LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MONZA - «Quelle due curve sono inutili e brutte. Vanno abbattute»
Il Giorno (Monza) 10/02/2008

«SULLE SOPRAELEVATE siamo davanti a una cosa di una demenzialità allucinante.
Nel 1997 si erano impegnati tutti, Sias compresa, ad abbatterle. Adesso, improvvisamente sono da salvare. Dell`autodromo originale non è rimasto più nulla, hanno buttato giù tutto, comprese le vecchie porte, però si ostinano a tenere in piedi quello che
per noi è un vero e proprio ecomostro. Oltretutto le sopraelevate non hanno mai avuto una funzione tecnologicamente avanzata. Eliminarle permetterebbe di ripristinare il "canocchiale
del Canonica". Ma il problema di fondo è che è stato fatto un errore in partenza, ovvero mettere l`autodromo dentro il Parco. A questo punto il nostro impegno è di mitigare i danni che il circuito comporta. Ma non è soltanto un problema di autodromo. Anche golf, tennis e antenna radio sono incompatibili con il disegno del Parco così come l`aveva progettato chi ce l`ha lasciato in eredità. Per noi le sopraelevate sono inutili, non potranno mai avere una funzione in mezzo al verde: stiamo promuovendo una petizione e già trecento persone hanno scritto ai Comuni di Monza e Milano lamentando quello che non va. Qualcuno ci dovrà ascoltare».
- «INNANZITUTTO va premesso che la Regione Lombardia ha destinato 1 milione e 700 mila euro per finanziare la Sias per la realizzazione di un centro di guida sicura nel Parco, in un`area
prospiciente il Roccolo - recentemente restaurato grazie a uno sponsor privato e su iniziativa del nostro Comitato - e la Gerascia, due degli ambienti naturali e storici più preziosi, e dove c`è la maggiore biodiversità del Parco. La Gerascia in particolare, splendido prato rifugio di molte specie faunistiche, potrebbe essere asfaltata e messa a disposizione dell`autodromo.
Avrebbero dovuto salvarle. E continuiamo a essere decisi a farle togliere dalla gestione della Sias perché ho l`interesse che anche i miei pronipoti possano usufruire del Parco. Queste aree servono all`autodromo soltanto per parcheggiare i mezzi o come
pista di atterraggio per gli elicotteri dei vip che vengono
qui a Monza soltanto per una comparsata al Gran premio di Formula Uno. Oltretutto si sta discutendo la costruzione di due piste aggiuntive che dovrebbero correre parallele al circuito, una interna alla concessione e l`altra esterna. L`unica funzione sarebbe quella di rendere più agevole l`accesso alla pista.
Altro cemento. Beh, credo che questo sia un uso assolutamente improprio oltre che dannoso per il verde.
- «LODEVOLE la posizione del Comune di Milano che vuole lavorare
a un progetto globale, soltanto che pensano troppo a voler mettere a profitto il Parco. E non c`è quanto di più sbagliato. D`accordo su un piano che si interessi di Parco e Villa Reale
come un`unica cosa, e non ci vogliono grandi studi. Basterebbe
guardarsi attorno, di esempi da seguire ne abbiamo: Versailles, Venarea, Miramare di Trieste. Per metterli in pratica, però, serve un unico ente. E` qui uno dei grossi problemi: ci sono
troppi proprietari. La costituzione di una Fondazione sarebbe una soluzione seria, giusta e interessante. Ma temiamo che sia solo un vestito nuovo su una cosa vecchia, perché se nell`ente entrerà
chi ha interessi in ballo, allora si parte col piede sbagliato. E con questo non voglio escludere i privati, anzi, ben vengano, anche perché alla fine sono loro che portano i soldi. Però devono essere indipendenti. E poi, per iniziare a costruire in maniera sensata il futuro del Parco, bisognerebbe creare un bilancio specifico.
Un esempio solo: il Central Park di New York è grande un terzo del Parco ma gode di personale che numericamente è dieci volte maggiore di quello di Monza (una ventina di addetti). E allora perché i soldi delle concessioni, invece che finire nel calderone
del bilancio del Comune, non vengono reinvestiti nel Parco e nella Villa Reale? ».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news