LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - TRAMVIA: La lunga corsa della tramvia a Firenze
15 FEBBRAIO 2008, L'Unit, FIRENZE

Il progetto nasce nel 1993 con la giunta Morales. Quindici anni di storia e le proteste dellultimo anno

TUTTO INIZI nel lontano 1993. Correvano gli anni della giunta fiorentina del socialista Giorgio Morales cui sarebbe succeduto, nel 1995, Mario Primicerio, il professore di Matematica vicino a La Pira chiamato a governare Firenze negli anni caldissimi del post tangentopoli, Fu deciso allora di riproporre il tram come mezzo di trasporto collettivo e il progetto fu inserito nel piano regolatore del 1993 che fu poi approvato nel 1998 dalla giunta Primicerio. Gi nellottobre dell88, sindaco Massimo Bogianckino, il Comune di Firenze aveva promosso un referendum consultivo che prevedeva anche una domanda sul gradimento della tramvia. La stragrande maggioranza dei fiorentini si espresse nettamente a favore del tram. Per Firenze non si tratta della prima linea tramviaria. I tram erano stati il mezzo di trasporto pubblico di Firenze dal 1890 al 1958 e in molte strade della citt ancora oggi si intravedono le rotaie, quelle che i fiorentini ribattezzarono verghe.
Il massimo sviluppo del sistema fu raggiunto negli anni 30 con circa 220 km di linea. La svolta arriva nel 1999 quando la delibera del Consiglio comunale 609 del 19 aprile approva i lineamenti del Piano della mobilit nel quale prevista la realizzazione del sistema tramviario. Contemporaneamente, nellambito delle intese sul passante ferroviario e la stazione di Firenze dellalta velocit, si trovavano le intese di cofinanziamento da parte di Tav per una parte del sistema tramviario fiorentino. Dopodich la giunta ha approvato il programma di intervento ed i relativi progetti definitivi. Il sistema tramviario fiorentino, finanziato dalla legge 211 1992, anche inserito nella delibera Cipe 121 che approva il primo programma di opere strategiche della Legge Obiettivo 2002.
Si tratta della Linea tramviaria 1 Firenze Santa Maria Novella - Scandicci (km7,5 con15fermate), la Linea tramviaria 2 Peretola Aeroporto - Duomo - Piazza della Libert (km7,5 con17fermate), la Linea tramviaria 3 1 lotto: Ospedale di Careggi - Fortezza (km 4,5 con 9 fermate), 2 lotto: Fortezza Viale Europa( con diramazione a Rovezzano).

La spesa complessiva per lintero sistema tramviario finanziato (linea 1, linea 2 e primo lotto linea 3)ammonta a 487 milioni di euro. Lappalto per la prima linea Firenze-Scandicci ha visto la firma del contratto di costruzione il 6 giugno2003.
I lavori per la realizzazione della prima linea sono iniziati il primo dicembre 2004 e termineranno entro il 2009. Dopo la definizione della prima linea, era necessaria una accelerazione anche per le linee 2 e 3, per evitare la perdita dei finanziamenti statali.

A fronte per di una situazione di grave carenza di risorse pubbliche stato deciso il ricorso alla finanza di progetto o project financing, strumento regolato dalla legge 109 del 94 che permette la realizzazione di opere di pubblica utilit grazie al cofinanziamento tra pubblica amministrazione e imprese private. Si quindi messa in moto la procedura per ricercare un partner privato che si assumesse la quota mancante delle risorse per la costruzione delle linee 2 e 3, e che di conseguenza potesse poi gestire lintera rete tramviaria. Nellottobre 2002 quindi uscito il bando per la ricerca di un soggetto privato interessato al project, a cui ha risposto limpresa francese Ratp, societ controllata dal ministero delle Finanze francese, che gestisce le linee del trasporto pubblico della citt di Parigi nonch due linee della Rer. Ratp ha costituito unassociazione temporanea dimpresa con soggetti italiani e la giunta il 6 settembre 2003 ha dato il via alla procedura di gara che si svolta il 19 febbraio 2004 e si conclusa con laggiudicazione della concessione a Ratp. La societ di gestione che per 30 anni gestir il sistema tramviario fiorentino costituita per il 51% da Ratp e per il 49% da Ataf. Una storia lunga quindici anni, fatta di passaggi complessi sempre ratificati dal consiglio comunale. Solo nel corso del 2007, a cantiere della linea 1 quasi ultimato, partita la protesta e la raccolta di firme contro le linee 2 e 3 che ha portato al referendum di domenica. Referendum consultivo, che teoricamente non sposta di una virgola progetti gi ratificati da anni. Ma che, inutile negarlo, scombussola il clima politico della citt.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news