LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il referendum-beffa sul tram di Firenze
Simonetta Bartolini
Libero 16/2/2008

Domani i residenti decideranno sul metr vicino al Duomo. Ma la citt di tutti e va difesa dagli scempi della sinistra

Chiudete gli occhi e provate a immaginare. Firenze, Piazza dei Duomo: siete al centro della piazza a destra avete la cupola del Brunelleschi, il campanile di Giotto, il bianco e verde dei marmi della facciata di Santa Maria del Fiore, a sinistra quelli del Battistero dalle preziose porte d'oro con le formelle di Lorenzo Ghiberti, guardando davanti a voi si apre via Martelli che dopo pochi metri si trasforma in via Cavour inaugurata da Palazzo Medici Riccardi; mentre vi godete lo spettacolo un treno modernissimo lungo 32 metri alto 3,40 e largo 2,40, corre su rotaie verso di voi in uno sferragliare di lamiere, passa a una trentina di metri dal Battistero e prosegue per via de' Cerretani verso la Stazione di Santa Maria Novella. No, non un incubo futurista, quanto potreste vedere fra qualche anno nella citt di Dante se il progetto della tramvia sar portato a compimento.
PROPOSTE ALTERNATIVE
Da oltre dieci anni Firenze divisa fra favorevoli e contrari a questo nuovo sistema di trasporti, tanto che alla fine anche passato un referendum consultivo che il 17 febbraio chiamer i fiorentini a pronunciarsi a favore o contro l'abrogazione della delibera comunale per la sua costruzione. A parte la nota inutilit dei referendum consultivi, ha ragione Vittorio Sgarbi quando dice che Firenze non appartiene solo ai fiorentini, il suo patrimonio artistico riguarda l'umanit. Certo chiamare l'umanit a esprimersi pro o contro la tramvia fiorentina risulterebbe complicato, ma lasciare il giudizio ai soli cittadini del comune di Firenze ha il sapore di una demagogica beffa. Va per detto che il referendum ha avuto il merito di attirare l'attenzione su un problema non trascurabile.
Tutto cominci alla fine degli anni '90, quando si cominci a parlare di trasporti extraurbani per collegare le periferie con il centro e diminuire cos la pressione del traffico privato. Le proposte erano due: quella della tramvia e quella di un micrometr progettato dall'Universit di Firenze e finanziato dal locale Ente Cassa di Risparmio. Quest'ultima non venne neppure presa in considerazione. Nel gennaio del 2000 il Consiglio comunale approv il progetto per tre linee della tram-via, due delle quali destinate ad attraversare il centro storico. E qui comincia la parte grottesca della faccenda. Il consiglio comunale approv il progetto senza guardarlo, altrimenti si sarebbe forse accorto di quello che poi fu evidente tre anni dopo, al momento dell'appalto per i lavori, quando le ditte appaltataci fecero presente agli amministratori della citt che una parte del percorso per essere realizzata avrebbe richiesto la demolizione di alcuni edifici, fra cui Palazzo Vecchio! Evidentemente, dopo aver approvato l'orribile uscita monumentale (sic) degli Uffizi di Isozaki, il cui impatto architettonico ha del mostruoso, al Sindaco Domenici e alla sua Giunta parve eccessivo abbattere il Palazzo di Arnolfo di Cambio per far posto alla tramvia, cos il percorso venne modificato lasciando per il passaggio da Piazza del Duomo, visto che non si sarebbero dovuti sventrare n la cattedrale e neppure il Battistero! Chiunque, su internet (www.tramvia.fi.it), pu verificare il tremendo impatto dei percorsi delle linee 2 e 3 che tagliano il centro storico della citt come una torta. Il 5 febbraio Italia Nostra ha annunciato una campagna a livello europeo dichiarandosi pronta a ricorrere alle vie giuridi-che pur di fermare la costruzione dei binari accanto al Duomo e al Battistero, con lei si schierata Europa Nostra, e E Fai la cui presidente, Giulia Mozzoni Crespi, giusto un anno fa, aveva inviato al sindaco Leonardo Domenici una lettera accorata nella quale dichiarava la "perplessit" di fronte all'idea che il "sacro spazio" di piazza San Giovanni possa in futuro venire ferito ogni tre minuti dal passaggio di un treno lungo 33 metri. Contrari per gli stessi motivi si so -no dichiarati Sgarbi, l'ex ministro Paolucci, la storica dell'arte Mina Gregori, Asor Rosa, Zeffirelli, e poi il deputato fiorentino di Forza Italia Paolo Bonaiuti e molti altri.
GLI ERRORI DEL PD
Non sono contrari, anzi, Verdi e ambientalisti i quali in nome dell'abbattimento (loro dicono sar del 30% in meno) dell'inquinamento da CO2 sono disposti ad accettare lo stupro estetico della citt argomentando che si deve difendere Firenze citt d'arte di valore universale!
Ragionamento tipico di Verdi e ambientalisti i quali invocando l'ovvio - tutti sono d'accordo a liberare le citt dallo smog - propongono soluzioni peggiori del male, allineandosi con le scelte dei partiti di centrosinistra. Non provano neppure, Verdi e ambientalisti, a proporre soluzioni alternative, perch nel caso di Firenze la tramvia sostenuta da esponenti del Pd nazionale a cominciare da Walter Veltroni (che non tollera che Firenze mantenga l'integrit estetica che stata sottratta a Roma, grazie anche a lui); e da Francesco Rutelli, ministro uscente dei Beni Culturali, che si distinto a suo tempo per aver dato il placet all'obbrobrio dell'Ara Pacis, per poi dire che nel progetto non aveva capito bene l'impatto architettonico, evidentemente anche in questo caso c' stato un problema di comprensione!
L'affaire tramvia dunque politico. Lo ha dichiarato Enrico Falqui di Legambiente Toscana: Come ci hanno detto gli amici Rifkin, Cohn-Bendit e Commoner, accettando di sottoscrivere questo appello (a favore della tramvia, ndr), il voto del 17 febbraio sar inevitabilmente un "voto politico" per il futuro della citt. Coincide con l'inizio della campagna elettorale per il governo del Paese. A questo punto, le obiezioni nel merito passano in cavalleria: chi se ne importa se la linea 1 non prevede fermate davanti a un ospedale (di Torregalli) e a un cimitero (di Soffiano) che pure sono luoghi molto frequentati.
BIGLIETTI A12 EURO
Non interessa neppure il fatto che si verificheranno ingorghi terribili nelle strade che dovranno essere divise fra binari e automobili e le autoambulanze ne saranno vittime eccellenti visto che i binari saranno protetti da cordoli di 40 cm. Per non parlare dei 1000 alberi che verranno abbattuti (certo non interessano ai Verdi) per ottenere, secondo i calcoli dell'Ataf, la riduzione del 3-4% del traffico privato. Poi ci sarebbe la questione dei costi che fa venire la pelle d'oca se si pensa che per gestire la sola linea 1 occorrerebbero 8,5 milioni di euro che porterebbe il biglietto (per andare in pari con le spese di oggi, ma senza contare l'ammortamento delle spese di costruzione) a 12 euro! Poich non pensabile, la differenza la pagheranno tutti i cittadini in forma di tasse.



Il Progetto
TRE LINEE
II progetto prevede tre linee tramviarie. La prima, collega la stazione di Santa Maria Novella a Scandicci, sar pronta quest'anno. La seconda dovrebbe col legare l'aeroporto a piazza Duomo. La terza dovrebbe collegare l'Ospedale di Careggi-Fortezza. I lavori della Iinea2 e della 3 non sono cominciati
I COSTI
Le tre linee si sviluppano su un totale di circa 30 chilometri con oltre 40 fermate. Il costo complessivo di oltre 700 milioni di euro e, perla prima volta in Italia, Ielinee2e3 vengono realizzate con lo strumento del project financing applicato al settore del trasporto pubblico locale.
ALLE URNE
La linea contestata la nmero 2, che collega il comune di Scandicci al centro della citt. Tra i favorevoli ci sono pure i Verdi: in nome dell'abbattimento dell'inquinamento accettano lo stupro estetico della citt. Domani i fiorentini diranno fa loro alle urne.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news