LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA. Duomo, ripartono i lavori Dodici anni persi, ma dal 3 marzo il cantiere si riattiva
Ilaria Bonuccelli
SABATO, 16 FEBBRAIO 2008 IL TIRRENO - Lucca



Lucca. Il viceministro Marcucci conferma che è stato deciso come intervenire sul transetto

-------------------------------------------
Non si nasconde dietro a un dito, Andrea Marcucci. Il sottosegretario ai Beni culturali conferma: per dodici anni il cantiere del Duomo è stato praticamente fermo.
Dal 3 marzo, però, non sarà più così. Il giorno scelto dall’arcivescovo Italo Castellani per la riunione sulla cattedrale di San Martino si chiariranno tempi, modi e finanziamenti necessari per avviare (più che concludere) il risanamento del transetto. Il restauro non sarà breve, ribadisce Marcucci. Ma non durerà neppure altri 12 anni.

Per il sottosegretario ai Beni culturali il nuovo intervento al transetto sarà non invasivo



LUCCA. Non si nasconde dietro a un dito, Andrea Marcucci. Il sottosegretario ai Beni culturali conferma: per dodici anni il cantiere del Duomo è stato praticamente fermo. Dal 3 marzo, però, non sarà più così. Il giorno scelto dall’arcivescovo Italo Castellani per la riunione sulla cattedrale di San Martino si chiariranno tempi, modi e finanziamenti necessari per avviare (più che concludere) il risanamento del transetto. Il restauro non sarà breve, ribadisce Marcucci. Ma non durerà neppure altri 12 anni. Anche perché gli esperti sollecitati dalla direzione regionale dei Beni artistici avrebbero (finalmente) definito il sistema migliore per consolidare il transetto, senza rischiare crolli. E il metodo che verrà seguito - annuncia il sottosegretario - «sarà non invasivo». Di demolizioni, insomma, non ce ne dovrebbero essere. O al massimo dovrebbero interessare elementi di nessuna importanza architettonica.
Sottosegretario Marcucci, lei anticipa un nuovo metodo di approccio e di intervento per il duomo. In concreto cosa vuol dire?
«Significa che nell’ultimo anno ci siamo impegnati a studiare e a individuare, dal punto di vista tecnico, quale fosse il percorso che permettesse di salvaguardare la struttura architettonica del transetto senza dover ricorrere a interventi invasivi».
Questa affermazione, però, lascia capire che quello che è stato fatto finora non fosse adeguato.
«Visti i risultati ottenuti in 12 anni era evidente che il percorso progettuale dovesse essere rivisto. Lo abbiamo fatto e il 3 marzo, giorno scelto dall’arcivescovo per la riunione sul duomo con tutti gli enti locali e il ministero, segnerà la fine dell’attesa e l’inizio di un approccio diverso. Ai lavori e all’intera vicenda. È naturale che il consolidamento non si ultimerà in tre giorni, ma il duomo dovrà tornare al suo splendore naturale in tempi rapidi».
Insomma, le persone potranno smettere di aspettare l’inizio dei lavori del duomo. Ma l’intervento non era iniziato 12 anni fa?
«Il cantiere, nella sostanza, è fermo da molto tempo. Questa è la conclusione alla quale siamo arrivati quando, anche su sollecitazione del vescovo, circa un anno fa abbiamo effettuato un sopralluogo in San Martino. Con la Sovrintendenza di Lucca e il direttore regionale abbiamo appurato che i lavori non erano andati avanti. E che c’erano ancora problemi seri di ordine tecnico».
E che cosa avete fatto?
«Abbiamo effettuato perizie e riscontri, avviato nuovi studi e cercato di capire quale fosse il modo migliore per intervenire sul transetto. Questo iter si dovrebbe concludere il 3 marzo, appunto, con la riunione indetta dall’arcivescovo. In quella sede, infatti, verranno definiti, in modo ufficiale, tempo, progetto e finanziamenti degli interventi. Finanziamenti che dovranno essere nazionali ma anche locali. Si dovrà chiarire, in sostanza, non solo quanti soldi servono, ma anche dove si trovano. Anche se non è certo il reperimento dei fondi ad avere rallentato il cantiere».
Che cosa lo ha tenuto fermo così a lungo, allora?
«La logica progettuale seguita. Probabilmente quella scelta non era la più consona alla struttura. Il cantiere, dunque, si è fermato per esigenze di verifica e approfondimento. Di fronte a questo stallo evidente sono stati chiamati professori universitari e professionisti a occuparsi del duomo. Ho chiesto al direttore regionale delle Belle arti di occuparsi direttamente della questione, in virtù della sua esperienza e in virtù del ruolo che ricopre, come massima autorità sul territorio in rappresentanza del ministero. Il direttore questo ha fatto e ora siamo in conclusione di questo iter istruttorio. E le fila di questo lavoro verranno tirate nella riunione sollecitata dall’arcivescovo».
Lei parla di una logica progettuale non adatta al restauro del duomo. Una logica che ha portato i lavori in direzione opposta a quella individuata dagli attuali esperti. Sono, allora, stati commessi danni al transetto con i primi interventi?
«Le attività svolte finora sono reversibili. Non abbiamo trovato situazioni non gestibili. Comunque ora definiremo il nuovo intervento, non invasivo. E, anche se i tempi sono stretti, lo faremo prima della scadenza del mio mandato».



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news