LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quellinutile tram chiamato referendum
Roberto Barzanti
Il riformista 16/2/2008

Il referendum si far. Domani. Non sar quello sulla legge elettorale promosso da Guzzetta & soci, ma una consultazione non meno accesa di contrasti e controversie. I fiorentini son chiamati a pronunciarsi sui progetti di tram via che hanno suscitato discussioni a non finire. Come capita sempre, l'appuntamento referendario s' caricato di amplificanti risvolti politici e il merito delle domande enunciate dalle due schede - una gialla e una viola: un match calcistico - rischia di essere sovrastato da dilemmi di altro tipo. Promosso da un attivo esponente dell'Udc (Mario Razzanelli), dai pi vissuto come un plateale attacco al sindaco Leonardo Domenici e alla sua giunta. La tra-sversalit degli schieramenti si andata restringendo inevitabilmente. Cos chi vorrebbe rispondere attenendosi strettamente alla lettera dei quesiti formulati e immaginando gli effetti secondo gli esiti prova non poco imbarazzo.
Anzitutto di referendum consultivo si tratta. In pi occasioni stato ribadito che - quale che sia il risultato - i lavori andranno avanti, magari con ritocchi e correzioni. Sul fronte opposto - quello del s, cio di quanti si battono per la revoca delle delibere incriminate e quindi si oppongono al progetto approvato da anni - evocano scenari apocalittici. Carlo Ripa di Meana ha parlato, a nome di Italia Nostra, di un misfatto che profaner e perder il centro. Il segretario regionale del Pd, Andrea Manciulli, controbatte che Firenze non pu star racchiusa in uno scrigno. A dire il vero un pericolo che Firenze non corre da un pezzo. La parte pi antica e preziosa sottoposta ormai a un'usura mercantile tanto violenta che ogni argine andato in frantumi. Ma non vale la pena elencare i nomi delle squadre in campo per una partita senza esclusione di colpi, paragonabile a uno scontro del rissoso e folkloristico Calcio in costume.
Certo che un referendum - sar lecito guardare le cose un po' da lontano - lo strumento meno indicato per affrontare con ragionevolezza i problemi, anche di mobilit, che Firenze e il comprensorio hanno in agenda, ora che varato un piano strutturale di ambizioso respiro. La prima e pi benefica operazione da fare - la sola che in questi appunti s'intende suggerire - l'accantonamento dei toni e degli slogan che hanno semplificato odiosamente le cose, al punto da far assurgere le tre linee della tramvia a chiave di volta del futuro o a simbolo di visioni del mondo. stucchevole, ad esempio, sentir ripetere - come in Toscana si preso a fare da troppe parti - che si punta su una coraggiosa innovazione: parola magica e fumosa, che copre ogni sorta di intervento. Questa esaltazione ideologica e acritica di un progresso da realizzare in prevalenza per aggiunzioni che puntino a innestare nelle parti pi delicate del tessuto urbano, o in paesaggi di stratificata e secolare modellazione, in-vasive infrastrutture o enfatiche costruzioni esibisce un determinismo vecchio stampo. A volte preferibile non fare, o agire con somma prudenza, e tentar di ritrovare, per via di restauro, rarefazione, silenzi e rispetto degli spazi, un progredire civile e conviviale molto pi difficile da conseguire e davvero alternativo allo sviluppo egemone.
Pi che a una tramvia che lambisca con la sua pi sinuosa traiettoria Duomo e Battistero il futuro nuovo della citt fisica sar assicurato da una pedonalizzazione estesa: favorendo una penetrazione leggera, una fruizione non congestionante o smodatamente consumistica. Ma ecco che proprio coloro che non sono turbati dal transito per le vie fiorentine delle vetture grigio-rosse Sirio afferrano al volo un tale argomento e sostengono con fervore che gli itinerari della tramvia - in tutto una ventina di chilometri, destinati a diventare 34 con le diramazioni delle linee 1 e 3 - sono indispensabili per raggiungere questo sacrosanto scopo. E gi a dimostrare - cifre alla mano -quante auto in meno sarebbero spinte ad approdare in centro e negli immediati paraggi se fossero in funzione gli osteggiati convogli. Un appello firmato da operatori dell'establishment culturale e dello spettacolo si spinge fino ad attribuire alle silenziose vetture costruite da Ansaldobreda spa, la capacit di svegliare la citt, sostenere le sue produzioni culturali, aiutare a mantenere aperti, a riaprire e a cambiare orari cinema, teatri, biblioteche, librerie, centri culturali, musei.
Insomma un vero miracolo, tanto pi sorprendente quanto pi allarmanti sono le quotidiane notizie di sale di cinema minacciate di chiusura - da ultimo per la minaccia del multiplex di Novoli - o di seminecessitati tagli a istituzioni culturali tanto bisognose di ossigeno. Certo: riattivare circuiti pi fluidi tra centro antico e aree degradate a anonime conurbazioni impresa ineludibile, se si vuoi conferire una dimensione urbana a esigenze e desideri segregati in periferia. Da qualsiasi punto di vista si esamino i problemi facile accorgersi che la tramvia li attraversa pi di quanto non li risolvi, almeno in certi suoi tratti pi arditi. Sar vero che gli alberi tolti di mezzo saranno sostituiti. Che i rumori saranno abbassati al massimo nelle zone pi delicate. Che opere d'arte come i mosaici non subiranno dannose vibrazioni. Anche molti di coloro che votano no - e dicono, pertanto, s al complesso progetto in cantiere - avvertono oneste inquietudini.
Ȓ proprio impossibile che non si riesca a conciliare con generale soddisfazione esigenze tutt'altro che conflittuali, come la salvaguardia del patrimonio storico e una calibrata modernizzazione? tardi, sembra, per imboccare la strada - da taluni auspicata - del veicolo automatico leggero (val), cio di una piccola metropolitana sul modello di quella inaugurata a Torino. Altri prospettano una linea senza binari. Asor Rosa e i suoi comitati si sono espressi per una moratoria di ripensamento. vero dopotutto che il tram a Firenze rappresenta pi un ritorno al passato che uno scatto verso il domani, dal momento che nel 1908 le tram vie fiorentine si estendevano per ben 170 chilometri e le ultime sono state chiuse negli Anni Cinquanta.
Questo ritorno alla grande del tram e del servizio pubblico - di per s non deprecabile - in ogni sua diramazione attuato in piena e convincente sintonia con i caratteri di una citt come Firenze? Nelle simulazioni apprezzabili in rete il metallico serpentone (altezza: metri 3,30) scivola quatto e accorto tra palazzi e giardini. La realt sar virtuosa come i virtuali rendering? Sono interrogativi che esigono risposte pi motivate, analitiche e intrecciate del s e del no di un convulso referendum.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news