LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ambiente, valutazioni da sfogliare. In vigore il decreto che corregge il Codice.
Antonio G. Paladino
Italia Oggi 15/2/2008

Rifiuti, tariffa al restyling e province sentinella

Gli atti delle regioni troveranno spazio anche sui giornali


Le amministrazioni locali sono tenute a determinare le tariffazioni per lo smaltimento dei rifiuti attraverso una quota fissa, una variabile e una legata allo spazzamento delle strade. Sar loro cura, altres, disporre delle riduzioni tariffarie nei confronti dei produttori di rifiuti che dimostrino di aver avviato rifiuti allo smaltimento tramite soggetto diverso dal gestore. Saranno le province a monitorare le attivit di recupero dei rifiuti disponendo visite ispettive preventive nei siti loro comunicati. La valutazione di impatto ambientale, nel caso di progetti la cui competenza assegnata alle regioni, approder sui quotidiani a diffusione regionale o provinciale e potr anche essere sottoposta al gradimento dei cittadini interessati. Infine, nasce il comitato per la vigilanza sull'uso delle risorse idriche che vigiler sulle modalit di erogazione dei servizi per individuare eventuali situazioni di criticit e di irregolarit al solo fine di tutelare e garantire i diritti degli utenti, definendo i livelli minimi di qualit di concerto con le regioni, i gestori e le associazioni dei consumatori. quanto si prevede tra le righe del decreto legislativo n. 4/2008, recante norme correttive al codice dell'ambiente, entrato in vigore il 13 febbraio e che contiene norme di interesse per gli enti locali.
Sconti tariffali a chi smaltisce rifiuti. Le amministrazioni locali dovranno provvedere a disporre una riduzione tariffaria nei confronti dei soggetti produttori di rifiuti che dimostrino di averli avviati al recupero tramite soggetto diverso dal gestore dei rifiuti urbani. La tariffazione per le quantit conferite, determinata dall'amministrazione comunale sempre tenendo d'occhio il principio della copertura integrale dei costi del servizio prestato, dovr infatti comprendere una parte fissa, una variabile e una quota dei costi dello spezzamento stradale. Le amministrazioni locali dovranno operare la misura di dette tariffazioni tenendo conto anche della natura dei rifiuti, del tipo e delle dimensioni economi-che e operative delle attivit che li producono. Alle province, invece, come dispone l'articolo 186 del codice ambientale, corretto dal decreto voluto dal ministro dell'ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, spetta, in ossequio all'articolo 19 del Tuel, la programmazione e l'organizzazione del recupero e dello smaltimento dei rifiuti a livello provinciale, senza che questo per comporti maggiori oneri per le casse pubbliche, in quanto le funzioni de quo dovranno esercitarsi con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili. Sar infine obbligo, da parte del gestore del servizio integrato dei rifiuti, applicare a tutto il personale, non dipendente da amministrazioni pubbliche, il contratto collettivo del settore igiene ambientale.
Recupero rifiuti, vigilanza province. Le comunicazioni per l'esercizio delle operazioni di recupero dovranno essere inviate alla provincia territorialmente competente. Si potr intraprendere tale attivit solo quando siano decorsi 90 giorni dalla comunicazione di inizio attivit, entro dieci giorni dal ricevimento da parte dell'ente territoriale della predetta comunicazione. Saranno infatti disposte, da parte della provincia, delle visite ispettive preventive, entro 60 giorni dalla data di presentazione della comunicazione. La provincia dovr iscrivere in un apposito registro le imprese che effettuano la comunicazione di inizio attivit, che dovr contenere indicazioni circa il rispetto di norme tecniche e specifiche e che dovr essere rinnovata ogni cinque anni o al sorgere di modifiche sostanziali nella tipologia di attivit svolta. In caso di inosservanza, la provincia, con j provvedimento motivato, dispone il divieto di inizio ovvero la sospensione dell'attivit, salvo che il soggetto interessato non provveda a conformare la sua attivit alla normativa vigente e comunque nei limiti temporali e con le prescrizioni stabilite dall'amministrazione provinciale.
Impatto ambientale senza segreti. Per quanto riguarda il procedimento di valutazione di impatto ambientale, il decreto in osservazione promuove la consultazione del progetto attraverso notizia a mezzo stampa nonch sul sito web dell'autorit competente. Qualora i progetti siano di competenza delle regioni, le pubblicazioni a mezzo stampa dovranno essere affidate a quotidiani la cui diffusione copre l'ambito regionale o provinciale. La pubblicazione dovr contenere, oltre a una breve descrizione del progetto e dei suoi possibili principali impatti ambientali, l'indicazione delle sedi ove possono essere consultati gli atti nella loro interezza e i termini entro i quali proporre eventuali osservazioni. Il passo che il decreto correttivo innova contenuto all'articolo 24, ove si dispone che facolt dell'autorit proponente proporre una sorta di consultazione popolare, nel senso che si potr disporre un'inchiesta pubblica per l'esame dello studio di impatto ambientale, dei pareri forniti dalle pubbliche amministrazioni coinvolte e delle osservazioni dei cittadini. Qualora attivata, l'inchiesta dovr concludersi con una relazione sui lavori svolti e un giudizio sui risultati emersi, con l'obbligo di valutarli ai fini del provvedimento di valutazione dell'impatto ambientale.
Risorse idriche tutelate. Gli adeguamenti delle tariffe del servizio idrico dovranno essere determinati in modo regolare, occorre salvaguardare e tutelare gli interessi degli utenti. Cos, operando una sostituzione all'articolo 161 del codice ambientale, nasce il comitato per la vigilanza sull'uso delle risorse idriche. Al suo interno opereranno sette componenti di cui tre di nomina diretta dei presidenti delle regioni. Sar il nuovo comitato a predisporre il metodo tariffario per la determinazione della tariffa del servizio idrico nonch le modalit per la sua revisione periodica. Tra le sue prerogative, il comitato emaner direttive atte a garantire la trasparenza della contabilit delle gestioni valutando i costi delle singole prestazioni. I livelli minimi di qualit del servizio saranno pianificati di concerto con le regioni, i gestori e le associazioni dei consumatori.



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news