LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA Sagrestia venduta denuncia al ministero
(a.v.)
La Nuova Venezia 11/02/2008

La sacrestia della chiesa di San Bartolomeo stata venduta dalla Diocesi a un priva-to senza le autorizzazioni necessario. E adesso, a tren-t'anni di distanza, uno storico se n' accorto e ha chiesto al ministero dei Beni culturali di annullare quella vendita ed esercitare il diritto di prelazione. Un case che potrebbe portare a conseguenze clamorose quello sollevato da Piero Pazzi, storico e appassionato di ricerche sui monumenti veneziani. Proprio nel corso di una sua ricerca sulle iscrizioni storiche delle chiese, Pazzi aveva scoperto che una parte della chiesa sagrestia e altre pertinenze non faceva pi parte dell'edificio sacro, che risale al XII ecolo, restaurato nel 1723. Mi sono accorto, racconta Pazzi, che l'an-tisagrestia dopo essere stata frazionata dalla propriet ecclesiastica era stata venduta in data 15 marzo 1977 al titolare del vicino ristorante Gra-spo de Ua, con atto notarile stipulato dal notaio Polizzi. Quella sagrestia destinata da anni a sala da pranzo, continua Pazzi, la porta di accesso stata murata, un acquaio rinascimentale sparito. Ecco allora la denuncia, inviata al direttore regionale per i Beni culturali e il Paesaggio Ugo Soragni. A mio parere, scrive Piero Pazzi, questa compravendita sembra essere non del tutto regolare in quanto la chiesa di San Bartolomeo apostolo monumento vincolato dalla
legge del 1939, ora Codice dei Beni culturali. Dunque, sostiene lo storico, era necessaria l'autorizzazione della Soprintendenza, che difficilmente poteva essere concessa. Per dimostrare che sa di cosa parla, Pazzi ha allegato alla denuncia la fotocopia del rogito, delle piantine e degli estratti catastali. Con la firma dell'allora proprietario del ristorante, Guido Mora, e del vicario don Giuseppe To-niato. E tanto di autorizzazione della Curia, Si autorizza la vendita, scriveva l'ordinario diocesano, della porzione di fabbricato a piano terra e piano primo per la somma di 25 milioni di lire, con rinuncia all'ipoteca legale.
Tutto in regola, dunque? Proprio no, scuote la testa Piero pazzi. Che deciso ad andare fino in fondo. Mi pare curioso, dice, che pezzi di chiesa possano essere venduti senza l'autorizzazione della Soprintendenza. Una vicenda che secondo lo storico richiede giustizia, anche se sono passati trent'anni. In queste vicende, precisa Pazzi, non esiste la prescrizione. Se la vendita non pu essere annullata, la Soprintendenza dovr esercitare il diritto di prelazione previsto dalla legge, per reintrare in possesso del bene.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news