LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA. Dal Genio permessi lampo per le case al posto delle serre
SABATO, 16 FEBBRAIO 2008 IL TIRRENO- Lucca




Richiesta del nulla osta presentata prima del rilascio della concessione



--------------------------------------------------------------------------------

Tutto (o quasi) in un giorno - il 25 gennaio - per il nuovo permesso a costruire che consente a Imital spa di realizzare 27 appartamenti in 4 fabbricati al posto delle ex serre Casula a San Macario. Calendario alla mano - in questa vicenda essenziale - la pratica corre spedita non solo in Comune (che lha rilasciata a tempo di record), ma anche al Genio civile: in una mattinata il progetto viene depositato (come impone la normativa anti-sismica) e ottiene anche il nulla osta, la certificazione che la struttura regge alle scosse di terremoto. In altre parole, il progetto ottiene il lasciapassare per lavvio dei lavori.
Le date, ancora una volta, in questa vicenda sono importanti. Il progetto viene depositato al Genio civile venerd 25 gennaio. Tre giorni prima che il Comune rilasci il permesso a costruire.
I privati, dunque, rischiano: chiedono la conformit alle norme anti-sismiche su carte, disegni e, quindi, calcoli delle strutture che potrebbero cambiare. Il Comune, infatti, pu sempre chiedere modifiche al progetto (a qualunque progetto), prima del rilascio della concessione edilizia. O addirittura pu anche bocciarlo, come, in effetti, fa, la Sovrintendenza: proprio il 25 gennaio emette il decreto di annullamento del nuovo permesso a costruire a San Macario, considerato troppo invasivo con gli appartamenti accorpati in 4 blocchi, invece che in sei. Almeno in teoria, dunque, il rischio che il progetto vistato dal Genio civile non sia quello che poi viene approvato dal Comune c. Di conseguenza c il rischio che il progetto modificato debba essere ripresentato allente per la valutazione anti-sismica, condizione essenziale per lavvio dei lavori: senza il timbro del Genio civile, infatti, lintervento non pu partire. Proprio per questo - confermano alla direzione dellente - in linea di massima i progetti (per il nulla osta, ndr) ci vengono consegnati una volta che il Comune abbia rilasciato il permesso a costruire. Al limite ci vengono presentati contestualmente. Di rado, vengono depositati prima dellapprovazione, per quanto il nostro visto venga rilasciato indipendentemente dalle valutazioni di impatto ambientale o dal parere espresso da altri enti. Noi ci limitiamo a valutare la rispondenza alle norme anti-sismiche. Ma il ragionamento - precisa il Genio civile - un altro: se il progetto viene modificato e cambiano i calcoli della struttura, la documentazione ci deve essere ripresentata aggiornata. E questo, per un privato, comporta un doppio costo: in caso di modifiche sostanziali deve rivolgersi a un tecnico per due volte, per un deposito che, invece, pu effettuare una volta sola.
La Imital spa, per, ha preferito rischiare piuttosto che aspettare. Del resto - il calendario a dirlo - il 25 gennaio un giorno cruciale per la vicenda San Macario. E non solo per lannullamento (da parte della Sovrintendenza) del permesso a costruire che gli uffici comunali continuano a ritenere inefficace, perch spedito oltre i 60 giorni entro i quali le Belle arti devono esercitare il potere di veto sugli interventi inseriti in zone vincolate da un punto di vista paesaggistico. Il 25 gennaio, infatti, il giorno del consiglio comunale che deve adottare la variante al piano regolatore. Quella che vieta di trasformare le serre in appartamenti e che mette un freno al cemento. Ma in questo caso il consiglio comunale non ha fretta. Il Polo fa saltare la seduta e viene rimandato al luned successivo il voto anche della norma sulle serre, che avrebbe potuto creare qualche difficolt al nuovo progetto di San Macario. Lipotesi, per, non si verificata. Il luned - 28 gennaio - in mattinata il Comune rilascia il permesso a costruire, forte del fatto che la Sovrintendenza non ha fatto arrivare lannullamento. Con una mano, dunque, Imital ritira il permesso a costruire - con meno cemento, fa presente il Comune - e con laltra consegna il certificato di inizio lavori. Pu farlo perch c anche il visto del Genio civile rilasciato su un progetto che i privati hanno ritenuto immodificabile. Le norme anti-cemento sono state adottate poche ore dopo il rilascio e non hanno effetto retroattivo.
Quanto a revocare il permesso a costruire, gli uffici non ci pensano nemmeno. Hanno gi raccolto sentenze (e pareri legali) a sostegno del diritto a escludere dalla pratica Imital il decreto di annullamento della Sovrintendenza per questione di date.
Ilaria Bonuccelli



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news