LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capolavori globetrotter: prestiti per esposizioni
Cesare De Seta
L Espresso 14/2/2008

Recuperare le opere rubate. E prestare solo a chi lo merita. Per il bene dell'arte. E del pubblico

Laccordo per la restituzione di opere d'arte trafugate dall'Italia stipulato dal ministro dei Beni e delle Attivit culturali Francesco Rutelli con il Getty Museum apre una breccia nel muro che da sempre aveva opposto il nostro Paese a questo importante museo americano: gi aperta con le convenzioni stipulate con il Metropolitan Museum di New York e il Fine Arts Museum di Boston.

Il ministro ha annunciato una grande mostra, per l'anno prossimo, di questi attesi rimpatri. Per decenni questi musei statunitensi si erano negati a ogni genere di trattativa, con un atteggiamento di sfida che qualificare arrogante eufemistico, a cui i governi italiani avevano replicato fiaccamente.

L'intesa stabilisce un principio importante in senso diplomatico e culturale: l'Italia non terra di conquista per tombaroli, spregiudicati mercanti d'arte e non meno disinvolti direttori di musei di paesi affluenti. Costoro hanno agito come la pirateria di Ancien Regime, con la tacita complicit dei governi; e non hanno badato a spese per accaparrarsi pezzi di provenienza illecita. Una rete potente e attivissima che ha consentito anche il riciclaggio di danaro sporco.

L'accordo ha uno squisito significato culturale a causa della quantit e qualit del nostro patrimonio d'arte: una parte essenziale dell'identit della nazione che va tutelata, valorizzata e, l dove storicamente accettabile, reintegrata in quelle parti che fraudolentemente le sono state sottratte. Non si tratta d'avanzare richieste strampalate - chiedere la restituzione della "Gioconda" come un membro del governo Berlusconi intendeva fare - ma stabilire il principio che il maltolto va reso ai legittimi proprietari. Infatti il Getty s'impegna, d'ora in poi, ad una congiunta lotta al commercio clandestino delle opere d'arte mentre il nostro Paese assicura un contributo con prestiti rilevanti per esposizioni o per periodi da stabilire.

Questo secondo punto dei prestiti per esposizioni porta al pettine un nodo che merita d'essere affrontato con la medesima determinazione politica e accortezza diplomatica. La difficolt di organizzare mostre di grande rilievo in ogni parte del mondo divenuta sempre maggiore: per la delicatezza dei pezzi, per i costi d'assicurazione e di trasporto, per i rischi che tali opere corrono.

Giovanni Urbani dichiar, dall'osservatorio di direttore dell'Istituto centrale del restauro, di non poter indicare un sol caso d'opera d'arte che, dopo una trasferta, non avesse subito un qualche trauma. Tuttavia le grandi mostre consentono l'avanzamento della conoscenza e rispondono a una domanda culturale sicuramente destinata a crescere. Il problema razionalizzare la complessa macchina della politica culturale del nostro tempo in questo settore. Proprio per la ricchezza e la qualit del suo patrimonio d'arte il nostro Paese sollecita prestiti da musei di ogni parte del mondo. Abbiamo dalla nostra un immenso patrimonio di oggetti d'arte molto ambiti, e in quanto tali da usare come preziosa moneta di scambio. I nostri musei pubblici sono tradizionalmente tra i pi attivi e generosi prestatori di opere, ma ne traggono in cambio briciole.

Sarebbe auspicabile che tra l'Italia e i maggiori paesi stranieri che conducono una politica culturale di rilievo si creasse un tavolo permanente d'intesa. Esso dovrebbe avere la funzione d'affermare il principio della reciprocit. L'Italia, proprio per il ruolo che le viene riconosciuto, potrebbe farsi promotrice di un tale programma. Poich le difficolt legate ai costi e ai prestiti non riguardano solo l'Italia, si pu organizzare un programma internazionale di mostre con i maggiori musei del mondo che stabilisca linee di ricerca comuni da perseguire, ad esempio, nel prossimo quinquennio. il ministero assumerebbe il ruolo di coordinare le proposte che vengono dai musei italiani in modo da raccordarle con i musei stranieri interessati: questo comporterebbe uno straordinario risparmio di costi e soprattutto eliminerebbe inutili sovrapposizioni o concorrenze campanilistiche.

Il primo passo una politica di programmazione delle mostre in Italia. Il secondo passo la programmazione di grandi eventi espositivi nati da intese bilaterali. L'attuale proliferazione selvaggia di mostre non segno di vitalit culturale, ma di anarchia e di ambizioni sbagliate. La "Bella Italia" afflitta da una bulimia di mostre assai spesso scadenti che mangiano risorse e intasano il mercato: si sa che la moneta cattiva scaccia la buona. Programmare, evitare sovrapposizioni, selezionare lavoro delicato e necessario, a cui lo Stato pu provvedere in collaborazione con le maggiori istituzioni museali del mondo e nell'interesse reciproco.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news