LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Piano regolatore, muro contro muro
di Giancarla Rondinelli
marted 12 febbraio 2008, IL GIORNALE


Quando si dice una battaglia annunciata. Ieri mattina, in aula Giulio Cesare si aperta la discussione finale per la ratifica del Piano regolatore. Circa 12 ore di lavoro non-stop, intervallate da svariate polemiche, numerosi interventi e persino da qualche striscione di protesta. Senza considerare i circa 20mila odg presentati dallopposizione: 10mila de La Destra, 3mila di An, 2mila dellUdc e qualche centinaia di Fi. Se il buongiorno si vede dal mattino, gi dai primi segnali si intuiva landamento che avrebbe preso il dibattito. Erano circa le 10 quando, appena aperta, la seduta stata sospesa. E questo perch da una parte il capogruppo di An Marco Marsilio ha presentato al segretario generale del Comune Vincenzo Gagliani Caputo una richiesta di parere di legittimit, poich, ha detto ci sono state modifiche sostanziali allaccordo di copianificazione e il piano andrebbe ripubblicato. Dallaltra, il capogruppo dellUdc Dino Gasperini, sulla scia di quanto detto nei giorni scorsi, ha continuato a denunciare irregolarit nella procedura di convocazione della seduta consiliare. Passano circa due ore. Dopodich, finalmente, lassessore allUrbanistica Roberto Morassut riesce a fare la sua relazione che d il via ufficiale alla discussione. Un discorso, quello dellassessore, teso a evidenziare innanzitutto la straordinaria attenzione data allurbanistica negli ultimi sette anni dal Consiglio. Un accenno a Veltroni: stato il sindaco del cambiamento. E infine due parole sul Prg, un Piano che unisce la tutela allo sviluppo, la modernit allantichit, il futuro al passato. A commentare le parole di Morassut anche Giancarlo Cremonesi, presidente dellAcer, e presente in Aula Giulio Cesare: Siamo favorevoli allapprovazione del Prg con limpegno di tutti, per, a incontrarsi subito dopo per i necessari adeguamenti. Temiamo si possa mettere in piedi un sistema ingessato che rimanga fermo per i prossimi dieci anni.

Le parole di Morassut provocano, invece, una reazione ben pi irritata negli esponenti del Polo. Comincia An chiedendo di sospendere la seduta, poich, spiegano alcuni consiglieri gi pronto il ricorso al Tar del Lazio per annullare la delibera di approvazione definitiva del Prg in quanto non prevede il processo di acquisizione dei necessari e obbligatori pareri dei Consigli Municipali. Fare le barricate in aula - accusano gli esponenti di via della Scrofa - con questa maggioranza che con un blitz vuole a tutti i costi calpestare il decentramento e la partecipazione dei cittadini per meri interessi di edilizia speculativa potrebbe risultare insufficiente, necessario dunque che i consiglieri di opposizione si dimettano in blocco prima delle dimissioni del sindaco previste per il 14 febbraio in maniera tale da bloccare liter del Consiglio Comunale che non risulterebbe nel pieno dei suoi poteri. Anche Dino Gasperini dellUdc incalza: La forzatura fatta per approvare il Piano regolatore ha fatto s che la pianificazione di Roma sia totalmente svincolata da quella provinciale e regionale. No allapprovazione del Prg in campagna elettorale, le regole si scrivono insieme e non in momenti come questi. E Michele Baldi di Forza Italia lancia il suo avvertimento a Veltroni: Sappia il sindaco che uneventuale approvazione del piano regolatore non sar un punto di arrivo ma un punto di partenza per continuare la nostra battaglia. Non daremo tregua, se non saranno modificate situazioni che penalizzano i cittadini e che sono frutto solo di arroganza e di interessi particolari. Nessuno aveva chiesto al sindaco di scappare e di dimettersi.
tardo pomeriggio e il dibattito arrivato oramai alla massima tensione. Ed ecco la sorpresa de La Destra. Un gruppo di circa venti militanti del movimento di Francesco Storace entra in Aula srotolando un lungo striscione con la scritta No al piano della vergogna. Siamo qui per protestare - spiega il capogruppo di La Destra, Fabio Sabbatani Schiuma - contro lultimo spot del sindaco Veltroni, che, calpestando il Consiglio comunale, ratifica unenorme speculazione edilizia sulla pelle della citt. Gli fa eco il capogruppo in Provincia, Massimo Davenia: In Provincia oggi stato portato in aula il piano provinciale territoriale, che soggetto al Prg. C quindi un accordo che sottende entrambi, non possiamo accettarlo. Il presidente dellaula Giulio Cesare Mirko Coratti ha chiesto immediatamente lintervento della polizia municipale, che ha provveduto a strappare lo striscione e a portare via i volantini dei militanti.

Oggi il secondo round. La discussione riprender questa mattina e andr avanti fino a stasera. Con lopposizione che annuncia di combattere fino alla fine. Anche perch, tuona in serata il deputato di An Fabio Rampelli, si tratta di un Prg subordinato agli interessi economici immobiliari e questo va considerato.




news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news