LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salviamo la Casa Rossa, luogo della memoria
Costantino Muscau
Corriere della Sera, 13 febbraio 2008

Dalla stazione tornammo delusi, pensavamo che gli ebrei non avessero aspetto umano. Invece scoprimmo che erano "cristiani" come noi. Era il luglio 1940 e 87 ebrei cominciavano ad arrivare in treno ad Albero-bello (Bari) da tutta Italia. E non certo per ammirare i trulli. Erano destinati alla Casa rossa, uno dei 40 campi di concentramento fascisti allestiti alla vigilia dello scoppio della guerra. Il loro arrivo cos raccontato da Italo Palascia-no in una testimonianza raccolta nel 2002 e riportata nel libro di Francesco Terzulli La Casa rossa (Mursia).
Un po' diverso il ricordo di Heinz Cohn di Louis, commerciante tedesco allora trentaduenne, uno degli 87, che in una testimonianza del 1988 ha lasciato scritto: Arrivai ad Alberobello in catene. Venivo da Milano dove prima dello scoppio della guerra ero andato a visitare mio zio. Ero stato fermato dalla polizia, portato con altri ebrei a S. Vittore e poi in Puglia. Anche gli altri ebrei desti-
nati alla Casa Rossa erano tedeschi in fuga dal Reich 0 profughi dell'Europa orientale. Si trovavano in Italia in attesa di emigrare in Palestina 0 negli Usa. Restarono intrappolati e considerati nemici. Dovevano essere tolti dalla circolazione e avviati in appositi campi di concentramento. Uno la Casa Rossa, un'imponente masseria, ex scuola agraria, in posizione collinare suggestiva a 5 chilometri dal paese. Ma non fu un luogo di villeggiatura per i deportati, che vi rimasero fino al luglio 1942. Molti da l finirono in altri campi, quelli senza via d'uscita. Al loro posto arrivarono, fino al 6 settembre '43,95 cittadini slavi e ebrei italiani. Con l'Armistizio, la Casa Rossa divent colonia di confino per ex fascisti. Beffa del destino.
Poi ospit (dal gennaio all'agosto 1947), 218 donne, le signorine sbandate (spesso al seguito degli americani), 0 ex collaborazioniste, 0 prostitute. Questa variegata presenza femminile suscit l'interesse del regista Geza von Ra-
dvanyi, che, nel '49, realizz il film Donne senza nome - Le indesiderabili.
Infine, questo campo di concentramento buono per tante stagioni, cadde nell'abbandono e nell'oblio. Due anni fa il sindaco di Alberobello, Bruno De Luca, ha scritto a Ciampi per salvare l'unico (e cadente) luogo della memoria in Puglia, testimone di una straordinaria pagina di storia, parte integrante dei tragici effetti delle leggi razziali antiebrai-che. Di propriet della Regione (che sola pu salvarlo) sotto procedura fallimentare. Ora il ministero per i Beni Culturali ha comunicato al sindaco di avere posto un vincolo di tutela sulla Casa Rossa ritenendola immobile di interesse storico artistico. Cos se ne scongiurano l'abbattimento ed eventuali stravolgimenti architettonici e di. destinazione d'uso (a fianco gi sorto un albergo). Quel luogo di sofferenza e di vergogna - commenta il sindaco - diventa monito contro tutti i fascismi e i razzismi e il nostro orgoglio.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news