LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piemonte. Le colline tra vigne e cemento
Roberto Fiori
La Stampa 9/2/2008

Piemonte candida anche Monferrato Roero e Astigiano
"Le Langhe patrimonio dell'umanit". Ma i cantieri assediano il paesaggio. I promotori sostengono che la vittoria consentirebbe
di riqualificare queste zone

Sar la prima candidatura a macchia di leopardo nella storia dellUnesco, il primo esempio di proposta a omissis. Omissis sui capannoni e sulle villette in paramano, sulle colate di cemento nei fondovalle e sulle stramberie di colori e forme in cima alle colline, per far risaltare in tutto il loro splendore luoghi straordi-nari segnati dalla mano dell'uomo.
Scriveva Cesare Pavese nella Luna e i fal: Non c' niente di pi bello di una vigna ben zappata, ben legata, con le foglie giuste e quell'odore della terra cotta dal sole d'agosto. Una vigna ben lavorata come un fisico sano, un corpo che vive, che ha il suo respiro e il suo sudore. Una citazione da tenere a mente, ora che i paesaggi vitivinicoli tipici del Piemonte si candidano ufficialmente a diventare patrimonio dell'Umanit come la zona dell'Alto Douro in Portogallo, i vigneti dell'isola vulcanica di Pico nelle Azzorre, la zona del Tokaj in Ungheria, quella di Saint Emilion in Francia, la valle del Medio Reno in Germania e la Val d'Orcia in Toscana.
Langhe, Roero, Monferrato e Astigiano cercano di conquistare una poltrona nel club pi esclusivo, ma l'intesa firmata ieri tra il Ministero per i Beni e culturali, la Regione Piemonte, le Province di Alessandria, Asti e Cuneo indica una strada inedita. I promotori parlano di aree di eccellenza e di aree tampone, necessarie per collegare un sito con l'altro. E dicono che la candidatura sar un'esperienza interessante di pianificazione, gestione e tutela comune del paesaggio, nonch l'occasione per riqualificare alcune zone. Dopo aver applicato in anticipo lo stile veltroniano - candidiamo le Langhe a patrimonio dell'umanit, ma anche il Roero, ma anche il Monferrato, ma anche l'Astigiano - allargando cos il territorio a dismisura, adesso corrono ai ripari per non andare incontro a un insuccesso. Per esempio, si chieder all'Unesco di promuovere gli straordinari vigneti del Barolo, ma di chiudere un occhio sulle distese di fabbriche e magazzini a valle; di premiare le cattedrali-cantine sotterranee di Canelli, ma di sorvolare sui suoi condomini all'aria aperta.
D'altra parte, i turisti che a decine di migliaia arrivano nel Sud Piemonte sono gi allenati a queste altalene di emozioni e delusioni: a Grinzane Cavour, per salire al castello del conte Camillo Benso dove oggi c' la pi importante Enoteca regionale, occorre attraversare in apnea un'area industriale che rischia di essere ancor pi sacrificata al cemento con altri 30 mila metri quadrati di capannoni. A Barolo c' il castello della Volta, del 1200, che va in rovina. E a due passi spuntato un suo antagonista in perfetto stile disneyano.
Il panorama in cui si inserisce la candidatura Unesco complesso. Da una parte ci sono le attivit produttive, ossia la spina dorsale dell'economia di un territorio operoso, che nell'Albese addirittura diventata pi volte internazionale. Dall'altra c' il paesaggio naturale e agricolo, garante della genuinit dei prodotti e forza attrattiva per il turismo. Rinunciare all'utilit delle prime impossibile. Abbandonare la bellezza delle seconde un suicidio.
Senza contare il fascino di vini e paesaggi letterari. Da una parte il Barolo e il Barbaresco, l'Arneis, il Barbera e il Moscato. Dall'altra Cesare Pavese e Beppe Fenoglio, Giovanni Arpino e Davide Lajolo. Basterebbero questi nomi per far cambiare idea a chi ancora pensa alle Langhe, al Roero e al Monferrato come terre esclusivamente della buona tavola. Basterebbe lo stupore del protagonista di Paesi tuoi - Siamo in mezzo a due mammelle, dico; qui nessuno ci pensa, ma siamo in mezzo a due mammelle - per trovare la chiave di lettura tra i sentieri che scorrono nelle vigne e risalgono i crinali.
Ma i commissari dell'Unesco non si accontentano della poesia. Vogliono piani di tutela e dimostrazioni della volont di conservare al meglio ci che la natura e il lento lavoro dell'uomo hanno creato. Perch anche un ottimo Barolo prodotto in una terra sempre pi brutta sarebbe un po' meno buono.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news