LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Legge sul silenzio-assenso: Dismissioni pi facili, soprintendenze allo stremo
Paolo Brogi
Corriere della Sera - cronaca di Roma, 25/11/2003

Vogliono riempire le casse svendendo il nostro patrimonio pubblico. Dobbiamo opporci. L'appello lanciato ieri per iniziativa della Cgil di Roma e del Lazio e a cui hanno aderito associazioni, esponenti della cultura e operatori dei beni culturali contro le nuove procedure previste per la vendita di beni pubblici (il famoso silenzio assenso con cui dare via libera alle dismissioni) in lotta contro il tempo: la conversione in legge del decreto che da semaforo verde all'alienazione di qualsiasi bene (saranno eventualmente le sovrintendenze ad opporsi entro i successivi 120 giorni) stata gi approvata da un ramo del Parlamento e ora sta per passare all'altro. Dunque tempi stretti per chiedere un ripensamento al governo, anche se su questo punto prevale nei firmatari un profondo pessimismo.
Dice infatti Vittorio Emiliani, presidente del Comitato per la Bellezza: Il ministro Tremonti ha scelto questa strada per far cassa nel pi breve tempo possibile. Hanno deciso di svendere, chiaro. E puntano sullo stato di estrema prostrazione delle stesse sovrintendenze. Centoventi giorni sono nulla, se si considera quali sono gi oggi i carichi di lavoro... Per ogni suo tecnico la sovrintendenza architettonica della Lombardia calcolava finora 1000 pratiche all'anno, cio quattro al giorno. Che diventano 5 per i tecnici della Sardegna, addirittura 7 per quelli della Liguria. Cosa vuol dire tutto ci? Su organismi gi stremati da questo cumulo di pratiche ora si abbatte questa nuova provocazione. Il risultato sar di bloccare definitivamente il lavoro delle sovrintendenze...
La linea adottata dal governo aveva gi avuto le sue premesse con la proposta iniziale di dare in concessione ai privati la gestione dei beni culturali. La dismissione, nuova versione della proposta bocciata, ne solo la continuazione. quanto sostiene Franco Tumino, presidente dell'associazione nazionale cooperative servizi e turismo. L'elemento conduttore del governo - spiega Tumino - un atteggiamento testardo che non vuole riconoscere centralit al sostegno dei beni culturali. Il resto ne solo l'immancabile conseguenza...
Come possono le sovrintendenze esprimere articolati pareri in soli 120 giorni, continuano a chiedersi in tanti? Recentemente ho letto sul quotidiano della Confindustria -spiega l'urbanista Vezio De Lucia - pareri unanimemente preoccupati di tecnici del settore, sovrintendenti in testa. Di fronte a queste prese di posizione come si fa a non essere preoccupati? Temo in effetti una dismissione massiccia di beni pubblici. Conclusione. Ripristinare la legislazione in atto. Si chiede la cancellazione dell'articolo 27 del decreto - spiega il segretario della Cgil romana, Stefano Bianchi - e il ripristino della procedura corretta.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news