LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Porto Empedocle. Il Museo del mare nella torre.
Lorenzo Rosso
10 FEBBRAIO 2008, LA SICILIA


La costruzione intitolata a Carlo V presto vivr una nuova stagione



La colubrina un'antica arma da fuoco, a canna lunga e sottile e con affusto leggero, utilizzata per il lancio di palle di ferro a lunga gittata durante il Cinquecento. Un cannone simile venne ritrovato, parecchi anni fa, sui fondali del mare di Maddalusa, da un esperto sub agrigentino, Cesco Tedesco, che ne segnal la presenza a meno di un miglio dalla costa. Oggi la mezza colubrina di San Leone, recuperata nel 2006 e restaurata alla perfezione, fa bella mostra di s in una sala del Baglio Sanfilippo. E mercoled prossimo, 13 febbraio, in occasione della presentazione ufficiale del cannone restaurato, organizzata dall'assessorato regionale ai Beni Culturali in collaborazione con il Parco Archeologico Valle dei Templi e la Soprintendenza del Mare, le verr pure dedicato un importante convegno di studi.
Si tratta di un cannone in bronzo che, nonostante sia rimasto sommerso dall'acqua per quattro secoli, si mantenuto in buono stato, tanto che al momento del recupero presentava ancora, fatto questo pi unico che raro, parte dell'affusto ligneo attaccato alla ruota.
Era stato Cesco Tedesco, nell'estate di molti anni fa, mentre portava al largo alcuni suoi giovani allievi per un'esercitazione di immersione in profondit, a individuare a circa sette metri, un qualcosa di grosso e tondeggiante che si rivel poi essere la colubrina. Un cannone databile intorno al XVI secolo, almeno cos sostiene la Soprintendente del Mare, Emanuela Palmisano, direttore dei lavori, che proprio mercoled parler sull'operazione di recupero e di restauro di questa grande arma in bronzo di tre metri di lunghezza e del peso di oltre un quintale. Un'operazione molto lunga, effettuata da una equipe di esperti delle officine Legni e segni della memoria che, per asciugare e recuperare l'affusto ligneo, hanno utilizzato perfino degli speciali amidi, mentre sulla parte bronzea hanno lavorato finemente i restauratori dell'Istituto Morigi di Bologna. Fu la stessa archeologa Palmisano, assieme con ial collega della Soprintendenza Gaetano Lino, a curare, sotto la direzione del soprintendente Sebastiano Tusa, il faticoso recupero e il complesso lavoro di restauro.
Il mistero sulla provenienza di questa mezza colubrina ancora molto fitto, anche se l'archeologa Palmisano un'idea in proposito ce l'ha.
Dalle nostre indagini - ha spiegato la studiosa - risulterebbe che questa colubrina di provenienza genovese e di nuova fabbricazione. Questi dati emergerebbero dal fatto che l'arma stata rinvenuta scarica e anche priva di qualsiasi stemma del casato di appartenenza. Ipotizziamo dunque che il cannone stava per venire consegnato a qualche committente siciliano nel momento del naufragio dell'imbarcazione che lo stava trasportando.
Nella zona di mare antistante Maddalusa, dove stata trovata la colubrina, gi stato anche individuato un relitto insabbiato, anche se non si ancora proceduto al suo recupero e questo potrebbe avvalere la tesi dell'archeologa.
Nel corso del convegno il professor Giovanni Renato Ridella, esperto balistico, cercher di tracciare un bilancio di quello che era il traffico mercantile nel Mediterraneo nel XVI secolo mentre Antonino Giuffrida dell'Universit di Palermo parler del sistema difensivo della Sicilia nel Sedicesimo secolo, tra pirati, torri d'avvistamento e milizie territoriali. Al convegno daranno anche il loro contributo scientifico il comandante del Roan di Palermo, sulla collaborazione fornita dalla Guardia di Finanza alla tutela del patrimonio subacqueo e la presidente della Lega Navale di Agrigento, Silvana Bianchettino, ispettore onorario dei beni archeologici sommersi, che si fregia di annoverare tra gli iscritti anche il sub che ha individuato per primo il cannone.
La mezza colubrina di San Leone quindi, da mercoled si potr ammirare nella Casa Sanfilippo, in attesa di trovare per lei una definitiva collocazione quale potrebbe essere quella dell'istituendo Museo del Mare.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news