LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Recuperare Napoli nellindustria culturale
ALFREDO DAGNESE
09 febbraio 2008, la Repubblica - NAPOLI



solo unipotesi, un appuntamento nellagenda delle belle intenzioni lUnione mediterranea caldeggiata dal presidente francese Sarkozy. NellItalia che va al voto, nella Spagna in bilico e in altri Paesi sono altre le emergenze che premono alla porta. Eppure, anche in vista del Forum delle Culture del 2013, la nascita di una nuova creatura sovranazionale potrebbe rappresentare un toccasana per la nostra citt. indubbio che da almeno cinquantanni parliamo una lingua legata al retaggio anglosassone. Nel sistema Italia, e infinitamente pi al Sud, nel Mezzogiorno, la grande industria ha i colori delle multinazionali. Le grandi decisioni, economiche, industriali, artistiche, si prendono al massimo in Nord Europa. Lindustria culturale uno dei settori pi colonizzati, meno autonomi.
Napoli stata un tempo crocevia di popoli, poeti, musicisti, architetti, meta privilegiata dal Grand Tour. Chi ha presente gli studi di Fernand Braudel sul Mediterraneo e conosce un po di storia sa quanto abbia contato questa citt nei destini della civilt occidentale. Lucio Amelio nellinaugurare a Parigi alla fine degli anni Ottanta la sua galleria "Pice unique" raccontava agli studenti dellaccademia di belle arti parigina i tempi in cui lEuropa aveva solo due capitali, Napoli e Parigi.
Oggi non pi cos. Siamo ai margini del mercato in tutti, o quasi, i settori artistici. In editoria come in arte, nel teatro come nella musica non esistono n segmenti industriali forti, n centri dirradiazione. Prendiamo lesempio della musica: se escludiamo il caso limite del pop edulcorato alla DAlessio, siamo fuori da un sistema economico che genera soldi e investimenti. dai tempi del neapolitan power (la trimurti Pino Daniele, Edoardo Bennato, Teresa De Sio) che la nostra musica non sfiora le classifiche se non con prodotti di quantit.


Che cosa accadrebbe se questo nuovo organismo fosse in grado di generare un mercato mediterraneo (del libro, della musica, dellarte in generale) in grado di essere protezionistico (in senso buono) con la stessa forza di quello anglosassone e delle multinazionali, per usare unespressione brutta e stra-usata "glocale, fuorch globale"? In questo scenario tutta la nostra musica e arte che oggi sono ai margini, quando non sono un fenomeno di imitazione o di riposizionamento/traduzione, rientrerebbero in gioco.
E nel tempo ritroverebbero forza. Siamo un popolo distratto e autolesionista, abbiamo alle spalle istituzioni politiche quanto meno in ritardo. Un mese fa Charlie Gillett, nume tutelare della Bbc, scopritore di talenti come i Dire Straits, Elvis Costello e molti altri e inventore del termine "world music", ha raccontato a Lespresso il suo punto di vista sul suono in cui siamo immersi. Quando il cronista gli ha chiesto di parlargli della musica italiana, il disc jockey britannico ha fatto solo due nomi: Eugenio Bennato ed Enzo Avitabile, guarda caso proprio due tra i talenti maggiori della nostra musica popolare contemporanea.
Sia luno che laltro sono arrivati in Gran Bretagna sostenuti solo dalle loro forze, senza unindustria alle spalle, come artisti qualsiasi provenienti dallAfrica o dallAsia. Puntare sul Mediterraneo significa rendere centrali nomi che oggi sono splendidi "animali di razza e di nicchia" come Daniele Sepe o Marco Zurzolo (solo per citarne due in una vasta moltitudine). Non solo: significherebbe riportare nelle radio, nelle televisioni (anche in Rai, perch no?), arte e artigianato originali.
La scelta di Pippo Baudo di invitare Eugenio Bennato in gara allimminente festival di Sanremo pu essere colta come una occasione per la musica del Sud. E pu essere un altro gancio per continuare questa riflessione. Bennato dieci anni fa lanciava il Taranta Power, che sulla scia del fenomeno Buena Vista Social Club, avrebbe avuto le potenzialit di raggiungere un pubblico vastissimo. La storia ci dice che non andata cos: quel disco, ancora il suo migliore degli ultimi quindici anni, era il manifesto di un movimento che non ha mai potuto avere una voce abbastanza forte per imporsi al pubblico di massa.
Mancava il segmento ma il messaggio con ritardo riuscito ad arrivare. E se Sanremo potesse, per una volta, diventare davvero un volano artistico? una storia del presente che pu avere ricadute positive e pesanti sul futuro. Qualche piccolo segnale, a dire il vero, arriva anche dalle nostre istituzioni. Lultimo Capodanno vissuto dalla nostra citt stato dedicato coraggiosamente al dialogo tra musicisti mediterranei (escludendo la compromissoria scelta di portare in scena Sal Da Vinci e ancor pi Gigi Finizio). Nel taccuino degli eventi che si terranno da oggi al 2013 in programma un Festival della Musica del Mediterraneo. una possibilit per poter dire e fare qualcosa di importante.
Se sapremo puntare sulle nostre radici, sulla nostra attitudine, se sapremo dare spazio alla vera voce della nostra cultura, se sapremo affrontare la sfida della globalizzazione culturale senza puntare solo su major e McDonald potremo tornare a recitare un ruolo autorevole sullo scacchiere internazionale.
Il Forum delle Culture si presenta come una incognita, ma anche una sfida a ritrovare le nostre vocazioni, a raccontare chi siamo senza vergogna e senza provincialismi. A testa alta.








news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news