LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE -Candidati a patrimonio mondiale dellUnesco i vigneti di Langa, Roero e Monferrato
MARCO TRABUCCO
09 febbraio 2008, la Repubblica - TORINO


LE COLLINE AMATE DA PAVESE FRA I TESORI DELLUMANIT

Ieri la firma dellaccordo tra Regione, Ministero e Province di Alessandria, Asti e Cuneo A fine anno il dossier a Parigi il verdetto arriver per il 2010



er chi le ha amate e raccontate come Pavese e Fenoglio, le colline del Piemonte meridionale sono da sempre uno dei panorami pi belli del mondo. I declivi, spesso aspri, delle Langhe, del Roero e del Monferrato che da Mondov fin oltre Acqui Terme sono la culla di vini pregiati e famosi dal Barolo al Barbaresco, dalla Barbera al Moscato. Paesaggi dellanima per i piemontesi che adesso vogliono diventare patrimonio mondiale.
Ci si lavora da tempo, ma ieri con la firma dellaccordo fra Regione, ministero dei Beni Culturali e Province di Alessandria, Asti e Cuneo partito ufficialmente liter per candidare i vigneti di Langhe, Monferrato e Roero a Patrimonio Mondiale dellUnesco. Un iter non semplice, spiega lassessore regionale al Territorio Sergio Conti: Il dossier per la candidatura quasi pronto, sar finito entro giugno e entro fine anno lo consegneremo allUnesco a Parigi. Poi ci saranno le visite degli ispettori ai siti interessati, ufficiali, ma anche nascoste. Il verdetto fissato per il 2010: se arriver il s sperato, i siti piemontesi considerati patrimonio dellumanit diventeranno tre: e le nostre vigne si aggiungeranno alle Regge Sabaude e ai Sacri Monti che lo sono da tempo.
Fino a poco tempo fa i siti che ottenevano questo prestigioso riconoscimento erano quasi solo quelli con alto valore artistico. Poi si inserito anche il paesaggio: le bellezze naturali, ma anche i paesaggi trasformati dalluomo: importante spiegare - aggiunge Conti - che qui non si parla di un parco nazionale, ma di luoghi in cui le attivit umane, il lavoro e lartigianato, ci sono e devono continuare a esserci e svilupparsi. Perch sono loro, come il caso delle vigne, che hanno creato o contribuito a creare la bellezza del paesaggio.
Langhe, Roero e Monferrato non sarebbero i primi siti enoici ad ottenere questo riconoscimento: fra gli attuali 851 siti mondiali sotto la tutela dellUnesco figurano infatti gi la zona di produzione del Tokaij in Ungheria, lAlta Valle del Douro in Portogallo (dove si produce il Porto), i vigneti terrazzati di Lavaux in Svizzera e la zona di Saint Emilion, terra di rossi pregiatissimi, nel Bordolese. Due sono le aree anche in Italia: i pendii terrazzati a picco sul mare delle Cinque Terre in Liguria, dove nasce lo Sciacchetr. E la Val DOrcia in Toscana. Monferrato, Langhe e Roero coprono il 90 per cento della produzione vinicola del Piemonte, (circa tre milioni di ettolitri di vino lanno con un fatturato sui 335 milioni di euro e Il 60 per cento della produzione esportato, soprattutto in Germania, Gran Bretagna, Francia, Svizzera e Stati Uniti.
Ma laspetto economico non rilevante ai fini della candidatura. Ben pi importante la ricca dotazione di storiche cantine scavate nel tufo, di antiche cascine dalle eleganti architetture, di borghi medievali impreziositi da chiese e castelli. Non a caso oltre agli enti locali si sono impegnati nel sostegno alla candidatura anche importanti gruppi privati del settore come Gancia: Lobiettivo - aggiunge Conti - stimolare a investire sulle possibilit di accoglienza turistica in questi territori che sono gi, soprattutto le Langhe, tra i pi visitati del Piemonte. Gi la candidatura sar importante per attrarre turisti. Ce la faremo - afferma Emanuela Zanda, la funzionaria della Soprintendenza che sta seguendo liter della candidatura - abbiamo tutte le carte in regola. E il pieno appoggio del ministero. Anche se i rivali sono da far tremare i polsi: la Champagne e lalta valle del Reno in Germania, culla dei Riesling pi pregiati.
Ieri mattina la presidente della Regione, Mercedes Bresso, ha firmato lintesa che dar il via ufficiale alla candidatura insieme al sottosegretario ai Beni Culturali delegato ai rapporti con lUnesco, Danielle Mazzonis, e ai presidenti delle tre Province interessate: Paolo Filippi, Roberto Marmo e Raffaele Costa. Nel pomeriggio Mazzonis ha poi compiuto un sopralluogo dellarea insieme allassessore Conti. Uno degli elementi per ottenere il s dellUnesco - ha spiegato Bresso - la presentazione di un valido piano per la tutela e la gestione dellarea. La difficolt sta nel riuscire a dettare regole in grado di proteggere un territorio conservandone la bellezza, ma senza limitare eccessivamente lattivit umana cui quella stessa bellezza si deve. Un paesaggio vitinicolo che stato modellato dalluomo non pu essere cristallizzato, ma deve essere difeso con norme mirate a una evoluzione positiva. Con lItalia - ha sottolineato Mazzonis - lUnesco sempre pi severa, siamo infatti il primo paese al mondo per numero di siti sotto la sua tutela, 42. Non abbiamo mai sbagliato una candidatura: questa che parte dal Piemonte valida e ritengo che andr a buon fine.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news