LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DIBATTITO ARCHEOLOGICO: Per S. Anastasia sappiamo ora che fu costruita sopra il fronte della casa di Augusto
ANDREA CARANDINI
16 FEBBRAIO 2008, LA REPUBBLICA, ROMA

SABATO, 16 FEBBRAIO 2008

Pagina 54 - Cultura

Polemiche/ Risposta a Filippo Coarelli




Il Georadar ha individuato un monumento grande quanto un foro
La posizione del Lupercale da sempre controversa ma ora c il Ninfeo



--------------------------------------------------------------------------------

La posizione del Lupercale da sempre controversa e ancora lo sar. Ogni generazione riscrive la storia, variandola, ma ripetizione non . Era lunico monumento famoso alla radice del Palatino verso lAventino. La distanza fra le due collocazioni possibili a sinistra o a destra delle scalae Caci e di circa 66 metri. Ha senso discutere per tanto poco? S, perch lapprossimazione distrugge ogni scienza (di qui la necessit dei "sistemi informativi archeologici"), e perch se il santuario si trovava a destra ha poi finito per trovarsi nella casa di Augusto, che non poco Ponevo anchio il Lupercale a sinistra, ma il ritrovamento del ninfeo mi ha indotto a preferire lipotesi a destra. In entrambe le posizioni il Lupercale vicino ai Templi di Vittoria e Magna Mater, per cui varie fonti che li menzionano non aiutano a discriminare fra quel sinistra o destra, Dionigi compreso. Solo Velleio farebbe propendere per la sinistra, ma esiste Servio Coarelli non lo cita che riporta il Lupercale a destra. Infatti lo colloca in Circo, cio (sul Palatino) rivolto al Circo. Se prolunghiamo verso valle lasse delle scalae Caci, il Circo si trova completamente a destra, per cui anche a destra dovrebbe stare il Lupercale (ma esistono anche altri suoi nessi con il Circo). Velleio va dunque interpretato. Del ninfeo gi sapevamo, ma il ritrovamento offre nuovi dati: collocazione, quota profonda, costruzione nel tufo naturale: elementi importanti Nelle res gestae Augusto elenca le sue "nuove opere", fra cui il Lupercale, da lui fatto pi che rifatto. E poi Dionigi scrive del santuario: "Il bosco non sussiste pi, ma si indica ancora la grotta, una costruzione aggiunta, addossata al Palatino". Il dettaglio, generalmente tralasciato, bene si accorda con il ninfeo risuscitato. Non una grotta dobbiamo dunque cercare, ma una costruzione dove un tempo era stato il primitivo antro. Le iconografie del Lupercale mostrano sovente una grotticella, ma si tratta di quella in cui era alloggiata leffigie della lupa coi gemelli, la quale si trovava in un "recinto" che Dionigi distingue dalla grotta con fonte (la "costruzione aggiunta"). Con M. de Vos, dato la decorazione agli anni al 40-20 a. C. Nulla centrano gli imperatori giulio-claudi, Nerone compreso, la cui domus non raggiungeva la radice del monte. Laquila che orna il ninfeo frequente nelliconografia del Lupercale, ma potrebbe anche rimandare ad Augusto. Vedo quindi male un privato. Lipotesi della Soprintendenza e mia, gi di Lanciani, non dunque "screditata", per cui possiamo ancora preferirla, portandone le conseguenze critiche fino in fondo, come si fa con un esperimento: solo scavi potranno confermarla o smentirla. Se cos non fosse non ci spiegheremmo questo Coarelli del 1996: "Il tipo di decorazione (del ninfeo) non esclude affatto lidentificazione (col Lupercale)".
Delle mie scoperte tra Palatino e Foro Coarelli nomina solo le interpretazioni, senza proporne di alternative. La grande magione rinvenuta nel Santuario di Vesta (750-600 a. C.) conferma la sua ipotesi sulla domus Regia di Numa e Anco Marcio in quel luogo, ma se vi sia accordo o disaccordo non arrivo ancora a capire. Per il Quirinale e il Tempio di Quirino non tanto importante quanto fosse esteso il colle al tempo della citt. Conta piuttosto quale fosse larce pi antica e sacralmente significativa, che ragionevolmente da porre presso il colle Salutare pi che in periferia. Il politeismo romano e il dio Quirino sono evidentemente pi antichi della citt, per cui bisogna tener conto della realt proto-urbana, non solo di quella arcaica. Grazie alle prospezioni elettromagnetiche abbiamo individuato questarce, distinta tra valli, e su di essa il Georadar ha rilevato tracce di un monumento grande quanto un foro. Cosaltro potrebbe essere se non il complesso cesariano-augusteo di Quirino? E poi vi liscrizione a Quirino Conclude: "La posizione al tempio va riconosciuta nellarea di Palazzo Barberini", dichiarazione alquanto apodittica In Cercando Quirino (Einaudi) ho presentato la localizzazione ai Cavalieri di Malta del Tempio di Diana sullAventino. Tutti gli indizi utili a collocare i frammenti della pianta marmorea Severiana, al contrario di quanto sostiene Coarelli, provengono da SantAlessio (per noi il Tempio di Minerva) e Santa Sabina: vasi attici arcaici integri, torso arcaizzante, statuetta di Diana, iscrizione (D) iana Inoltre il tempio con quello di Minerva erano in arce cio sullAventino lungo il Tevere, punto pi alto del monte, dove oggi stanno le chiese. Infine la Chiesa di Anastasia non si data a Damaso (366-384 d. C.), che non fonda la chiesa ma semplicemente la orna di pitture, per cui rappresenta meramente un terminus ante quem. Solo ora sappiamo che venne costruita sopra il fronte della casa di Augusto, per cui bisogna pensare a una commissione imperiale. Conosce Coarelli committente pi persuasivo di Anastasia, sorella di Costantino, il costruttore delle chiese pi antiche di Roma? Inoltre la chiesa legata al Natale originario, che le fonti datano tra il 325 (Concilio di Nicea, dove si tratta della Pasqua, non del Natale) e il 335 (Depositio Martyrum). Siamo al tempo dellultima visita di Costantino a Roma nel 326 (su Lupercale, casa di Augusto e chiesa di Anastasia rimando a un mio prossimo libro Laterza).
Faccio prospezioni, scavo, pubblico relazioni di scavo, scrivo saggi, parlo alla gente tramite lezioni e media: il mio piacere e anche un dovere. Dubitare sempre dobbiamo ben poco certo, e il resto solamente pi o meno improbabile (anche le leggi naturali sono probabilistiche), eppure al tempo stesso non possiamo evitare di fare scelte critiche e quindi di anche di rischiare, se vogliano ricostruire e narrare, e queste preferenze abbiamo lonere di motivare e difendere, finch ci crediamo. Da venti anni Coarelli tace sulle mie ricerche, che invece dovrebbe discutere in ambito scientifico. Se il "bombardamento mediatico" lo ha spinto finalmente ad esprimersi sui deprecati media, eccone la comprovata lutilit. E non forse un bene che Roma antica sia tornata a interessare loccidente, anzi il globo? Se la mia curiosit per il totemismo viene ricambiata dallattenzione ai monumenti di Roma di un Australiano, e mi convincessi di aver recato un contributo in tal senso, ne sarei fiero. Daltra parte impossibile pretendere che i media siano privi di inesattezze e sensazionalismi; per il rigore c la turris austera degli studi, che vorremmo tuttavia meno tradizionalista, pi tollerante, aperta al nuovo che esce dalla terra. Comunicare, narrare importante quanto ricercare seriamente e interpretare con creativit storica; altrimenti i nostri studi moriranno (a Londra, se non erro, non si insegna pi archeologia classica).



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news