LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Palazzo Corigliano, le meraviglie nascoste in piazza San Domenico
Antonella Cilento
10/02/2008 IL MATTINO






Palazzo Saluzzo di Corigliano lo conoscono tutti: ci si passa davanti, distratti, traversando piazza San Domenico, si d un'occhiata veloce al cortile e alla facciata, entrambi elegantissimi. Ma poi, a parte gli studenti dell'Istituto Orientale che qui frequentano corsi di africanistica, lingue asiatiche e studi classici, pochi conoscono le meraviglie nascoste del palazzo: la biblioteca affrescata, le decorazioni dorate, il cabinet del Duca. Ci entriamo, con speciale permesso solo per il giornale, traversando la prima di una coppia di porte scorrevoli rococ. Meraviglia speculare: altre due porte dall'arco ligneo fastoso vi corrispondono sullo stesso piano in un'ala della biblioteca, ingresso segreto alla stanza di specchi (un cubo di scarsi 5 metri x 5), mensole e, un tempo, porcellane voluta dal Duca di Corigliano. Il custode che ci accompagna nel cabinet, dove tutto fermo al 1734 - allegorie, vetri opachi, festoni aurei - salvo piccole appliques liberty e un tavolo tondo con sedie di design moderno per riunioni, apre per noi gli scuri che danno nel cortile, anche quelli perfettamente ricoperti di legno dorato e specchi. Una stanza di segrete delizie, che niente ha da invidiare ai salottini e alle sale da bagno di porcellana di Capodimonte o di Caserta. Ma qui vengono in visita delegazioni universitarie straniere, ospiti illustri: il pubblico non ammesso e le macchine fotografiche nemmeno. Visitiamo anche la magnifica biblioteca, con i residui degli affreschi del Fiaschetti, un tempo assai pi estesi, e ancora immense decorazioni sui soffitti, elegantissimi controluce dorati su monocromi ora verde smeraldo, ora azzurro carta da zucchero. Gli studenti ci spiano silenziosi e noi avanziamo a bocca aperta e naso all'ins. Ma cosa c'era qui prima della stagione settecentesca del palazzo? Nel 1506 questo suolo era libero: casupole, orti, coltivi. I primi acquirenti erano stati Giovanni de Sangro e sua moglie, Andreina Dentice. Giovanni de Sangro, Cameriere Maggiore e Maggiordomo di re Alfonso II, pare avesse ricevuto per i servigi resi al sovrano nel 1494 mille pecore di razza gentile assortite e cento vacche. Andreina Dentice sposandolo gli portava in dote Ischitella, Peschici e Barano d'Ischia. Il primo figlio che ebbero e che portava il nome del figlio del re, Ferrante, fu Doganiere in Puglia e Commissario dell'esercito reale. Giovanni e Andreina commissionarono l'edificazione del loro superbo palazzo al miglior architetto del tempo, il Mormanno, che per il Cameriere del re fece del suo meglio: una costruzione a due piani, in ordine ionico, finestre coperte da plutei classicheggianti. Poi il palazzo pass di mano - ai Carafa di Belvedere e ai Gambacorta duchi di Limatola - e sub danni per un terremoto rimasto celebre, nel 1688. I restauri che ne seguirono fecero peggio: gli operai danneggiarono il cornicione superiore della facciata. Quindi, nel 1727, l'acquist Agostino Saluzzo, banchiere genovese: un sagliuto, come raccontava nelle sue memorie Tanucci, ministro di corte repressivo e odiatissimo: Saluzzo pare appartensse a un genere non amato n stimato a Napoli quali sono li frescamente arricchiti. Agostino Saluzzo si era comprato anche un titolo, quello di duca di Corigliano, e aveva partecipato alla difesa di Torino organizzata dai Savoia assediata dai francesi, acquisendo in tal modo simpatie utili alle sue relazioni durante il viceregno austriaco a Napoli. Ma le simpatie austriache non gli impedirono di essere apprezzato anche dai sopraggiunti Borbone, infatti era Carlo III nel 1739 membro del Consiglio del Supremo Magistrato di commercio e poi Gentiluomo di Camera con accesso agli appartamenti reali. Sapeva far fruttare i denari, Agostino, tenere buone relazioni politiche e, qualit ben pi apprezzabile, scegliere bene gli artisti che lavorarono alla ristrutturazione dell'edificio dove ora abitava: Filippo Buonocore, scenografo e architetto, si dedic ai nuovi e magnifici interni di palazzo Corigliano. Un grande salone affrescato, decorazioni ma, soprattutto, al secondo piano, il cabinet degli Specchi, capolavoro del Settecento europeo, gioiello rococ di gusto maturo e rivoluzionario. Allegorie, mitologie, specchi, mensoline e porcellane. Fra gli Dei anche il Duca con le sue opere di beneficenza (doti per fanciulle da maritare, lavori agricoli e miniere d'argento riaperte a Corigliano). Buonocore disegn sui vetri scuri, che spiccano sui fondi verdi, immagini dorate e fantasiose ispirate alla pi bizzarra delle raccolte iconologiche, quella stampata a cavallo fra Cinque e Seicento da Cesare Ripa, che voleva ...le Imagini fatte per significare una diversa cosa da quella che si vede con l'occhio fatte su imitazione delle memorie che si trovano ne Libri, nelle Medaglie e ne Marmi intagliate per industria de' Latini et Greci o di quei pi antichi che furono inventori di questo artifitio, ma che, in realt, mescolava in modo creativo e a volte paradossale alle figure della classicit le teorie accademiche ed esoteriche del tardo Manierismo. E l'anima del Ripa rivive in grande nel cabinet di Palazzo Corigliano, anche se qui manca l'allegoria della Neve, donna, tutta di color Tan, piena di cespugli et tronchi d'arbori, sopra de' quali (...) si vedano scendere fiocchi di neve, intendendo per lo colore la Terra ove gli Arbori nascono et la Neve si posa, descrizione che rende assai bene la follia linguistica da cui nasce l'ormai desueta parola Ta- N. Nel gabinetto del Duca di Corigliano, ricco sagliuto, ci sono per raffigurate, fra le altre, la Nobilt: donna, togata riccamente, con una Stella in capo et con uno Scettro in mano, la Purezza: giovanetta, vestita di bianco con una Colomba in mano, perch sta ne' cuori teneri, dove non ha ancora fatte le radici la malizia, e la Liberalit, che non consiste nell'atto casuale di donare altrui le cose proprie, ma nell'habito et nell'intentione della mente. Insomma, proiezioni artistiche di un'aspirazione al miglioramento umano, oltre che sintomi di un'ininterrotta ascesa sociale. Ad ogni modo, tutto passa: l'ultima erede di Agostino, Margherita Caracciolo di Forino (genitrice di figlie cos belle che, racconta Aurelio De Rose, erano indicate in strada quando passavano), cedettero la propriet nel 1935 sancendo il passaggio d'uso del bellissimo palazzo all'Istituto di Previdenza Sociale per oltre trent'anni durante i quali il palazzo cadde in rovina e poi, per fortuna, nel 1977 all'Istituto Orientale che ancor oggi vi ha sede e recupera e cura le bellezze dell'edificio. Fra il 1982 e l' '84 scavi archeologici hanno riportato alla luce nel cortile un collettore fognario ellenistico, una domus romana distrutta da un terremoto nel 62 d.C. e innumerevoli reperti di epoche disparate: insomma, sopra e sotto palazzo Corigliano un piccolo scrigno di tesori da far conoscere.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news