papiri potrebbe essere interamente percorribile nonch visibile dall'alto.


Una seconda ipotesi sarebbe adottare uno scavo parzialmente ipogeo. Lo sviluppo sotterraneo ed il conseguente rapporto tra interno ed esterno, con le relative caratteristiche di luminosit dell'originario abitato, sarebbero garantiti dalla creazione di pozzi di luce, i quali ricostituirebbero parzialmente il passaggio tra gli ambienti ipogei e latrio a cielo aperto. In questo caso la quantit di scavo stimata sarebbe inferiore, circa 30 mila metri cubi, e provocherebbe un coinvolgimento solo parziale dei tessuti edilizi oltre che un minore impatto ambientale.


In entrambi i casi Ercolano sarebbe coinvolta in una vera e propria rivoluzione urbanistica attraverso un intervento integrato, che prevederebbe anche una riduzione della densit abitativa ed un'incentivazione delle attivit economiche secondo le vocazioni culturali dell'area.




http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=3405&Itemid=40


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news