LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AllUnesco un solo dossier Piemonte
S. Mir.
La Stampa Alessandria 8/2/2008

Si unificano le richieste per ottenere il riconoscimento a patrimonio dell'Umanit

Il miraggio Unesco si fa pi concreto. Dopo quasi cinque anni di proposte, dichiarazioni, annunci pi o meno roboanti, il Piemonte riesce finalmente a presentarsi unito e con un solo dossier da inviare a Parigi per ottenere il riconoscimento di patrimonio mondiale dell'Umanit per i suoi paesaggi vitivinicoli tipici.
L'intesa sar ufficialmente siglata stamani a Torino, alla direzione regionale per i Beni culturali e paesaggistici, dalla sottosegretario Danielle Mazzonis, con la presidente della Regione Mercedes Bresso e i presidenti della province di Alessandria (Filippi), Asti (Marmo) e Cuneo (Costa).
Cinque firme in calce ad un solo documento sono un risultato non facile da raggiungere: il paesaggio viticolo del Sud Piemonte molto variegato e ci sono stati vari problemi di primogenitura e visibilit politico-amministrativa. Ma ora le divisioni e i campanilismi paiono superati. Dopo le firme a Torino il sottosegretario, con l'assessore regionale Sergio Conti e una delegazione tecnica, visiter nel pomeriggio Barbaresco (alle 15), poi si sposteranno a Canelli e Costigliole d'Asti e alle 18 sono attesi a Vignale Monferrato. Un viaggio per capire potenzialit e punti critici del progetto che, se andr in port, sar una carta importante da spendere come richiamo turistico.
DallUnesco sono per arrivati segnali che indicano la necessit di mirare bene l'obiettivo, proponendo solo il meglio del paesaggio e della cultura vitinicola. Zone ormai troppo urbanizzate da capannoni villette a schiera e non solo, dovranno essere messe da parte.
I primi a credere nella possibilit di ottenere l'ambito riconoscimento dell'Unesco sono stati i canellesi che, con Pallora sindaco Oscar Bielli, si mossero per tutelare le loro cattedrali sotterranee: decine di chilometri di storiche cantine. Un gruppo di Case vinicole come Contratto, Coppo, Bosca, e Gancia si dissero disponibili ad appoggiare il progetto e avviarono restauri e percorsi di visita.
Intanto anche nell'Albese ci si mossi puntando sullo storico paesaggio vitato reso celebre da vini come il Barolo e il Barbaresco. In un primo momento pareva dunque che a Parigi dovessero arrivare due dossier separati, o magari tre, visto che anche nell'Alessandrino c'era chi reclamava l'inclusione del Monferrato nella lista dei siti protetti dallUnesco.
Finalmente dopo decine di riunioni e sopralluoghi si arrivati alla decisione di una candidatura collegiale e di unificare la domanda preparando un solo dossier. La Provincia di Asti ha stanziato 200 mila euro e lanciato una campagna di informazione e convincimento tra tutti i residenti, con un opuscolo spedito a casa degli astigiani.
Ma come funziona l'iter della candidatura? L'Unesco fissa parametri abbastanza rigidi. Dovr arrivare a Parigi un dossier storico e tecnico, rafforzata dal s del governo a Roma. Poi seguiranno i sopralluoghi.
Ogni Paese ha gi una sua lista di siti in Word heritage, da lasciare in eredit alle future generazioni dell'umanit.
I siti finora tutelati sono circa 800 nel mondo e una quarantina in Italia. Pochissimi i paesaggi vitivinicoli: la zona dell'Alto Douro in Portogallo, i vigneti dell'isola vulcanica di Pico nelle Azzorre, le colline del Tokaj in Ungheria, quella di Saint Emi-ion in Francia, la valle del Medio Reno in Germania e il Neusiedlersee in Austria.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news