LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - Case nelle serre, via libera al nuovo progetto San Macario: la Sovrintendenza dice no ma il Comune va avanti lo stesso
di Ilaria Bonuccelli
GIOVED, 14 FEBBRAIO 2008 il Tirreno - Lucca





Per gli uffici tecnici il diniego arrivato tardi, due giorni dopo i termini di legge stando al timbro postale della lettera



--------------------------------------------------------------------------------

LUCCA. Tutto in un weekend. Permessi, dinieghi, variante. Calendario alla mano, al Comune bastano quattro giorni - dal 25 al 28 gennaio - per rimettere in moto il meccanismo di costruzione delle case al posto delle serre a San Macario. E neppure il no della Sovrintendenza - arrivato in ritardo, secondo gli uffici - blocca loperazione immobiliare nata nellestate del 2006 con il rilascio dei primi permessi a costruire intestati alla San Macario srl e poi passati alla societ Imital. Anzi, loperazione procede spedita. Va anche pi veloce delladozione della variante al regolamento urbanistico che elimina proprio la possibilit di costruire case al posto delle serre. E che forse avrebbe creato qualche problema anche a questo intervento.
Infatti, il 28 gennaio, di mattina, viene rilasciata la concessione edilizia per rivedere lintervento di San Macario e la sera, a poche ore di distanza, vengono adottate le regole sulle serre.
Oggi, comunque, grazie al nuovo permesso a costruire - che secondo la Sovrintendenza nullo - la situazione questa: la societ Imital pu realizzare 27 appartamenti (invece dei 32 autorizzati nel 2006) in quattro edifici, anzich in 6 come previsto nelle concessioni originarie (la 213 e 241 del luglio 2006). A novembre, quando presenta la nuova richiesta di permesso a costruire, la propriet fa presente al Comune che riducendo il numero degli appartamenti riduce anche le volumetrie. La Sovrintendenza, per, contraria a questa operazione: laccorpamento dei volumi in quattro edifici rende i nuovi fabbricati troppo invasivi. La soluzione proposta, insomma, andrebbe a modificare in modo radicale larea. Ma la posizione delle Belle arti (vincolante sullarea tutelata dal punto di vista paesaggistico), viene ignorata dal Comune. Perch arrivata fuori tempo massimo, ribadiscono gli uffici. Ecco quindi che scoppia la guerra delle date. A permesso gi rilasciato. E per ricostruire bene la vicenda necessario avere il calendario alla mano.
25 GENNAIO Il 25 gennaio la Sovrintendenza emette il decreto di annullamento del permesso a costruire richiesto da Imital per modificare loperazione immobiliare avviata nel 2006. Il no della Sovrintendenza netto. E viene messo nero su bianco entro i 60 giorni che le Belle arti hanno per esprimersi su progetti che interessano aree vincolate dal punto di vista paesaggistico, come quella di San Macario. La legge precisa che, trascorsi i 60 giorni dalla richiesta di parere, se la Sovrintendenza non si espressa, la pratica si d per approvata, in base al principio del silenzio-assenso. La Sovrintendenza ha presente la disposizione e, infatti, si esprime il 59 giorno: il decreto di annullamento porta la data di venerd 25 gennaio. La data del giorno in cui il consiglio comunale inizia la discussione sulla variante al regolamento urbanistico e sui nuovi limiti al cemento. Solo che non riesce ad adottarla. E tutto viene rimandato al luned successivo, 28 gennaio.
28 GENNAIO La mattina del 28 gennaio il Comune rilascia alla Imital il nuovo permesso a costruire per realizzare 27 appartamenti in 4 edifici al posto delle serre di San Macario. Questo accorpamento di volume consente anche di allontanarsi dal confine con i terreni di un vicino con il quale in corso un contenzioso.
Arriva, nel frattempo, il diniego della Sovrintendenza, ma per il Comune fuori tempo massimo. Gli uffici insistono che doveva essere in municipio entro il 26 gennaio, entro il sabato precedente al rilascio, insomma. Invece, siamo a luned. Anche il timbro postale sul diniego di luned 28 gennaio. Il fatto che la data sul decreto sia del 25 gennaio viene considerato irrilevante. Anzi, semmai sarebbe la conferma che il diniego arrivato in ritardo. Quindi il rilascio del permesso a costruire un atto dovuto, alla luce della normativa in vigore. Almeno a mezzogiorno. La sera tutta unaltra storia. Il consiglio comunale adotta la variante al regolamento urbanistico. Scattano i nuovi limiti al cemento (anche per le serre) e le norme di salvaguardia del territorio. Che, per, non hanno valore retroattivo. Neppure di poche ore.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news