LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

COMO. La casa di Terragni chiusa in un magazzino
Alberto Longatti
la Provincia di Como, 10-02-2008

Quando capita di rievocare labbattimento del vetusto quartiere della Cortesella, un tempo langiporto di Como, si lamenta soprattutto la sparizione dei reperti antichi, ridotti in macerie e spazzati via, ma si sottace la ragione principale della drastica demolizione, il lamentevole stato del quartiere. Da molti anni, ben prima del fatidico 20 ottobre 1938, quando si diede mano al piccone, la citt aveva deciso di fare piazza pulita. Nella premessa del piano regolatore Giussani-Catelli (1919) si diceva esplicitamente che era necessario ed urgente di risanare quel lurido quartiere della Cortesella che costituisce per Como un vero sconcio, in quella parte che per la sua centralit, la vicinanza al lago e al Duomo, dovrebbe essere una delle pi importanti e appetite. Ma gi il primo piano regolatore delling. Giovanni Carcano, stilato nel 1854, sosteneva che il malfamato gruppo di case addossate le une alle altre, privo di adeguati servizi igienici ed ormai degradato, era meglio che lasciasse il posto a qualcosa di meglio dal punto di vista abitativo. un parere che gli autori del piano attuato nel 1936, il CM8 (Bottoni, Cattaneo, Dodi, Giussani, Lingeri, Pucci, Terragni, Uslenghi), fanno proprio. Ed ecco che, dopo aver discusso e predisposto il programma operativo con un preciso regolamento di attuazione, gli sventramenti polverizzano alla svelta ci che era restato della chiesetta di San Nazaro, con la torre campanaria che svettava sopra i tetti, un mozzicone di torre medioevale gi dei nobili Rusca, ghibellini e nemici dei guelfi Vittani, nonch le arcate del Macello Vecchio. Ledificio pi importante e meglio conservato, la trecentesca dimora della famiglia Corticella dalla quale derivava il nome della contrada, caratterizzato da volte a ombrello, il loggiato con le colonnine e lincorniciatura in legno descritti da un fine letterato, Carlo Volpati, resiste per qualche tempo, sorretto alla meglio da impalcature: poi crolla, non si sa bene quanto spontaneamente. Sorte migliore tocca al loggiato quattrocentesco di un altro edificio signorile, la Casa Vietti, che resta in piedi dopo il cedimento dei tre piani soprastanti, protetto da un vincolo del soprintendente alle antichit Gino Chierici. Le foto depoca ce lo mostrano come una quinta teatrale appoggiata a qualche palo, sparuto fantasma proteso sul vuoto del quartiere scomparso. Nel frattempo, gli architetti e gli ingegneri, sollecitati dai finanziatori dellimpresa, lavorano intensamente per reimpostare il cuore della citt. Giuseppe Terragni come sempre il pi attivo, progetta parallelepidi disposti "a taglio" su piazza Cavour di fronte al lago e altri palazzi a gradoni allineati "a pettine" lungo il lato a est dello slargo lasciato libero dalla Cortesella. Il suo intento quello di evidenziare un collegamento fra la zona a lago e il centro cittadino attraverso un sistema interrelato di piazze e di case. E crea sconcerto quando propone un ardito complesso edilizio, progettato con Cesare Cattaneo, che occupa lintera area della demolizione collocandovi una macrostruttura disposta obliquamente con grandi blocchi uniformi applicati ad un alto edificio di forma rettangolare, che visto dallalto sembra una mano con le dita protese: ed una di queste "dita" si allunga verso il centro storico, come se volesse invitare a raggiungerlo. La commissione preposta allattuazione del piano e gli organismi statali di controllo bocciano questo invadente colosso e riducono le dimensioni della sfilata di edifici gradinati. Ma nessuno, salvo la soprintendenza, si cura di salvare il salvabile del patrimonio archeologico, nemmeno i resti della Casa Vietti. Nel 1939 il Consiglio superiore delle Antichit e Belle Arti prescrive di tutelare la parte pi notevole di Casa Vietti e magari di traslare altrove il cortile di Casa Corticella. Per questultima non si fa nulla, per laltra Terragni accetta finalmente di studiare un progetto di valorizzazione dellunico reperto rimasto in piedi, incastonando laggraziato portico quattrocentesco in un organismo nuovo ad uso di mostre e sala di conferenze. Il suo progetto una sintesi felice di antico e moderno, in cui lantico partecipa come elemento vivo ad una composizione viva: un piccolo capolavoro di equilibrio architettonico, contro il quale si scatena una vera battaglia polemica. Le societ ed i privati che hanno finanziato le demolizioni hanno fretta di costruire, e quel rudere, disprezzato anche dai cittadini, d solo fastidio. La Provincia di Como - Il Gagliardetto lo definisce lercia casupola puzzolente , lindustriale Ambrogio Pessina, "magna pars" nella cosiddetta rinascita della Cortesella, dichiara pubblicamente che avrebbe provveduto egli stesso a fare tabula rasa. La minaccia sprona i facinorosi ad organizzare una spedizione: nella notte fra l8 e il 9 gennaio 1940 un "animoso manipolo" di prodi incendiari d fuoco ai resti della Casa, che per, grazie allintervento dei pompieri (osteggiati e dileggiati dalla gente accorsa), riescono a salvarsi in parte. La soprintendenza intima al Comune di provvedere al restauro, ma scoppia la guerra e non c tempo di pensare a certe quisquilie. Facciamola breve. A guerra finita, il relitto di Casa Vietti ancora l. Larch. Federico Frigerio, assessore comunale ai lavori pubblici, di concerto con la soprintendenza milanese (prima Giovanni Rocco, poi Guglielmo Pacchioni), propone di trasferire il rudere. La direzione statale delle Belle Arti si oppone, cerca di far passare una soluzione intermedia, che, come aveva indicato Terragni, riuscisse ad includere lantico portico nelledificio da costruire: alla fine, dopo un tiraemolla durato mesi e mesi, concede che il prospetto architettonico dellantica casa venga smontato e ricostituito nel cortile del costruendo edificio . Macch. Ledificio viene realizzato come si vede oggi, citando ma non replicando, solo ai piani alti, i "gradoni" del ben diverso progetto di Terragni. E la povera Casa Vietti, che lopinione pubblica, influenzata dai giornali, continua a respingere? Presto fatto: il 16 gennaio 1947 la giunta comunale dispone che i miseri resti vengano rimossi e depositati al Museo. Ma anche laggi le antiche pietre sbertucciate, affumicate, sputacchiate, prese a calci, vengono sfrattate e finiscono in un magazzino, dove giacciono nascoste da sessantanni.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news