LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FUCECCHIO. Centro commerciale o villette: che fine far il teatro Excelsior?
MARTED, 12 FEBBRAIO 2008 il tirreno - Empoli


Ci sono due offerte per acquistare la struttura di via Battisti



--------------------------------------------------------------------------------

I portoni in vetro scuro sono chiusi da tre anni, sigillati da quando Pierluigi Di Pasquale riconsegn la licenza per gli spettacoli nelle mani del sindaco Talini e le chiavi dellExcelsior alla famiglia Morelli. Il foyer polveroso, la platea e la galleria buie e freddissime, con le loro 1200 poltroncine su cui nessuno siede da quasi mille giorni. E su cui nessuno forse sieder mai pi. Forse. Dipende da cosa decideranno gli eredi di Guido Morelli, proprietari del famoso teatro di via Battisti. Il loro telefono negli ultimi tempi squillato spesso, in particlare suonato due volte nelle ultime settimane. Dallaltra parte della cornetta due imprenditori toscani, entrambi interessati a sapere se c lintenzione di vendere la struttura.
Ed entrambi con un progetto ben chiaro in testa: abbattere il teatro con i suoi 15mila e passa metri cubi di cemento e realizzarci in un caso un centro commerciale (supermercato con negozi) in un caso delle abitazioni, anzi per la precisione delle villette. I due imprenditori hanno bussato anche alle porte del municipio, prospettando al sindaco le loro idee. Perch chiaro che se la famiglia Morelli dovesse decidere per la vendita a uno dei due sar necessario per il cambiamento di destinazione dellimmobile un iter burocratico con una serie di s da parte dellamministrazione comunale. Tra laltro proprio in questi giorni in corso la stesura del nuovo piano strutturale. Se i tempi dovessero essere stretti la novit potrebbe essere inserita nel piano, altrimenti - come probabile - sar necessaria una variante urbanistica, dopo i vari passaggi nelle commissioni urbanistica ed edilizia.
Ma come detto, presto per parlare dei permessi tecnici. Prima sar necessario capire se la famiglia Morelli sia intenzionata o no a vendere: a quanto pare tra gli eredi di Guido Morelli - che nel 1979 inaugur la struttura progettata dallingegnere fucecchiese Romano Bagnoli - ci sarebbe una frattura sul futuro da dare allExcelsior. Francesco Beconcini, uno dei nipoti di Guido, ha pi volte detto che sarebbe un peccato perdere uno dei teatri pi belli della Toscana per trasformarlo in un centro commerciale o in abitazioni. Ma laltra parte della famiglia - che adesso non vive pi a Fucecchio, ma nellaretino - sarebbe per la vendita. Chi prevarr? Laspetto sentimentale o quello economico.
Una cosa certa: quella struttura chiusa rappresenta un pugno nello stomaco per i fucecchiesi che ogni giorno attrversano il centro. il teatro pi grande di tutto il circondario, con un palco profondo 16 meti e oltre mille posti a sedere. Bellissimo, come lo defin un anno fa Enzo Garinei, direttore del Sistina. Laltro lato della medaglia laspetto economico che ineludibile: riaprire il teatro avrebbe (o avr) dei costi enormi che difficilmente - senza gli sponsor invocati anche di recente dallassessore Cardellicchio - sarebbero sostenibili per chiunque. Ecco perch alla fine dei conti la famiglia Morelli potrebbe decidere per la vendita. E al posto del teatro potrebbero esser realizzate le villette o il nuovo centro commerciale. (gc)



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news